Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28000 del 21/12/2011

Cassazione civile sez. trib., 21/12/2011, (ud. 15/11/2011, dep. 21/12/2011), n.28000

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. D’ALONZO Michele – Consigliere –

Dott. BERNARDI Sergio – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.N., elettivamente domiciliato in Roma, via Caio Mario

n. 13, presso l’avv. Cappelleri Mario, che lo rappresenta e difende

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

COMUNE di ROMA, in persona del sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in Roma, via del Tempio di Giove n. 21, presso l’avv.

Ceccarani Bruno dell’Avvocatura comunale, che lo rappresenta e

difende giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del Lazio

n. 163/27/05, depositata il 9 dicembre 2005;

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 15

novembre 2011 dal Relatore Cons. Dott. Biagio Virgilio;

udito l’avv. Cappelleri Mario per il ricorrente;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

FIMIANI Pasquale, il quale ha concluso per l’accoglimento del

ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. P.N. propone ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del Lazio indicata in epigrafe, con la quale, rigettando l’appello del contribuente, è stata confermata la legittimità degli avvisi di liquidazione dell’ICI emessi dal Comune di Roma per gli anni 1994/1997 in relazione ad immobili di interesse storico o artistico.

Ad avviso del giudice a quo, ai fini dell’applicazione del D.L. n. 16 del 1993, art. 2, comma 5, – che prevede, per detti immobili, che la base imponibile, ai fini ICI, è costituita dal valore risultante applicando alla rendita catastale, determinata mediante l’applicazione della tariffa d’estimo di minore ammontare tra quelle previste per le abitazioni della zona censuaria in cui è sito il fabbricato, i moltiplicatori di cui al D.Lgs. n. 504 del 1992, art. 5, comma 2 -, il contribuente avrebbe dovuto chiedere all’Ufficio del territorio la rettifica delle rendite catastali in atti.

2. Il Comune di Roma resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso, con il cui unico motivo si censura l’anzidetta ratio decidendi, è fondato, poichè la norma agevolativa in esame non richiede alcuna preventiva rettifica della rendita catastale, limitandosi a stabilire, ai fini dell’ICI, per gli immobili di interesse storico o artistico ai sensi della L. n. 1089 del 1939, art. 3 un particolare metodo di calcolo della base imponibile dell’imposta (analogamente a quanto stabilito, per le imposte sui redditi, dalla L. n. 413 del 1991, art. 11, comma 2).

Secondo la giurisprudenza di questa Corte, è necessario unicamente che gli immobili siano accatastati (Cass. n. 13345 del 2009) e che gli stessi siano sottoposti al vincolo diretto di cui al citato L. n. 1089 del 1939, art. 3 non potendosi estendere l’agevolazione a quelli sottoposti al vincolo indiretto di cui all’art. 21 della medesima legge, genericamente apposto a salvaguardia di altri beni (Cass. n. 25703 del 2008).

Quest’ultima questione (natura del vincolo), trattata dal Comune nel controricorso, non può essere esaminata in questa sede, poichè non ve ne è menzione nella sentenza impugnata e risulta quindi nuova (in ipotesi, il Comune avrebbe dovuto proporre ricorso incidentale per omessa pronuncia da parte del giudice a quo sulla questione medesima).

2. Il ricorso va pertanto accolto, la sentenza impugnata deve essere cassata e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la causa va decisa nel merito, con l’accoglimento del ricorso introduttivo del contribuente.

3. Mentre sussistono giusti motivi per disporre la compensazione delle spese dei gradi di merito, il controricorrente deve essere condannato alle spese del presente giudizio di cassazione, che si liquidano in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, accoglie il ricorso introduttivo del contribuente.

Compensa le spese dei gradi di merito e condanna il controricorrente alle spese del presente giudizio di cassazione, che liquida in Euro 800,00, oltre Euro 100,00 per esborsi ed oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 15 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 21 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA