Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27773 del 30/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 30/10/2019, (ud. 25/06/2019, dep. 30/10/2019), n.27773

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 15791-2018 proposto da:

E.O., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato ALFONSO ALIPERTA;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO – COMMISSIONE TERRITORIALE IL RICONOSCIMENTO

DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE;

– intimato –

avverso il decreto n. RG. 189/2018 del TRIBUNALE di TORINO,

depositato il 12/04/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 25/06/2019 dal Consigliere Relatore Dott. TERRUSI

FRANCESCO.

Fatto

RILEVATO

che:

E.O. ha proposto ricorso per cassazione contro il decreto del tribunale di Torino, di rigetto della domanda tesa a ottenere il riconoscimento della protezione internazionale e umanitaria;

il ministero dell’Interno ha replicato con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

sia il primo motivo che il secondo motivo si limitano a enunciare una “errata valutazione” del tribunale “circa l’insussistenza dei presupposti per il riconoscimento dello status di rifugiato” e “circa l’insussistenza dei gravi motivi di carattere umanitario in capo al ricorrente”;

in concreto però non è prospettato nessun vizio della decisione, corrispondente ai paradigmi di cui all’art. 360 c.p.c.; a fronte della decisione negativa del tribunale le doglianze si concretizzano in mere e generiche affermazioni di esistenza dei presupposti delle misure richiamate, in sintonia con la sollecitazione al riesame dei profili di fatto ai quale la domanda era associata; il che esula – notoriamente – dai confini del giudizio di legittimità; il ricorso è dunque inammissibile;

le spese seguono la soccombenza.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese processuali, che liquida in 2.100,00 EUR oltre le spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello per il ricorso dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 25 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 30 ottobre 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA