Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2742 del 06/02/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 2 Num. 2742 Anno 2014
Presidente: ODDO MASSIMO
Relatore: PROTO CESARE ANTONIO

SENTENZA

sul ricorso 3577-2008 proposto da:
FALCONE ANNA PAOLA FLCNPL47C54I693F, elettivamente
domiciliata in ROMA, VIALE GIULIO CESARE 14 A-4,
presso lo studio dell’avvocato PAFUNDI GABRIELE, che
la rappresenta e difende unitamente all’avvocato
GRANARA DANIELE;
– ricorrente –

2013
contro

2663

REPETTO

MARIA

GRAZIA

C.F.RPTMGR38C57I693S,

e1c, ttivamente domiciliata in ROMA, PTAZZA SALLUSTIO 9,

presso lo studio dell’avvocato SPALLINA BARTOLO, che

-,t

Data pubblicazione: 06/02/2014

la rappresenta e difende unitamente all’avvocato
ZEREGA DAVIDE;
– controricorrente

avverso la sentenza n. 81/2007 della CORTE D’APPELLO
di GENOVA, depositata il 09/02/2007;

udienza del 18/12/2013 dal Consigliere Dott. CESARE
ANTONIO PROTO;
udito

l’Avvocato

Ciprotti

Alessia

con

delega

depositata in udienza dell’Avv. Pafundi Gabriele
difensore della ricorrente che ha chiesto il rinvio
del ricorso per presentare la documentazione
attestante la operalità di erede da parte della Sig.ra
Falcone Anna Paola e si riporta agli atti depositati;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. LUCIO CAPASSO che ha concluso per
l’inammissibilità del ricorso.

2

I

udita la relazione della causa svolta nella pubblica

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione del 4/6/1993 Maria Grazia
Repetto, deducendo l’interclusione del proprio fondo,
citava in giudizio Muzio Angiolina per la costituzione
di una servitù coattiva di passaggio per accedere alla

del proprio fondo realizzando box interrati.
La convenuta si costituiva e chiedeva il rigetto della
domanda.
Il Tribunale di Chiavari con sentenza del 31/1/2003
accoglieva la domanda e liquidava al proprietario del
fondo servente l’indennità di euro 1032,91 sulla base
delle indicazioni del CTU.
Muzio Angiolina proponeva appello articolato in tre
motivi al quale resisteva l’attrice.
La Corte di Appello di Genova, con sentenza del
9/2/2007 rigettava l’appello rilevando:
– che il primo motivo, con il quale era contestata
l’interclusione e l’impossibilità di transito sul
percorso individuato dal CTU per l’esistenza di un
corso d’acqua era infondato perché:
a) che l’interclusione non veniva meno per l’esistenza
di altro percorso in quanto non risultava che l’attrice
avesse titolo per attraversare i fondi sul quale si

strada comunale e allo scopo di fare conveniente uso

sviluppava il percorso alternativo, uno dei quali di
proprietà della stesa convenuta;
b) che la natura di corso d’acqua pubblico era stata
esclusa dalla Provincia di Genova e pertanto non vi era
impedimento alla realizzazione dell’attraversamento e

– quanto al secondo motivo e in parte del primo, che le
censure sull’impossibilità di conveniente uso del fondo
non potevano essere accolte perché il mutato assetto
urbanistico
parcheggi,

nella zona
ma

residenze)

(non erano più previsti
non

rendeva

inattuale

l’esigenza della servitù tenuto conto che la previsione
della

costruzione di edifici residenziali sul fondo

dell’attrice

dava

concretezza

all’esigenza

di

raggiungere con veicoli il fondo intercluso;
– che era infondato anche il terzo motivo, relativo
all’ammontare,
dell’indennità,

ritenuto esiguo,
perchè

della liquidazione

l’indennità

era

stata

correttamente calcolata capitalizzando il valore del
canone di affitto del terreno del fondo servente tenuto
conto della sua destinazione ad orto, mentre non doveva
essere considerato l’incremento di valore del fondo
dominante in quanto l’indennità dovuta era da

all’utilizzazione della servitù;

qualificarsi non un corrispettivo dell’utilità, ma un
indennizzo risarcitorio.
Anna Paola Falcone ha proposto ricorso, illustrato da
successiva memoria, affidato a quattro motivi
dichiarandosi unica figlia ed erede di Muzio Angiolina.

ha depositato memoria.
Motivi della decisione
Anna Paola Falcone ha proposto ricorso dichiarandosi
unica figlia ed erede di Muzio Angiolina, senza
peraltro documentare né il decesso della parte né la
propria qualità di erede.
La richiesta di rinvio per produzioni documentali,
formulata dopo la relazione ex art. 379 c.p.c.
inammissibile.
In tema di legittimazione attiva, incombe alla parte
el-1 ricorre per cassazione,
(7.1115 pergwlà

ene

nella qualità

tíace parte del wiù(lizlu di

di erede
ffieritu,

l’onere di dimostrare, per mezzo delle produzioni
documentali consentite dall’art. 372 cod. proc. civ.,
il decesso della parte originaria e la propria qualità
di erede, che attengono alla titolarità del diritto ad
impugnare e pertanto alla regolare costituzione del
contraddittorio, la cui mancanza è rilevabile di

Repetto Maria Grazia ha resistito con controricorso e

ufficio; in difetto, il ricorso deve essere dichiarato
inammissibile, per mancanza di prova de presuposti per
la

successione

nel

processo

e,

quindi,

della

legittimazione ad impugnare, nessun rilievo assumends

opera della controparte,

trattandosi di ques5isn

rilevabile d’ufficio (Cass. 27/1/2011 n. 194:4 Cas.
25/6/2010 n. 15352; Cass., S.U., 25/2/2009 n. 4468 con
riferimento al controricorso; Cass. S.U. 25/5/2001
226 e, in particolare, gli argomenti sv±luppau

in

motivazione).
Ne consegue l’inammissibilità del ricorso; le speso
seguono la soccombenza.
P.Q.M.
La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna
Falcone Anna Paola a pagare a Repetto Maria Grazia re
spese di questo giudizio di cassazione che liquida in
euro 2.500,00 per compensi oltre euro 200,00 per
esborsi.

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
Così deciso in Roma, il 18/12/2013.

Si attesta la registrazione presso

la mancata contestazione di tale legittimazione ad

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA