Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27432 del 29/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 29/12/2016, (ud. 21/10/2016, dep.29/12/2016),  n. 27432

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4307/2015 proposto da:

SIAPI S.R.L., C.F. e P.IVA (OMISSIS), in persona del Consigliere

Delegato, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA AGOSTINO DEPRETIS

86, presso lo studio dell’avvocato DANILO FESTEGGIATO, rappresentata

e difesa dall’avvocato ROMOLO BUGARO giusta procura speciale in

calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

BANCA POPOLARE DI VICENZA Società Cooperativa Per Azioni, C.F. e

P.IVA (OMISSIS), in persona del suo procuratore speciale,

Responsabile della Direzione Crediti Anomali, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA GIOSUE’ BORSI 4, presso lo studio

dell’avvocato FEDERICA SCAFARELLI, rappresentata e difesa

dall’avvocato FEDERICO CASA, giusta procura a margine del

controricorso;

– controricorrente –

avverso il decreto n. 2791/2014 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

emesso l’11/12/2014 e depositato il 23/12/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

21/10/2016 dal Consigliere Relatore Dott. CARLO DE CHIARA;

udito l’Avvocato Federica Scafarelli (delega Avvocato Federico Casa),

per la ricorrente, che si riporta agli scritti.

Fatto

PREMESSO

Che è stata depositata relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., nella quale si legge quanto segue:

“1. – La Corte d’appello di Venezia ha annullato il decreto con cui il Tribunale aveva autorizzato la sospensione di contratti di anticipazione bancaria intercorsi tra la Banca Popolare di Vicenza s.c.p.a. e la SIAPI s.r.l., ammessa al concordato preventivo.

Ha ritenuto la Corte che, essendo stata integralmente eseguita la prestazione cui la banca era tenuta, a residuare fosse soltanto un credito di questa nei confronti del debitore istante e dunque la fattispecie non fosse sussumibile in quella di contratti pendenti, di cui alla L. Fall., art. 169.

2. – La SIAPI s.r.l. ha proposto ricorso per cassazione articolando tre motivi. La banca intimata ha resistito con controricorso.

3. – Il ricorso è inammissibile perchè il decreto con il quale il tribunale autorizza la sospensione di contratti ai sensi della L. Fall., art. 169 – e dunque il decreto emesso dalla corte d’appello sul relativo reclamo – non ha carattere decisorio (cfr. Cass. 17520/2015, 4176/2016)”;

che tale relazione è stata comunicata ai difensori delle parti costituite;

che non sono state presentate memorie.

Diritto

CONSIDERATO

Che il Collegio condivide le considerazioni svolte nella relazione sopra trascritta;

che pertanto il ricorso va dichiarato inammissibile;

che è equo compensare tra le parti le spese processuali, essendo la richiamata giurisprudenza di legittimità successiva alla notifica del ricorso.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e compensa fra le parti le spese processuali.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti dell’obbligo di versamento, a carico della parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 21 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 29 dicembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA