Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27895 del 13/12/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 5 Num. 27895 Anno 2013
Presidente: MERONE ANTONIO
Relatore: TERRUSI FRANCESCO

SENTENZA

sul ricorso 20308-2008 proposto da:
DURANTE ROSA, elettivamente domiciliata in ROMA VIA
G. PALUMBO 26, presso lo studio dell’avvocato EP SPA,
rappresentata e difesa dagli avvocati GAETA CARLO,
GAETA UGO con studio in NAPOLI VIA DEI MILLE 16
(avviso postale), giusta delega a margine;
– ricorrente contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E FINANZE;
– intimato nonchè contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro

Data pubblicazione: 13/12/2013

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI
PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO
STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;
– =esistente con atto di costituzione –

avverso la sentenza n. 32/2007 della COMM.TRIB.REG.

udita la relazione della causa svolta nella pubblica
udienza del 02/10/2013 dal Consigliere Dott.
FRANCESCO TERRUSI;
udito per il ricorrente l’Avvocato ACAMPORA delega
Avvocato CARLO GAETA che ha chiesto l’accoglimento;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. PASQUALE FIMIANI che ha concluso per
l’accoglimento del ricorso.

di BARI, depositata il 22/06/2007;

20308-08

Svolgimento del processo
Rosa Stella Durante ha proposto ricorso per cassazione, in
cinque motivi, contro la sentenza n. 32-14-2007 della
commissione tributaria regionale della Puglia, depositata
il 22 giugno 2007 e non notificata.

L’amministrazione non ha svolto difese.
Motivi della decisione
I. – Avverso la medesima sentenza la ricorrente risulta
aver proposto un altro ricorso, unitamente ai
litisconsorti Ugo Roberto Durante, Domenico Durante e
Franco Durante.
Tale ulteriore ricorso risulta esser stato dichiarato
inammissibile da questa corte con sentenza n. 27571/09.
M – La sentenza della corte di cassazione, allorché
assuma le forme del rigetto ovvero dell’inammissibilità
del ricorso, esaurisce il procedimento ed è sottratta, per
evidenti esigenze di certezza dei rapporti giuridici, a
qualsivoglia

sistema

ordinario

di

rivalutazione

decisionale, a eccezione della revocazione per errore di
fatto (art. 391-bis c.p.c.).
L’odierno ulteriore ricorso è dunque inammissibile.
III. – Lo è anche alla luce del principio, costantemente
affermato dalla giurisprudenza di questa corte (cfr., in
particolare, sez. un. n. 5207-05), secondo cui la rituale
proposizione del ricorso per cassazione determina la
consumazione del diritto di impugnazione,

con la

conseguenza che non solo non è possibile presentare motivi

I

ESENTE T’)
Al SEnr?;
N. 131
MATUZ4A
aggiunti, oltre a quelli già formulati, ma neppure è
consentita la proposizione di un altro ricorso. Il quale,
pertanto, è soggetto alla sanzione d’inammissibilità (cfr.
in senso conforme alla premessa sez. un. n. 2568-12, a
proposito della conseguente affermazione per cui il

proposto da un’altra parte, non può introdurre nuovi e
diversi motivi di censura con i motivi aggiunti, né
ripetere le stesse censure già avanzate con il proprio
originario ricorso mediante un successivo ricorso
incidentale; conf. anche Cass. n. 27898-11).
IV. – Conseguenza di quanto appena esposto è che il
ricorso va dichiarato inammissibile.
p.q.m.
La Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso.
Deciso in Roma, nella camera di consiglio della quinta

‘ricorrente, che riceva la notificazione del ricorso

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA