Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28047 del 02/11/2018

Cassazione civile sez. VI, 02/11/2018, (ud. 11/10/2018, dep. 02/11/2018), n.28047

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. NAPOLETANO Lucio – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 23033-2017 proposto da:

BLUE SRL in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio

dell’avvocato ROCCO LUIGI GIROLAMO, rappresentata e difesa

dall’avvocato LUCA PAGLIA;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1859/34/2017 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di NAPOLI, depositata il 01/03/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 11/10/2018 dal Consigliere Dott. LUCA SOLAINI.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con ricorso in Cassazione affidato a un motivo, nei cui confronti l’Agenzia delle Entrate ha resistito con controricorso, la società contribuente impugna la sentenza della CTR della Campania, relativa ad alcuni avvisi d’accertamento per Ires Iva e Irap 2008, la cui motivazione è stata, ad avviso della ricorrente, meramente apparente. La società ricorrente deduce il vizio di nullità della sentenza, per violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, artt. 36 e 61, art. 112 c.p.c. e art. 118 disp. att. c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, in quanto, erroneamente, i giudici d’appello, si erano limitati a una incondizionata adesione al decisum di primo grado senza illustrare e valutare nella parte motiva i plurimi motivi di gravame e senza prendere in considerazione, non fosse che per disattenderli, gli elementi di prova addotti dalla società appellante.

Il motivo è fondato.

Secondo l’insegnamento di questa Corte La motivazione è solo apparente, e la sentenza è nulla perchè affetta da “error in procedendo”, quando, benchè graficamente esistente, non renda, tuttavia, percepibile il fondamento della decisione, perchè recante argomentazioni obbiettivamente inidonee a far conoscere il ragionamento seguito dal giudice per la forma ione del proprio convincimento, non potendosi lasciare all’interprete il compito di integrarla con le più varie, ipotetiche congetture” (Cass. sez. un. 22232/16, sez.un. n. 8053/14).

Nel caso di specie, i giudici d’appello si sono manifestamente “appiattiti” sulla sentenza di primo grado, senza autonomamente valutarne le ragioni fondanti e senza dimostrare di aver esaminato i motivi di gravame non fosse che per disattenderli, di talchè tale motivazione è da considerare “perplessa”, “obiettivamente incomprensibile” e senz’altro al di sotto del “minimo costituzionale”. La sentenza va, pertanto, cassata e la causa va rinviata alla Commissione tributaria regionale della Campania, affinchè, alla luce dei principi sopra esposti, riesamini il merito della controversia.

PQM

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Accoglie il ricorso.

Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del presente giudizio di legittimità, alla Commissione tributaria regionale della Campania, m diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 11 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 2 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA