Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27485 del 02/12/2020

Cassazione civile sez. trib., 02/12/2020, (ud. 17/09/2020, dep. 02/12/2020), n.27485

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. MONDINI Antonio – rel. Consigliere –

Dott. FILOCAMO Fulvio – Consigliere –

Dott. VECCHIO Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 25263-2016 proposto da:

D.B.C., D.B.A., S.R.,

DE.BE.AL., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA G. RAMUSIO, 6,

presso lo studio dell’avvocato ALFONSO TINARI, rappresentati e

difesi dall’avvocato STEFANO LABBATE;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che

lo rappresenta e difende;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 175/2016 della COMM. TRIB. REG. di CAMPOBASSO,

depositata il 01/04/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

17/09/2020 dal Consigliere Dott. ANTONIO MONDINI;

lette le conclusioni scritte del pubblico ministero in persona del

sostituto procuratore generale Dott. DE MATTEISI, che ha chiesto

rigettarsi il ricorso.

Conseguenze di legge.

 

Fatto

PREMESSO

che:

1. con sentenza n. 175 in data 1 aprile 2016, la commissione tributaria regionale del Molise, confermando la decisione di primo grado, riteneva legittimi l’avviso di rettifica e liquidazione di maggiori imposte di registro, ipotecaria e catastale, emesso dalla Agenzia delle Entrate nei confronti di De.Be.Al., D.B.C. e D.B.A. e di S.R., in relazione ad un atto di vendita di un fabbricato, registrato in data (OMISSIS), stipulato dai contribuenti quali eredi beneficiati di d.b.a.;

2. i contribuenti ricorrevano, con due motivi, per la cassazione della citata sentenza;

3. l’Agenzia, con controricorso, si opponeva;

4. la Procura della Repubblica chiedeva il rigetto del ricorso;

5. con atto in data 16 giugno 2020, i ricorrenti deducevano di aver aderito alla procedura di definizione agevolata della lite ai sensi del D.L. n. 193 del 2016, art. 6, convertito dalla L. n. 225 del 2016, e di aver provveduto ad adempiere in modo tempestivo al pagamento di quanto dovuto per il perfezionamento della medesima procedura e dichiaravano di rinunciare al presente giudizio. Allegavano all’atto documentazione di pagamento;

6. va pertanto dichiarata l’estinzione del giudizio con compensazione delle spese.

P.Q.M.

la corte dichiara estinto il giudizio per intervenuta rinuncia e compensa le spese.

Così deciso in Roma, il 17 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 2 dicembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA