Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27383 del 01/12/2020

Cassazione civile sez. trib., 01/12/2020, (ud. 14/07/2020, dep. 01/12/2020), n.27383

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRUCITTI Roberta – Presidente –

Dott. GIUDICEPIETRO Andreina – Consigliere –

Dott. CATALDI Michele – Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello M. – Consigliere –

Dott. MAISANO Giulio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1801-2014 proposto da:

M.P., elettivamente domiciliato in ROMA,VIA CARLO POMA

4, presso lo studio dell’avvocato ELEUTERIO ZUENA, rappresentato e

difeso dall’avvocato MASSIMO BOSI;

– ricorrente –

contro

AGENZIA ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore, elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e difende;

– controricorrenti –

avverso la decisione n. 1979/2012 della COMM. TRIBUTARIA CENTRALE di

FIRENZE, depositata il 19/11/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

14/07/2020 dal Consigliere Dott. GIULIO MAISANO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

M.P. ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria centrale sezione di Firenze n. 1979/12 pubblicata il 19 novembre 2012 con la quale è stato accolto il ricorso proposto dall’Ufficio delle Imposte Dirette di Poggibonsi avverso la decisione n. 125/02/1991 della Commissione tributaria di secondo grado di Siena che, – in parziale accoglimento dell’appello proposto dal M. avverso la decisione della Commissione tributaria di primo grado di Siena che aveva dichiarato inammissibile il suo ricorso avverso l’iscrizione a ruolo di sanzioni stabilite dalla Commissione tributaria di primo grado di Siena (con decisione n. 478/3 pubblicata il 27 novembre 1987) aveva ridotto a Lire. 50.000 la pena pecuniaria per omessa dichiarazione prescritta dal D.P.R. n. 600 del 1973, art. 10, e di cui il M. era stato ritenuto responsabile quale ex curatore fallimentare della (OMISSIS) s.r.l. dichiarata fallita con sentenza del Tribunale di Siena del 26 febbraio 1981;

che la Commissione tributaria centrale ha considerato che l’iscrizione a ruolo delle sanzioni a carico del M. non poteva essere più impugnata in quanto riferentesi a decisione del 1987 non impugnata;

che l’Agenzia delle Entrate resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

il ricorrente lamenta la violazione di legge per erronea e/o falsa applicazione delle norme in materia di responsabilità per pene pecuniarie e per carenza di legittimazione passiva, e omessa e/o insufficiente motivazione in relazione alla notifica dell’avviso di accertamento al curatore fallimentare;

che il ricorso è inammissibile sotto il duplice profilo dell’omessa indicazione delle norme di cui si assume la violazione o falsa applicazione, e dell’omessa considerazione della ratio decidendi della sentenza impugnata che aveva dichiarato il ricorso introduttivo del contribuente curatore inammissibile essendo le sollevate questioni di merito coperte da giudicato;

che le spese di giudizio, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte di Cassazione dichiara inammissibile il ricorso; Condanna.1,à ti ricorrente al pagamento delle spese di giudizio liquidate in complessivi Euro 4.500,00 oltre alle spese prenotate a debito; Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, il 14 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 1 dicembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA