Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 275 del 12/01/2021

Cassazione civile sez. VI, 12/01/2021, (ud. 03/12/2020, dep. 12/01/2021), n.275

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 37566-2019 proposto da:

S.C., Z.L.F., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA TAGLIAMENTO 55, presso lo studio

dell’avvocato NICOLA DI PIERRO, che li rappresenta e difende

unitamente all’avvocato ALBERTO FURLANI;

– ricorrenti –

contro

B.T., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA G. MAZZINI

96, presso lo studio dell’avvocato CLAUDIO DI TULLIO, rappresentata

e difesa dall’avvocato DANILO DELIA;

– resistente –

per regolamento di competenza avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di

VENEZIA, depositata il 08/11/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 03/12/2020 dal Consigliere Relatore Dott. GIUSEPPE

CRICENTI;

lette le conclusioni scritte del PUBBLICO MINISTERO in persona del

SOSTITUTO PROCURATORE GENERALE DOTT. MARIO FRESA che visto l’art.

380 ter c.p.c. chiede che la Corte di Cassazione, in camera di

consiglio, accolga il ricorso, con le conseguenze di legge.

 

Fatto

CONSIDERATO

Che:

I ricorrenti Z.F. e S.C. hanno stipulato con B.T. un contratto preliminare di permuta di due immobili; hanno poi convenuto che ciascuna delle parti custodisse i mobili dell’altra, in via della definizione della permuta.

I ricorrenti hanno quindi instaurato un primo giudizio recante n. 4349/2016 con il quale hanno chiesto l’esecuzione in forma specifica del preliminare ed un risarcimento dei danni per la sottrazione e vendita dei loro mobili da parte della B..

Emessa sentenza in tale giudizio, di rigetto delle domande degli attori, questi ultimi hanno iniziato una diversa causa avente ad oggetto il solo risarcimento dei danni per l’omessa custodia dei beni mobili, recante n. 6259/2019.

Il giudice di quest’ultima, ritenendo identica questa seconda causa, per identità di petitum, parti e causa petendi, a quella già definita sempre dallo stesso tribunale (anche se da giudice diverso) ha ritenuto sussistesse una litispendenza (la causa precedentemente definita era, al momento della ordinanza, ancora passibile di impugnazione), ed ha dunque cancellato la seconda causa dal ruolo.

I ricorrenti impugnano questa ordinanza ritenendo che non si potesse far luogo alla misura della litispendenza in quanto non v’erano i presupposti della identità del petitum, della causa petendi e della diversità del giudice.

Ricorrono con un solo motivo di ricorso, a fronte del quale v’è controricorso della B..

Il PG ha chiesto l’accoglimento del ricorso.

Diritto

RITENUTO

Che:

Di certo la seconda causa aveva identità con la prima, in quanto aveva ad oggetto il risarcimento dei danni da mancata custodia dei mobili, che era stata già formulata nella prima causa unitamente alla domanda di esecuzione specifica del preliminare.

Non è dunque da condividere il rilievo che la prima causa aveva ad oggetto l’esecuzione del preliminare e la seconda la domanda di risarcimento per la mancata custodia dei beni mobili.

Come risulta peraltro dallo stesso tenore dell’ordinanza, la domanda propria della seconda causa (danno da perdita dei mobili) era formulata anche nella prima, unitamente a quella di esecuzione in forma specifica del preliminare.

Il petitum dunque e la causa petendi coincidevano, e cosi le parti.

Ciò che invece rende illegittima la dichiarazione di litispendenza è l’identità dei giudici delle due cause.

Come è noto, gli istituti della litispendenza e della continenza (che regolano la competenza per territorio), operano soltanto fra cause pendenti dinanzi a uffici giudiziari diversi, secondo quanto reso evidente dal dato testuale dell’art. 39 c.p.c.; pertanto, se le cause identiche o connesse, pendano dinanzi al medesimo ufficio giudiziario, trovano applicazione gli artt. 273 e 274 c.p.c., ovvero, quando ragioni di ordine processuale impediscano la riunione ed una causa sia pregiudiziale rispetto all’altra o sia già giunta a sentenza, gli istituti della sospensione, di cui agli artt. 295 e 337 c.p.c. (Cass. 9510/2010; Cass. 21761/2013).

Ne segue che non poteva essere pronunciata ordinanza dichiarativa della litispendenza con conseguente cancellazione della causa dal ruolo.

PQM

La corte accoglie il ricorso e dispone la prosecuzione del processo, da riassumere nel termine di legge. Liquida le spese del presente giudizio, a favore dei ricorrenti ed a carico del controricorrente, in 2500,00 oltre 200,00 di spese generali.

Così deciso in Roma, il 3 dicembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 12 gennaio 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA