Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27899 del 30/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 30/10/2019, (ud. 22/05/2019, dep. 30/10/2019), n.27899

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ESPOSITO Lucia – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21458-2018 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE – RISCOSSIONE (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PIEMONTE 39, presso lo studio dell’avvocato PASQUALE VARI’, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

B.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA GIUSEPPE

GIOACCHINO BELLI 36, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO

CARLUCCIO, rappresentato e difeso dagli avvocati FRANCESCO VILLANI,

ROCCO LAMARINA;

– controricorrente

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (OMISSIS), in

persona del legale rappresentante in proprio e quale procuratore

speciale della SOCIETA’ DI CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI I.N.P.S.

(S.C.C.I.) S.p.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

CESARE BECCARIA 29, presso la sede dell’AVVOCATURA dell’Istituto

medesimo, rappresentato e difeso dagli avvocati CARLA D’ALOISIO,

ANTONINO SGROI, LELIO MARITATO, EMANUELE DE ROSE, GIUSEPPE MATANO,

ESTER ADA VITA SCIPLINO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 46/2018 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 26/01/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 22/05/2019 dal Consigliere Relatore Dott. DE FELICE

ALFONSINA.

Fatto

RILEVATO

CHE:

la Corte d’Appello di Lecce, a conferma della pronuncia del Tribunale di Brindisi, ha rigettato l’appello proposto da Equitalia Sud s.p.a., accertando l’avvenuta prescrizione dei crediti previdenziali vantati dall’Inps ed oggetto delle cartelle di pagamento emesse dall’Ente preposto alla riscossione a carico di B.A. e dallo stesso non opposte;

in particolare, la Corte territoriale, motivando sulla base degli orientamenti di legittimità espressi in materia di durata e decorrenza del dies a quo della prescrizione, ha ritenuto, che, seppure per effetto della mancata opposizione alle cartelle esattoriali nel termine perentorio di quaranta giorni, previsto dal D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, comma 5, la pretesa contributiva oggetto del giudizio diventava intangibile, tuttavia, in difetto di validi atti interruttivi, di cui era mancata prova da parte della società di riscossione, il credito previdenziale doveva essere ritenuto prescritto e l’atto impugnato annullato;

nel caso in esame la Corte territoriale ha accertato che fra la notifica delle cartelle esattoriali e la notifica delle successive intimazioni di pagamento, e non risultando ulteriori atti interruttivi nel quinquennio successivo alla notifica delle cartelle, erano trascorsi più di cinque anni e, pertanto, i crediti per contributi previdenziali portati dalle cartelle erano ormai prescritti;

la Corte d’appello, ha fatto applicazione della L. n. 335 del 1995, art. 3, commi 9 e 10, il quale ha fissato in cinque anni il termine di prescrizione dei crediti contributivi degli enti previdenziali, in ragione del fatto che la natura giuridica della cartella esattoriale non opposta, non possa essere assimilata a quella di un titolo esecutivo con valore di cosa giudicata, per il quale sarebbe valso l’ordinario termine di prescrizione decennale (art. 2953 c.c.);

la cassazione della sentenza è domandata dall’Agenzia delle Entrate – Riscossione sulla base di due motivi; B.A. e l’Inps – quest’ultimo in proprio e quale procuratore speciale della Società di Cartolarizzazione dei Crediti Inps (S.C.C.I. S.p.a.) – resistono con tempestivo controricorso;

è stata depositata proposta ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

con il primo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, parte ricorrente contesta ” Violazione e falsa applicazione degli artt. 2946 e 2953 c.c., e della L. n. 335 del 1995, art. 3″;

sostiene la natura di titolo esecutivo ex lege del ruolo riportato nella cartella di pagamento cui si applicherebbe il termine ordinario di prescrizione decennale di cui all’art. 2946 c.c.;

quanto alla decorrenza del dies a quo della prescrizione, afferma che, con l’ingresso nel rapporto dell’Agente della riscossione, si sarebbe venuto a determinare un effetto novativo delle originarie ragioni del credito (novazione soggettiva), con la conseguenza che a tal fine si debba aver riguardo al termine in cui il diritto è stato azionato da parte dell’Agente della riscossione;

ritiene che il disposto del D.Lgs. n. 112 del 1999, artt. 19 e 20 che ha inteso unificare la disciplina della riscossione mediante ruolo delle entrate tributarie dello Stato e degli enti pubblici, andrebbe esteso ai crediti previdenziali iscritti a ruolo ed affidati all’agente della riscossione, segnatamente andrebbe estesa la norma che per i ruoli oggetto di discarico, ne prevede il nuovo affidamento da parte dell’ente impositore all’agente della riscossione per l’attività di recupero coattivo, a condizione che non sia decorso il termine ordinario di prescrizione decennale;

con il secondo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, lamenta “Ancora sulla violazione e falsa applicazione degli artt. 2946 e 2953 c.c., della L. n. 335 del 1995, art. 3, nonchè del D.Lgs. n.. 46 del 1999, art. 24”;

la sentenza gravata avrebbe violato le norme indicate, atteso che per tre delle cartelle oggetto di controversia, notificate rispettivamente al B. l’11 aprile 2009, il 21 febbraio 2008 e il 17 ottobre 2008, le relative intimazioni erano state effettuate in data 18 aprile 2014, quando il termine di prescrizione, a giudizio della ricorrente, non era ancora maturato, e, pertanto, il credito non poteva dirsi prescritto ed era irretrattabile in assenza di impugnazione da parte dell’interessato;

il primo motivo è inammissibile ai sensi dell’art. 360 bis c.p.c.;

la questione dell’efficacia dei titoli di riscossione coattiva in materia previdenziale è stata oggetto di approfondita trattazione da parte di questa Corte, la quale, con la sentenza delle Sezioni Unite n. 23397 del 2016, ha in particolare statuito che “La scadenza del termine – pacificamente perentorio – per proporre opposizione a cartella di pagamento di cui al D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, comma 5, pur determinando la decadenza dalla possibilità di proporre impugnazione, produce soltanto l’effetto sostanziale della irretrattabilità del credito contributivo senza determinare anche la cd. “conversione” del termine di prescrizione breve (nella specie, quinquennale, secondo la L. n. 335 del 1995, art. 3, commi 9 e 10) in quello ordinario (decennale), ai sensi dell’art. 2953 c.c.. Tale ultima disposizione, infatti, si applica soltanto nelle ipotesi in cui intervenga un titolo giudiziale divenuto definitivo, mentre la suddetta cartella, avendo natura di atto amministrativo, è priva dell’attitudine ad acquistare efficacia di giudicato. Lo stesso vale per l’avviso di addebito dell’INPS, che, dall’1 gennaio 2011, ha sostituito la cartella di pagamento per i crediti di natura previdenziale di detto Istituto (D.L. n. 78 del 2010, art. 30, conv., con modif., dalla L. n. 122 del 2010)”;

parimenti va disattesa la censura nella parte in cui ritiene che vadano estesi ai crediti di natura previdenziale gli artt. 19 e 20 relativi alla “procedura di discarico per inesigibilità”; invero le Sezioni Unite n. 23397 del 2016, nella declinazione del punto n. 19 della motivazione, hanno esaminato funditus il tema dell’applicabilità al caso in esame del D.Lgs. n. 112 del 1999, art. 20, comma 6, richiamato dall’odierna ricorrente, negandovi l’auspicato rilievo, sul presupposto che la norma si riferisce ai rapporti tra ente impositore e agente della riscossione dei soli “tributi”, e che comunque, anche limitatamente alla materia fiscale, essa non involge il rapporto tra ente impositore e contribuente; l’art. 20, comma 6, introduce una norma generale di salvaguardia per l’ente creditore stabilendo che l’ente impositore, nell’esercizio della sua attività istituzionale, qualora individui successivamente al discarico l’esistenza di significativi elementi reddituali o patrimoniali in capo agli stessi debitori, può “a condizione che non sia decorso il termine di prescrizione decennale”, riaffidare in riscossione le somme, comunicando all’agente della riscossione i nuovi beni da sottoporre ad esecuzione, ovvero le azioni cautelari o esecutive da intraprendere, sulla base del titolo esecutivo già notificato;

in merito alle critiche sollevate col primo motivo, dunque, la Corte d’appello ha dato corretta attuazione ai principi di diritto espressi dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 23397 del 2016, cui in questa sede va data continuità;

quanto al secondo motivo, esso va dichiarato inammissibile per mancanza di specificità;

la ricorrente non fa menzione alcuna di aver prospettato la censura dinanzi al giudice dell’appello, e non trascrive e non allega l’atto introduttivo del giudizio di merito dal quale risultano formulati i relativi rilievi in merito alle tre cartelle di cui in oggetto, asseritamente non colpite dal decorso della prescrizione quinquennale; in definitiva, non introducendo il ricorso elementi ulteriori che inducano a discostarsi dai principi di diritto affermati dalle Sezioni Unite sopra richiamate, dei quali la sentenza impugnata ha dato corretta attuazione, il ricorso va dichiarato inammissibile; le spese, come liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza; in considerazione dell’esito del giudizio, sussistono i presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna la ricorrente al rimborso delle spese del giudizio di legittimità che liquida in Euro 200 per esborsi, Euro 1500 a titolo di compensi professionali nei confronti di ciascuno dei controricorrenti, oltre spese generali nella misura forfetaria del 15 per ceno accessori di legge, con distrazione in favore del procuratore anticipatario di B.A..

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, se dovuto, per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, all’Adunanza camerale, il 22 maggio 2019.

Depositato in Cancelleria il 30 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA