Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27834 del 20/12/2011

Cassazione civile sez. VI, 20/12/2011, (ud. 07/11/2011, dep. 20/12/2011), n.27834

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – rel. Presidente –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. MACIOCE Luigi – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

M.A.L., nella qualità di procuratore D.C.

A. (OMISSIS) elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA

CAVOUR, presso la CASSAZIONE;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ((OMISSIS));

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 21740/2009 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA del 30/06/09, depositata il 13/10/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/11/2011 dal Presidente Relatore Dott. GIUSEPPE SALME’;

è presente il P.G. in persona del Dott. MAURIZIO VELARDI che ha

concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che l’avv. M.A.L. ha presentato istanza di correzione dell’errore materiale della sentenza n. 21740/2010 nella quale la parte nei cui confronti è stato proposto il ricorso è stata indicata come “Presidenza del consiglio dei ministri” invece che come “Ministero della giustizia”;

ritenuto che trattasi di mero errore materiale e che l’istanza deve essere accolta.

P.Q.M.

la Corte dispone procedersi alla correzione della sentenza n. 21740/2010 nel senso che nell’intestazione, nella motivazione e nel dispositivo al posto delle parole “Presidenza del consiglio dei ministri” deve leggersi “Ministero della giustizia”.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della sesta sezione civile, il 7 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 20 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA