Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27766 del 31/10/2018

Cassazione civile sez. VI, 31/10/2018, (ud. 11/09/2018, dep. 31/10/2018), n.27766

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria G.C. – Consigliere –

Dott. VALITUTTI Antonio – rel. Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4259-2018 proposto da:

B.H., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA SAN TOMMASO

D’AQUINO 116, presso lo studio dell’avvocato GIROLAMO OLIVIERO DE

SENA PLUNKETT, rappresentata e difesa dall’avvocato MICHELE

MAIELLARO;

– ricorrente –

contro

PREFETTO DELLA PROVINCIA DI ROMA;

– intimato –

avverso il decreto del GIUDICE DI PACE di ROMA, depositato il

04/08/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 11/09/2018 dal Consigliere Dott. ANTONIO VALITUTTI.

Fatto

RILEVATO

che:

B.H. ha proposto ricorso per cassazione – affidato ad un solo motivo – nei confronti del decreto del Giudice di pace di Roma depositata il 4 agosto 2017, con il quale è stato accolto il gravame dell’istante avverso il decreto di espulsione dal territorio nazionale con accompagnamento alla frontiera, emesso dal Prefetto di Roma in data 10 gennaio 2017, senza statuizione alcuna sulle spese di lite;

l’intimata Prefettura non ha svolto attività difensiva.

Diritto

CONSIDERATO

che:

con l’unico motivo di ricorso – denunciando la violazione degli artt. 91,92 e 112 cod. proc. civ., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4 – il ricorrente lamenta che l’adito Giudice di pace non abbia in alcun modo statuito in ordine alle spese del giudizio, benchè l’istante ne avesse espressamente richiesto la liquidazione.

Ritenuto che:

la mancata statuizione sulle spese del giudizio integri una vera e propria omissione di carattere concettuale e sostanziale e costituisca un vizio della sentenza, stante la mancanza di qualsiasi decisione da parte del giudice in ordine ad una domanda che è stata ritualmente proposta e che richiede pertanto una pronuncia di accoglimento o di rigetto;

pertanto, l’omessa pronuncia sulle spese in un provvedimento a contenuto decisorio che definisce il giudizio non costituisca mero errore materiale emendabile con la speciale procedura di correzione prevista dagli artt. 287 e ss. cod. proc. civ., ma vizio di omessa pronuncia da farsi valere solo con i mezzi d’impugnazione (cfr., ex plurimis, Cass., 23/06/2005, n. 13513; Cass., 19/02/2013, n. 4012; Cass., 17/06/2016, n. 12625).

Rilevato che:

nel caso di specie, il Giudice di pace ha omesso del tutto di statuire, sia nella motivazione che nel dispositivo, sulle spese del giudizio.

Ritenuto che:

per tutte le ragioni esposte, sussistendo un evidente vizio di omessa pronuncia posto in essere dalla sentenza impugnata, il ricorso debba essere accolto, con conseguente cassazione della pronuncia in parte qua;

non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto la Corte, nell’esercizio del potere di decisione nel merito di cui all’art. 384 c.p.c., comma 2, debba procedere alla liquidazione delle spese del giudizio di merito e del presente giudizio;

dagli atti il processo risulti esente, sicchè non si applica il D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata in parte qua e, decidendo nel merito, condanna la Amministrazione intimata al pagamento, in favore del ricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 2.100,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 100,00, ed agli accessori di legge; condanna l’intimata al pagamento delle spese di merito, che liquida in Euro 800,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 100,00, ed agli accessori di legge, con attribuzione al difensore dichiaratosi antistatario.

Così deciso in Roma, il 11 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 31 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA