Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28053 del 09/12/2020

Cassazione civile sez. lav., 09/12/2020, (ud. 26/06/2020, dep. 09/12/2020), n.28053

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BERRINO Umberto – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – rel. Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2110/2015 proposto da:

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE, in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, LUNGOTEVERE RAFFAELLO 9, presso lo studio dell’avvocato

MASSIMO LUCIANI, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

S.C., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA BARTOLOMEO

DUSI, 29, rappresentato e difeso da se medesimo;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 212/2014 della CORTE D’APPELLO di CAMPOBASSO,

depositata il 30/10/2014 r.g.n. 141/2013.

 

Fatto

CONSIDERATO E RITENUTO

Che:

1. nelle more del giudizio di cassazione, proposto dall’attuale parte ricorrente avverso la sentenza in epigrafe indicata, è intervenuto atto di rinuncia della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense, ritualmente notificato al controricorrente, avvocato S.C.;

2. in conseguenza dell’intervenuta espressione della volontà abdicativa va dichiarata l’estinzione del giudizio con compensazione delle spese;

3. la declaratoria di estinzione esclude l’applicabilità del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, relativo all’obbligo della parte impugnante non vittoriosa di versare una somma pari al contributo unificato già versato all’atto della proposizione dell’impugnazione (v., fra le altre, Cass. n. 5770 del 2017).

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il processo; spese compensate.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 26 giugno 2020.

Depositato in Cancelleria il 9 dicembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA