Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27643 del 20/12/2011

Cassazione civile sez. I, 20/12/2011, (ud. 08/11/2011, dep. 20/12/2011), n.27643

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FIORETTI Francesco Maria – Presidente –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – rel. Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.A. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA SALARIA 227, presso l’avvocato JASONNA

STEFANIA, che lo rappresenta e difende, giusta procura a margine del

ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro pro

tempore, domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– controricorrente –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di NAPOLI, depositato il

25/08/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

08/11/2011 dal Consigliere Dott. MARIA ROSARIA CULTRERA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

APICE Umberto che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con decreto n. 1333 depositato il 25 agosto 2008, la Corte d’appello di Napoli ha parzialmente accolto la domanda di equa riparazione proposta da P.A. in relazione a processo introdotto innanzi alla Corte dei Conti sezione della Campania con atto del 5 ottobre 1992 e definito con sentenza depositata l’8 maggio 2007, liquidando per l’eccesso di durata riscontrato in anni 11, mesi 6 e giorni 19, l’equo indennizzo in Euro 5.726,00, oltre interessi dalla data della decisione.

Avverso questo decisione P.A. ha proposto ricorso per cassazione affidandolo a due motivi.

Il Ministero dell’Economia intimato ha resistito con controricorso.

Il collegio ha disposto farsi luogo a motivazione semplificata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorrente con entrambi i motivi censura la liquidazione del danno non patrimoniale che la Corte del merito avrebbe, a suo avviso, eseguito disattendendo gli indici di riferimento elaborati dalla giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ed applicati in sede nazionale, tenendo conto della posta in gioco che non potrebbe giammai determinare parametro di disapplicazione di quei criteri, vincolanti per il giudice.

I quesiti di diritto chiedono: 1.- se e in che misura la Corte d’appello avrebbe violato la regola giuridica applicabile disapplicando parametri CEDU e,- 2, se vi si stata irrilevanza della posta in gioco in relazione alla liquidazione dell’equa riparazione della durata del processo.

Occorre rilevare che le censure esposte nei motivi, all’esito della loro illustrazione, non si sono tradotte nel quesito di diritto che, secondo quanto prescritto dall’art. 366 bis c.p.c., deve tendere all’enunciazione del principio di diritto ovvero a “dicta” giurisprudenziali sulla questione addotta che, sollecitando la funzione nomofilattica di questa Corte, individui la regula juris applicabile al caso concreto.

La riscontrata omissione determina l’inammissibilità del ricorso. Ne discende la condanna del ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio, liquidate come da dispositivo.

PQM

La Corte:

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio liquidandole in 600,00 oltre Euro 200,00 per esborsi, spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio dell’8 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 20 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA