Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27812 del 04/12/2020

Cassazione civile sez. trib., 04/12/2020, (ud. 18/09/2020, dep. 04/12/2020), n.27812

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE MASI Oronzo – Presidente –

Dott. LO SARDO Giuseppe – Consigliere –

Dott. MONDINI Antonio – rel. Consigliere –

Dott. PEPE Stefano – Consigliere –

Dott. TADDEI Margherita – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5060-2017 proposto da:

A.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ARNO 38,

presso lo studio dell’avvocato GIANLUCA MONCADA, rappresentato e

difeso dall’avvocato SALVATORE LO GIUDICE;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE (OMISSIS) TERRITORIO;

– intimata –

avverso la sentenza n. 2582/2016 della COMM. TRIB. REG. di PALERMO,

depositata il 04/07/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

18/09/2020 dal Consigliere Dott. ANTONIO MONDINI.

 

Fatto

PREMESSO

che:

1. A.G. e L.G.S. ricorrono, con due motivi, per la cassazione della sentenza emessa il 4 luglio 2016 dalla commissione tributaria regionale della Sicilia con n. 2582, a conferma del rigetto dell’impugnazione proposta da essi ricorrenti avverso gli avvisi di accertamento catastale relativi ad immobili in ampliamento di un fabbricato mai dichiarati;

2. L’Agenzia delle entrate non si è costituita.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. con il primo motivo di ricorso viene lamentata la violazione o falsa applicazione della L. n. 241 del 1990, art. 3, e della L. n. 212 del 2000, art. 7, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3. I ricorrenti, nello specifico, deducono che gli avvisi non contenevano l’indicazione delle trasformazioni edilizie a cui si riferiva l’accatastamento;

2. con il secondo motivo di ricorso, sotto la rubrica “violazione e falsa applicazione della L. n. 241 del 1990, art. 3, della L. n. 212 del 2000, art. 7, dell’art. 2697 c.c., e dell’art. 115 c.p.c.. Omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti”, viene, in primo luogo, lamentato che “il giudice a quo ha motivato su fattispecie diversa da quella posta alla sua cognizione e assolutamente inconferente al caso di specie”. I ricorrenti lamentano inoltre che l’Agenzia non aveva dato prova dell’esistenza di nuove unità immobiliari soggette all’obbligo di accatastamento e aggiungono che, per converso, essi ricorrenti, mediante una perizia tecnica mai contestata, prodotta in secondo grado e non esaminata dai giudici di appello, avevano dato prova del fatto che l’unico intervento edilizio realizzato era una veranda coperta;

3. il secondo motivo di ricorso è fondato e assorbente. La controversia ha ad oggetto l’ampliamento di una costruzione. Detto ampliamento è costituito, per l’amministrazione, da più “unità immobiliari” di cui i ricorrenti negano l’esistenza deducendo che unico ampliamento effettivamente esistente sia una “veranda coperta”; nella sentenza si fa riferimento ad una piscina; gli avvisi di accertamento impugnati recano numeri identificativi diversi da quelli a cui si fa riferimento nella sentenza. La motivazione riferita a fattispecie diversa da quella oggetto di causa è un discorso vuoto. Ne consegue la nullità della sentenza impugnata per violazione dell’art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4;

4. il primo motivo di ricorso resta assorbito;

5. il ricorso deve essere accolto, la sentenza impugnata deve essere cassata e la causa va rinviata alla commissione tributaria della Sicilia, in diversa composizione, per nuovo esame;

6. il giudice del rinvio dovrà decidere anche delle spese dell’intero processo.

P.Q.M.

la corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese, alla commissione tributaria regionale della Sicilia in altra composizione.

Così deciso in Roma, il 18 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 4 dicembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA