Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27938 del 21/12/2011

Cassazione civile sez. VI, 21/12/2011, (ud. 05/12/2011, dep. 21/12/2011), n.27938

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. CAMPANILE Pietro – rel. Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso n. 5908 dell’anno 2011 proposto da:

G.L. Elettivamente domiciliato in Roma Piazza Cavour

presso la Corte di Cassazione rappresentato e difeso dell’avv.

Lojodice Oscar ((OMISSIS)), giusta procura speciale

in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA rappresentato e difeso dall’Avvocatura

Generale dello Stato, nei cui uffici in Roma, via dei Portoghesi, 12,

è per legge domiciliato;

avverso il decreto della Corte di Appello di Lecce, depositato in

data 3 febbraio 2010;

sentita la relazione all’udienza del 5 dicembre 2011 del consigliere

dott. Pietro Campanile;

Udite le richieste del Procuratore Generale, in persona del sostituto

dott. Pierfelice Pratis, il quale ha concluso per il rigetto del

ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. – Con decreto depositato in data 3 febbraio 2010 la Corte di appello di Lecce rigettava la domanda di equa riparazione proposta da G.L. in relazione alla durata di un procedimento svoltosi davanti al Tribunale di Bari dal 6 maggio 2005 al 13 giugno 2007, condannandolo alla refusione in favore del Ministero della Giustizia delle spese processuali. La Corte territoriale, in particolare, osservava che il procedimento, articolatosi in tre udienze, si era concluso, con declaratoria di cessazione della materia del contendere, in poco più di due anni, vale a dire entro un periodo inferiore allo standard di tre anni normalmente adottato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo e comunque ragionevole, tenuto anche conto della gran mole dì ricorsi analoghi pendenti presso lo stesso Ufficio.

1.1 – Per la cassazione di tale decreto propone ricorso il G., affidato a tre motivi. Resiste con controricorso il Ministero della Giustizia.

Il Collegio ha disposto la redazione della motivazione in forma semplificata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Ritenuto che:

il primo e il secondo motivo, con i quali si deduce violazione degli artt. 24 e 111 Cost.; della L. n. 89 del 2001, art. 2 e segg. nonchè motivazione e insufficiente e contraddittoria, sia per aver affermato che il processo si era articolato in tre udienze, essendosi al contrario, dopo alcuni rinvii d’ufficio, concluso in una sola udienza, sia per non aver considerato che la relativa semplicità della causa sono infondati;

non è consentito discostarsi, in maniera del tutto irragionevole, dagli standard elaborati dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, alla cui giurisprudenza, come prevede la stessa norma contenuta nella L. n. 89 del 2001, comma 2, art. 2 occorre conformarsi: la pretesa di considerare ragionevole una durata di pochi mesi contrasta con le decisioni della Cedu, che dichiara irricevibili le domanda inerenti a procedimenti di durata inferiori a tre anni;

la corte territoriale, a prescindere dall’irrilevante riferimento al numero delle udienze, ha correttamente applicato il criterio fondato su una durata ragionevole non eccedente, anzi inferiore in maniera significativa, quanto al primo grado di giudizio, a tre anni, standard certamente valido anche in relazione al giudizio presupposto in esame, in quanto la disciplina del processo del lavoro, applicabile a tali controversie, non comporta forme di organizzazione diverse, tali da differenziarne il corso in relazione all’oggetto del giudizio, e non impone quindi di fare riferimento a parametri diversi dagli standard comuni elaborati dalla Corte EDU e recepiti dalla L. n. 89 del 2001, art. 2, comma 2, (cfr. Cass. Sez. 1 30 ottobre 2009.

n. 23047: 24 settembre 2009. n. 20546). i termini di durata ragionevole non vanno, per altro, valutati in senso atomistico, con riferimento cioè alla complessità specifica del singolo procedimento, ma anche su scala generale, tenendo quindi conto della domanda complessiva di giustizia in un determinato contesto nazionale, che rende comunque incomprimibili i tempi di definizione di una controversia anche se non caratterizzata da particolare complessità (Cass., 12 novembre 2010, n. 23012).

il periodo di durata ragionevole risulta, pertanto, correttamente determinato;

il terzo motivo, relativo al regolamento delle spese processuali, con particolare riferimento ai “diritti”, è fondato, avendo la corte territoriale, pur dovendosi prescindere dalla mancata indicazione delle singole voci (Cass., 30 ottobre 2005, n. 19269; Cass., 22 febbraio 2011, n. 4278), violato la tabella forense, nel senso che, avuto riguardo al valore della causa, e considerate – come dedotto dalla ricorrente senza che sul punto siano state sollevate eccezioni – le voci spettanti (Euro 45,00 per posizione; Euro 11,00 per disamina; Euro 45,00 per memoria difensiva; Euro 11,00 per costituzione in giudizio, 11,00 per formaz. fase; Euro 23,00 per part. udienza; Euro 45,00 per consultazione cliente) ammontano ad Euro191,00, e non ad Euro 900,00;

il decreto, quindi, va cassato in relazione al motivo accolto;

ricorrono i presupposti, non essendo necessarie ulteriori acquisizioni, per decidere la causa nel merito, liquidando le spese processuali del giudizio di merito in Euro 791,00 di cui Euro 191,00 per diritti; quanto al presente giudizio di legittimità, le spese vanno compensate per metà, in considerazione del limitato accoglimento del ricorso, per metà, e per il resto, liquidate come da dispositivo sulla base del disputatum, regolate sulla base della soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il primo e il secondo motivo; accoglie il terzo.

Cassa il decreto impugnato in relazione al motivo accolto e, decidendo nel merito, liquida le spese del giudizio davanti alla corte d’appello in Euro 791,00, di cui Euro 191,00 per diritti.

Condanna l’amministrazione al pagamento, in ragione di metà, delle spese processuali del presente giudizio, compensate nel resto e liquidate, nella misura così ridotta, in Euro 250,00, di cui Euro 25,00 per spese, oltre alle spese generali e agli accessori come per legge, con distrazione a favore dell’Avv. Oscar Lojodice.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della 6^-1 sezione civile, il 5 dicembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 21 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA