Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27683 del 03/12/2020

Cassazione civile sez. VI, 03/12/2020, (ud. 20/10/2020, dep. 03/12/2020), n.27683

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20475-2019 proposto da:

CITTA’ METROPOLITANA ROMA CAPITALE, in persona del Sindaco pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA QUATTRO NOVEMBRE

119/A, presso lo studio dell’avvocato SABRINA BARRA, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

M.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE ANGELICO

38, presso lo studio dell’avvocato TERESA SANTULLI, che lo

rappresenta e difende;

– controricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, (OMISSIS), in

persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso la sede dell’AVVOCATURA

dell’Istituto medesimo, rappresentato e difeso dagli avvocati LELIO

MARITATO, ANTONIETTA CORETTI, EMANUELE DE ROSE, CARLA D’ALOISIO,

ANTONINO SGROI;

– resistente –

avverso la sentenza n. 3600/2018 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 15/01/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 20/10/2020 dal Consigliere Relatore Dott. GABRIELLA

MARCHESE.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

La Corte d’appello di Roma (sentenza pubblicata il 15.1.2019), accogliendo l’impugnazione di M.G. avverso la sentenza del Tribunale della stessa sede – che le aveva rigettato la domanda volta all’accertamento del diritto alla costituzione della rendita vitalizia e, in subordine, quella di risarcimento nei confronti di Città metropolitana di Roma Capitale – ha riconosciuto il diritto dell’appellante alla costituzione della rendita della L. n. 1338 del 1962, ex art. 13, in relazione al rapporto di lavoro intercorso tra le parti dall'(OMISSIS);

per la cassazione della sentenza ha proposto ricorso la Città metropolitana di Roma Capitale, articolato in un unico motivo;

ha resistito, con controricorso, M.G.;

l’INPS ha depositato procura speciale in calce alla copia notificata del ricorso;

la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., è stata notificata unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

con un unico motivo, Città metropolitana di Roma Capitale deduce la violazione o falsa applicazione di norme di legge, con particolare riferimento alla L. n. 1338 del 1962, art. 13, contestando la decisione con la quale la Corte territoriale ha ritenuto che nella fattispecie non fosse maturata l’eccepita prescrizione del diritto preteso dalla controparte. Assume, invero, la ricorrente che la Corte di merito avrebbe dovuto applicare il termine di prescrizione decennale e individuare il dies a quo di decorrenza della stessa dal momento della prescrizione del credito contributivo dell’Inps; nello specifico, in ragione del periodo di domanda (tra il 15 febbraio 1982 e il 15 aprile 1989), la Corte territoriale avrebbe dovuto ritenere prescritto il diritto azionato (con ricorso del 19.10.2010, v. sentenza impugnata, pag. 1, primo rigo) in quanto il 15 aprile 1999 si era prescritto il credito contributivo e il 15 aprile 2009 il diritto alla costituzione della rendita;

il motivo è fondato;

la questione controversa in causa è stata decisa dalle sezioni unite di questa Corte, con la pronuncia n. 21302 del 2017, che ha affermato il seguente principio di diritto:

“il diritto alla costituzione della rendita vitalizia previsto dall’art. 13 della L. n. 1338 del 1962, è soggetto all’ordinaria prescrizione decennale, che decorre dalla maturazione del termine di prescrizione, anch’esso decennale, del diritto al recupero dei contributi da parte dell’Inps per l’accantonamento necessario alla costituzione della riserva matematica del relativo fondo di destinazione”;

la fattispecie concreta, oggetto di disamina da parte delle sezioni unite, riguardava la domanda di condanna, intrapresa da una lavoratrice nei confronti della propria datrice di lavoro, al versamento, in favore dell’Inps, della riserva matematica necessaria alla costituzione di una rendita, per l’omissione contributiva in relazione al periodo del rapporto di lavoro intercorso tra il mese di gennaio del 1973 e quello di settembre del 1974. Di qui, l’individuazione del termine decennale anche per la prescrizione del credito contributivo dell’INPS;

a tale principio e alle ragioni che lo sorreggono, qui da intendersi integralmente richiamate ai sensi dell’art. 118 disp. att. c.p.c., occorre assicurare continuità in questa sede;

l’esigenza di certezza del diritto impone di affermare la sussistenza di un termine finale entro il quale lavoratore interessato possa esercitare il diritto potestativo a vedersi costituire la rendita di cui alla L. n. 1338 del 1962, art. 13, per i contributi omessi e tale termine non può che essere quello di prescrizione ordinaria decennale (sui rapporti tra l’azione della L. n. 1338 del 1962, ex art. 13, e quella ex art. 2116 c.c., comma 2, e sulla qualificazione in termini di responsabilità contrattuale, v., in motivaz., Cass., sez. un., n. 3678 del 2009). A sua volta, per le stesse ragioni di certezza, quest’ultimo periodo di prescrizione non può che decorrere dalla maturazione della prescrizione, ratione temporis applicabile, del diritto al recupero dei contributi da parte dell’Istituto previdenziale, senza che rilevi la conoscenza o meno, da parte del lavoratore, della omissione contributiva (così Cass. n. 983 del 2016 conf. a Cass. n. 3756 del 2003, richiamate da Cass., sez. un., n. 21302 cit.);

il ricorso va dunque accolto e l’impugnata sentenza va cassata, con rinvio alla Corte di appello di Roma che, in diversa composizione, procederà a un nuovo esame della fattispecie, facendo applicazione dei principi sopra esposti;

al giudice del rinvio è demandata, altresì, la regolazione delle spese del presente giudizio;

in considerazione dell’accoglimento del ricorso, non sussistono i presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Roma, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche in merito alle spese del giudizio di legittimità.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 20 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 3 dicembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA