Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27549 del 10/12/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 27549 Anno 2013
Presidente: DI PALMA SALVATORE
Relatore: DE CHIARA CARLO

ORDINANZA
I N rE. R LOCUT- 0 RR

sul ricorso 3272-2012 proposto da:
MPS GESTIONE CREDITI BANCA SPA 92034880523, facente
parte del gruppo bancario MON1E DEI PASCHI DI SIENA, non in
proprio ma in nome e per conto della BANCA ANTONVENETA
SPA, in persona del responsabile dell’Ufficio Periferico di Mantova di
MPS Gestione Crediti Banca, elettivamente domiciliata in ROMA,
VIA DEGLI SCIPIONI 288, presso lo studio dell’avvocato REGGIO
D’ACI MICHELA, che la rappresenta e difende unitamente agli
avvocati CIMINO ANTONIO, MARIA DALLA SERRA giusta
procura a margine del ricorso;

– ricorrente contro
FALLIMENTO LIBERTI SPA IN LIQUIDAZIONE, in persona del
Curatore, elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA VESCOVI°

692/

Data pubblicazione: 10/12/2013

21, presso lo studio dell’avvocato MANFEROCE TOMMASO, che lo
rappresenta e difende unitamente all’avvocato PASTORELLI
RENATO giusta mandato in calce al controricorso;
– controricorrente –

TREVISO del 25/11/2011, depositato il 28/11/2011;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
24/09/2013 dal Consigliere Relatore Dott. CARLO DE CHIARA;
udito l’Avvocato Reggio D’Aci Michele difensore della ricorrente che
si riporta agli scritti;
è presente il P.G. in persona del Dott. LUCIO CAPASSO che aderisce
alla relazione.

CONSIDERATO
Che, per la complessità delle questioni poste, la causa va
esaminata in pubblica udienza;
P.Q.M.
La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo per la trattazione in
pubblica udienza presso la Prima Sezione civile.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del 24 settembre
2013

avverso il decreto n. R.G. 900-110/2011 del TRIBUNALE di

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA