Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27576 del 20/12/2011

Cassazione civile sez. III, 20/12/2011, (ud. 18/11/2011, dep. 20/12/2011), n.27576

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FINOCCHIARO Mario – Presidente –

Dott. GIACALONE Giovanni – Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 24680/2009 proposto da:

R.R. (OMISSIS), R.P.

(OMISSIS), Z.D. (OMISSIS),

elettivamente domiciliati in ROMA, VIA SABOTINO 2, presso lo studio

dell’avvocato REVELLI Francesca Luisa, che li rappresenta e difende

unitamente all’avvocato MANESCALCHI CARLO giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

CARIGE ASSICURAZIONI SPA (OMISSIS), in persona Sig. D.

G., nella sua qualità di procuratore speciale, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA CAIO MARIO 27, presso lo studio

dell’avvocato MAGNI Francesco Alessandro, che la rappresenta e

difende giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1395/2008 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

depositata il 18/11/2008; R.G.N. 1903/2005.

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/11/2011 dal Consigliere Dott. GIUSEPPINA LUCIANA BARRECA;

udito l’Avvocato FRANCESCA LUISA REVELLI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FRESA Mario, che ha concluso per inammissibilità 1^, 2^, 4^ motivo

rigetto del 3^ motivo.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La società CARIGE Assicurazioni propose appello avverso la sentenza del Tribunale di Genova con la quale era stata rigettata la domanda di rivalsa ai sensi della L. n. 990 del 1960, art. 18, proposta dalla società nei confronti dei coniugi Z.D. e R. R., sulla deduzione che la polizza per la r.c.a. subordinava la copertura assicurativa del ciclomotore (che, di proprietà della Z. ed assicurato dal R., era rimasto coinvolto in un incidente stradale provocato dal conducente R.P., figlio di proprietaria ed assicurato, a seguito del quale la CARIGE Assicurazioni aveva dovuto risarcire i danni sofferti da C. C., trasportata sul ciclomotore) all’esistenza di un trasporto conforme a legge e che, nel caso di specie, ciò non era accaduto.

La Corte d’Appello di Genova, con sentenza pubblicata il 2 dicembre 2008, ha accolto l’appello ed ha dichiarato tenuti e condannato in solido gli appellati R.R., Z.D. e R.P. al rimborso in favore dell’appellante della somma di Euro 28.953,89, con condanna degli appellati al pagamento delle spese del grado.

Avverso quest’ultima sentenza i coniugi Z. e R. ed il loro figlio R.P. propongono ricorso per cassazione, affidato a quattro motivi, illustrati da memoria. Si è difesa l’intimata Carige Assicurazioni S.p.A. con controricorso e memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il Collegio ha raccomandato la motivazione semplificata.

Il ricorso per cassazione in esame è soggetto, quanto alla formulazione dei motivi, al regime dell’art. 366 bis c.p.c. (inserito dal D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40, art. 6, ed abrogato dalla L. 18 giugno 2008, n. 69, art. 47, comma 1, lett. d), applicabile in considerazione della data di pubblicazione della sentenza impugnata (2 dicembre 2008).

1.- Il primo motivo del ricorso, con il quale si denuncia il vizio di violazione e falsa applicazione degli artt. 2729 e 1888 cod. civ., in relazione all’art. 360 cod. proc. civ., n. 3, è inammissibile per difettosa formulazione del quesito di diritto.

Infatti, il quesito è formulato in termini tali (“Si chiede che la Scema Corte affermi che ai sensi dell’art. 2729 c.c., quando per la prova di un contratto è richiesta la forma scritta, non è ammessa la prova presuntiva”) da esprimere un principio di carattere generale, senza alcun cenno al caso di specie, in particolare senza alcun cenno al contratto di che trattasi ed al suo contenuto nè alle prove offerte ed ammesse e, quindi, valutate dal giudice a quo.

Conclusivamente, il quesito di diritto non consente a questa Corte l’individuazione dell’errore di diritto denunciato dai ricorrenti con riferimento alla fattispecie concreta nè l’enunciazione di una regula iuris applicabile anche in casi ulteriori rispetto a quello da decidere con la presente sentenza, poichè di tale caso e delle questioni che esso pone non è fornita alcuna valida sintesi logico- giuridica (cfr. Cass. S.U. n. 26020 del 30 ottobre 2008). Manca inoltre ogni riferimento -ritenuto necessario da precedenti di questa Corte (tra cui Cass. n. 24339/08, n. 4044/09), che qui si ribadiscono- alla ratio decidendi della sentenza impugnata ed alle ragioni di critica sollevate dai ricorrenti.

2.- Analoghe ragioni di inammissibilità sussistono con riferimento agli altri tre motivi, dal momento che tutti sono espressi nei termini generici già evidenziati per il primo, per come è reso evidente da quanto appresso.

2.1.- Col secondo si denuncia il vizio di violazione e falsa applicazione degli artt. 2697 e 1888 cod. civ., nonchè degli artt. 115 e 116 cod. proc. civ., in relazione all’art. 360 cod. proc. civ., n. 3, e la relativa illustrazione è conclusa dal seguente quesito di diritto: “Si chiede che l’Ecc.ma Corte affermi che un fatto non può essere considerato pacifico, anche in mancanza di contestazione, e non può essere posto a base della decisione del giudice come fatto non contestato, allorquando la legge richieda per la prova di quel fatto un atto scritto ad probationem”.

3.- Col terzo si denuncia il vizio di violazione e falsa applicazione degli artt. 184 e 345 cod. proc. civ., in relazione all’art. 360 cod. proc. civ., n. 3 e la relativa illustrazione è conclusa dal seguente quesito di diritto: “Si chiede che l’Ecc.ma Corte affermi che nel giudizio di appello l’eventuale indispensabilità dei documenti può essere valutata dal giudice se non si è verificata la decadenza di cui all’art. 184 c.p.c., nel precedente grado, e sempre che si tratti di documenti nuovi, la cui esistenza non era stata affermata dalla parte decaduta dalla facoltà di produrli”.

4.- Col quarto si denuncia il vizio di violazione e falsa applicazione degli artt. 1888, 2702, 2719 cod. civ. e art. 215 cod. proc. civ., in relazione all’art. 360 cod. proc. civ., n. 3 e la relativa illustrazione è conclusa dal seguente quesito di diritto:

“Si chiede che l’Ecc.ma Corte affermi che ai fini della prova scritta delle condizioni generali di assicurazione richiamate per relationem in una polizza di assicurazione, il disconoscimento delle condizioni di assicurazione prodotte, non sottoscritte dalle parti, preclude l’utilizzabilità diretta del documento, salva la facoltà del giudice di accertarne la conformità all’originale con altri mezzi di prova”.

Tutti e tre i quesiti non presentano i caratteri richiesti dal citato art. 366 bis cod. proc. civ., così come interpretato dai precedenti di questa Corte sopra richiamati e da numerosi altri conformi.

Conclusivamente, il ricorso va dichiarato inammissibile.

5.- La condanna alle spese, liquidate come da dispositivo, segue la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna i ricorrenti, in solido tra loro, al pagamento in favore di Carige Assicurazioni S.p.A., delle spese del presente giudizio, che liquida complessivamente in Euro 2.700,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre rimborso spese generali, I.V.A. e C.P.A. come per legge.

Così deciso in Roma, il 18 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 20 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA