Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27540 del 28/10/2019

Cassazione civile sez. I, 28/10/2019, (ud. 26/09/2019, dep. 28/10/2019), n.27540

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DIDONE Antonio – Presidente –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19866/2015 proposto da:

T.S., in proprio ed in qualità di titolare della impresa

individuale “(OMISSIS)”, elettivamente domiciliato in Roma, Via

Giuseppe Palumbo n. 26, presso lo studio dell’avvocato Gaeta Pietro,

che lo rappresenta e difende, giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Fallimento (OMISSIS);

– intimato –

contro

P.R., D.G., F.S.,

C.U., M.M., Cu.An., D.L.V.,

elettivamente domiciliati in Roma, Via G. Vitelleschi n. 26, presso

lo studio dell’avvocato Spadaro Salvatore, rappresentati e difesi

dall’avvocato Ragozini Francescopaolo, giusta procura a margine del

controricorso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 144/2015 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 03/07/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

26/09/2019 dal Cons. Dott. VELLA PAOLA.

Fatto

RILEVATO

che:

– la Corte d’appello di Napoli ha rigettato il reclamo L. Fall., ex art. 18, proposto da T.S. avverso la sentenza del 29/01/2105 con cui il Tribunale di Napoli Nord ha dichiarato il fallimento della (OMISSIS), impresa individuale cancellata dal registro delle imprese in data 02/09/2014, in accoglimento del ricorso presentato da sette ex dipendenti;

– avverso detta decisione il T. ha proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi, cui gli originari ricorrenti hanno resistito con controricorso;

– successivamente, il difensore dei controricorrenti ha depositato atto di transazione stipulato tra le parti in data 13/09/2017, a seguito della chiusura del fallimento per concordato fallimentare, recante l’impegno del T. a rinunciare al ricorso per cassazione;

– in data 11/09/2019 sono intervenuti l’atto di rinuncia del ricorrente, con compensazione delle spese di lite, e l’atto di accettazione del difensore dei controricorrenti, munito di procura speciale.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– sussistono i presupposti per l’estinzione del giudizio a spese compensate, ai sensi degli artt. 390 e 391 c.p.c.;

– non va invece disposto il versamento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, poichè, trattandosi di meccanismo sanzionatorio volto a scoraggiare le impugnazioni dilatorie o pretestuose, esso non è applicabile alle ipotesi di inammissibilità sopravvenuta (ex multis Cass. nn. 13636/15, 3542/2017, 15996/2018).

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, il 26 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 28 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA