Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27551 del 28/10/2019

Cassazione civile sez. I, 28/10/2019, (ud. 09/10/2019, dep. 28/10/2019), n.27551

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FERRO Massimo – Presidente –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1403/2017 proposto da:

Avv. P.G., elettivamente domiciliato in Roma, Piazza

Cavour, presso la Cancelleria Civile della Corte di Cassazione,

rappresentato e difeso da sè medesimo;

– ricorrente –

contro

Fallimento della (OMISSIS) S.n.c. (OMISSIS) e di S.M.,

S.T. e S.F. in proprio, in persona del curatore pro

tempore, Dott. V.A., elettivamente domiciliati in

Roma, Via G.P. da Palestrina n. 19, presso lo studio dell’Avv.

Ambrosini Stefano, rappresenti e difesi dall’Avv. Iozzo Fabio,

giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrenti –

avverso il decreto del TRIBUNALE di TORINO, depositato il 02/12/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

09/10/2019 dal Cons. Dott. FRANCESCO TERRUSI.

Fatto

RILEVATO

che:

l’avv. P.G. ha proposto ricorso per cassazione, in cinque motivi, contro il decreto del tribunale di Torino che ne ha respinto l’opposizione allo stato passivo del fallimento della (OMISSIS) s.n.c. (OMISSIS) e dei soci illimitatamente responsabili S.M., T. e F.;

la curatela ha replicato con controricorso e successiva memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che:

la controversia ha per oggetto la pretesa dell’avv. P. di essere ammesso al passivo per l’importo di Euro 80.000,00, oltre Iva e c.p.a., a titolo di diritti e onorari relativi a una pluralità di prestazioni professionali, giudiziali e non, poste in essere in favore dei falliti;

il tribunale ha respinto l’opposizione confermando che la pretesa non poteva considerarsi provata, attesa la completa eterogeneità e multiformità delle prestazioni asserite, l’inesistenza di documentati accordi sui corrispettivi, il diverso grado di esecuzione delle prestazioni e l’esistenza di distinte revoche di incarichi, l’enunciazione di criteri per lo più forfetari nell’individuazione dei compensi, l’esistenza di pagamenti già effettuati;

il ricorrente denunzia nell’ordine:

(i) col primo motivo, la violazione degli artt. 112,115 e 116 c.p.c., poichè il tribunale avrebbe travisato i fatti e le domande;

il motivo è inammissibile per genericità e perchè implicante un tentativo di revisione del giudizio di fatto, nella specie ampiamente motivato;

(ii) col secondo motivo, la violazione dell’art. 115 c.p.c., artt. 1362,1366 e 2233 c.c., D.M. n. 55 del 2014, artt. 19 e 22 e della tabella relativa all’attività stragiudiziale, essendo stati prodotti documenti rilevanti ai fini della prova della suddetta attività e del mandato afferente;

il motivo è inammissibile poichè, come l’altro, postula un tentativo di revisione del giudizio di fatto;

(iii) col terzo motivo, la violazione dell’art. 2049 c.c. e l’omesso esame di fatto decisivo, in ordine alla valutazione di non inerenza alla massa delle pretese relative alle difese penali;

il motivo è inammissibile poichè il tribunale ha comunque considerato non provata la pretesa, essendo mancata la produzione di specifiche parcelle a essa attinenti;

(iv) col quarto mezzo, la violazione della L. Fall., art. 148, nel riferimento del tribunale all’essere stati, i S., dichiarati falliti personalmente in esito al fallimento di altra società;

il motivo è inammissibile per la stessa ragione appena detta: il tribunale ha comunque considerato non provata la pretesa in difetto della produzione di specifiche parcelle a essa attinenti;

(v) col quinto motivo, l’omesso esame di fatto decisivo relativamente alla valutazione del tribunale in ordine alla voce forfetaria per contratti e per altre prestazioni indicate come “varie”;

il motivo è inammissibile perchè generico; invero – nell’ottica di Cass. Sez. U n. 8053-14 – non risulta specificato alcun fatto storico che il tribunale avrebbe omesso di considerare;

le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese processuali, che liquida in Euro 7.200,00, di cui Euro 200,00, per esborsi, oltre accessori e rimborso forfetario di spese generali nella massima misura di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 9 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 28 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA