Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27494 del 30/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 30/12/2016, (ud. 20/12/2016, dep.30/12/2016),  n. 27494

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TIRELLI Francesco – Presidente –

Dott. BIELLI Stufano – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. SABATO Raffaele – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 28482-2011 proposto da:

FORMENTI SELECO SPA IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA in persona del

Commissario Straordinario, elettivamente domiciliato in ROMA VIA

BARNABA TORTOLINI 34, presso lo studio dell’avvocato NATALIA

PAOLETTI, rappresentato e difeso dagli avvocati ROCCO PELLEGRINO,

ROBERTO PELLEGRINO, STEFANO PELLEGRINO giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI MILANO (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 97/2011 della COMM.TRIB.REG. di MILANO,

depositata il 21/06/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

20/12/2016 dal Consigliere Dott. RAFFAELE SABATO;

udito per il ricorrente l’Avvocato STEFANO PELLEGRINO che si riporta

agli atti;

udito per il controricorrente l’Avvocato URBANI NERI che si riporta

agli atti;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DE

MASELLIS Mariella che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Formenti Seleco s.p.a., in amministrazione straordinaria, ha impugnato innanzi alla commissione tributaria provinciale di Milano una comunicazione ai sensi del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 54 bis di minor credito, oltre interessi e sanzioni, a seguito di controllo automatizzato della dichiarazione IVA 2007 per l’anno d’imposta 2006. La commissione tributaria provinciale di Milano ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto dalla contribuente, ritenendo non impugnabile l’avviso bonario.

La commissione tributaria regionale della Lombardia in Milano ha rigettato l’appello della contribuente sulle medesime basi giuridiche. Avverso questa decisione la s.p.a. propone ricorso per cassazione affidato a un motivo, rispetto ai quale l’agenzia resiste con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. – Preliminarmente si dà atto che è stata autorizzata la redazione della sentenza in forma semplificata ai sensi del decreto del primo presidente del 14 settembre 2016.

2. – L’unico motivo di ricorso, con cui si deduce violazione di legge in riferimento al D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 19 è fondato. Invero, questa Corte ha già affermato che l’elencazione degli atti impugnabili contenuta in detta norma ha natura tassativa, ma, in ragione dei principi costituzionali di tutela del contribuente (artt. 24 e 53 Cost.) e di buon andamento della P.A. (art. 97 Cost.), ogni atto adottato dall’ente impositore che porti, comunque, a conoscenza del contribuente una specifica pretesa tributaria, con esplicitazione delle concrete ragioni fattuali e giuridiche, è impugnabile davanti al giudice tributario, senza necessità che si manifesti in forma autoritativa. Come conseguenza, questa Corte ha ritenuto immediatamente impugnabile dal contribuente anche la comunicazione di irregolarità D.P.R. n. 600 del 1973, ex art. 36-bis, comma 3. Si tratta di orientamento che si inscrive in un consolidato indirizzo, secondo il quale con specifico riferimento al caso qui all’esame, devono ritenersi impugnabili gli avvisi bonari con cui l’amministrazione chiede il pagamento di un tributo in quanto essi, pur non rientrando nel novero degli atti elencati nell’art. 19 cit. e non essendo, perciò, in grado di comportare, ove non contestati, la cristallizzazione del credito in essi indicato, esplicitano comunque le ragioni fattuali e giuridiche di una ben determinata pretesa tributaria, ingenerando così nel contribuente l’interesse a chiarire subito la sua posizione con una pronuncia dagli effetti non più modificabili (cfr. sez. 5, n. 7344 del 2012, sez. 6 – 5, n. 25297 del 2014, n. 15957 del 2015 e n. 3315 del 2016).

3. – L’impugnata sentenza va dunque cassata. Segue il rinvio alla medesima commissione tributaria regionale, in diversa composizione, la quale provvederà a nuovo esame applicando il predetto principio di diritto. La commissione regionale provvederà anche sulle spese del giudizio svoltosi in questa sede di legittimità.

PQM

La corte accoglie il ricorso, cassa l’impugnata sentenza e rinvia alla commissione tributaria regionale della Lombardia in Milano in diversa composizione anche per le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della sezione quinta civile, il 20 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 30 dicembre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA