Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27422 del 29/10/2018

Cassazione civile sez. VI, 29/10/2018, (ud. 10/10/2018, dep. 29/10/2018), n.27422

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 22683/2017 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

V.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FILIPPO

CORRIDONI 14, presso lo studio dell’avvocato MARCO PAOLETTI, che lo

rappresenta e difende unitamente agli avvocati ANDREA LOVISOLO,

ANTONIO LOVISOLO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 972/6/2017 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di GENOVA, depositata il 26/06/2017;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 10/10/2018 dal Consigliere Dott. LUCA SOLAINI.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con ricorso in Cassazione affidato a un unico motivo, nei cui confronti la parte contribuente ha resistito con controricorso (nel quale ha riproposto le questioni rimaste assorbite), l’Agenzia delle Entrate impugnava la sentenza della CTR della Liguria, relativa a due avvisi di liquidazione sia per la revoca dell’aliquota Iva agevolata (4%) prevista per le abitazioni non di lusso che per la revoca dell’aliquota ridotta (0,25%) sull’imposta sostitutiva per la concessione di un mutuo connesso all’acquisto del medesimo immobile, dove si è fatta questione del mancato rispetto del contraddittorio endoprocedimentale.

L’ufficio deduce il vizio di nullità della sentenza per carenza assoluta di motivazione, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, in quanto, solo relativamente alla maggiore imposta sostitutiva dovuta in conseguenza della revoca delle agevolazioni cd “prima casa”, erroneamente, i giudici d’appello avevano dichiarato la nullità del secondo avviso d’accertamento – mentre, sul primo avviso di liquidazione relativo alla revoca dell’aliquota agevolata Iva l’ufficio aveva prestato acquiescenza alla sentenza di annullamento- per difetto di contraddittorio endoprocedimentale.

Il motivo è inammissibile.

In via preliminare, l’ufficio censura la statuizione dei giudici d’appello sulla necessità del contraddittorio endoprocedimentale (anche in materia di “tributi non armonizzati”) sotto il profilo della carenza assoluta di motivazione (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4), laddove, invece, il motivo difetta di specificità (Cass. ord. n. 19959/14, 187/14, 17125/07) trattandosi di una censura in diritto che doveva essere proposta ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 e non di error in procedendo, l’unico censurabile ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4.

Inoltre, il motivo di censura è parimenti inammissibile sempre per difetto di specificità perchè non censura la seconda ratio decidendi della sentenza impugnata, relativa alla statuizione che il procedimento di revoca delle agevolazioni fiscali, richiedendo l’applicazione dei principi in tema di autotutela amministrativa comporterebbe “a fortiori il doveroso coinvolgimento procedimentale del soggetto sul quale si ripercuotono gli effetti sfavorevoli degli atti medesimi” (v. terz’ultimo cpv. della sentenza della CTR).

Pertanto, il ricorso è inammissibile.

Le spese di lite seguono la soccombenza e sono liquidate come in dispositivo.

Poichè l’ufficio è un’amministrazione dello Stato, non paga il doppio del contributo unificato (Sez. 6-L, Ordinanza n. 1778 del 29/01/2016, Rv. 638714; Sez. 3, Sentenza n. 5955 del 14/03/2014, Rv. 630550).

P.Q.M.

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Rigetta il ricorso.

Condanna l’Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore pt, a pagare a V.G. le spese di lite del presente giudizio, che liquida nell’importo di Euro 2.300,00 oltre Euro 200,00 per esborsi, oltre il 15% per spese generali, oltre accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 10 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 29 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA