Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27370 del 06/12/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 5 Num. 27370 Anno 2013
Presidente: MERONE ANTONIO
Relatore: BOTTA RAFFAELE

SENTENZA
sul ricorso R.G. n. 2612/09 proposto da:
Edison S.p.A. (quale incorporante Edison S.p.A. a sua volta incorporante
di Montedison S.p.A.), in persona del legale rappresentante pro tempore,
elettivamente domiciliata in Roma via della Scrofa 57, presso gli avv.ti
Giancarlo Zoppini, Giuseppe Russo Corvace e Giuseppe Pizzonia, che la
rappresentano e difendono giusta delega a margine del ricorso;
– ricorrente —

Contro
Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi 12, presso l’Avvocatura generale dello Stato, che la rappresenta e difende per legge;
– controricorrente —
avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia (Milano), Sez. 10, n. 110/10/07 del 29 novembre 2007, depositata il
5 dicembre 2007, non notificata;
e sul ricorso R.G. n. 652/13 proposto da:
Edison S.p.A. (quale incorporante Edison S.p.A. a sua volta incorporante
di Montedison S.p.A.), in persona del legale rappresentante pro tempore,
elettivamente domiciliata in Roma via della Scrofa 57, presso gli avv.ti
Giancarlo Zoppini, Giuseppe Russo Corvace e Giuseppe Pizzonia, che la
rappresentano e difendono giusta delega a margine del ricorso:

Contro

Oggetto:
Imposta di registro.
Vendita di terreni.
Condono. Cessazione materia del contendere.

Data pubblicazione: 06/12/2013

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi 12, presso l’Avvocatura generale dello Stato, che la rappresenta e difende per legge;
– intimata costituita —
avverso il provvedimento di diniego di condono emesso 1’11 ottobre 2012
dall’Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Milano 1 e notificato
il 26 ottobre 2012;
e sul ricorso R.G. n. 10008/13 proposto da:

di Montedison S.p.A.), in persona del legale rappresentante pro tempore,
elettivamente domiciliata in Roma via della Scrofa 57, presso gli avv.ti
Giancarlo Zoppini, Giuseppe Russo Corvace e Giuseppe Pizzonia, che la
rappresentano e difendono giusta delega a margine del ricorso;
Contro
Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore;
– intimata —
avverso il provvedimento di diniego di condono emesso il 25 gennaio 2013
dall’Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Milano 1 e notificato
il 14 febbraio 2013;
Udita la relazione svolta nella Pubblica Udienza del 6 novembre 2013 dal
Relatore Cons. Raffaele Botta;
Udito Giuseppe Russo Corvace per la società ricorrente e l’avv. Gianna
Maria De Socio per l’Avvocatura Generale dello Stato;
Udito il P.M., nella persona del sostituto Procuratore Generale Dott. Ennio Attilio Sepe, che ha concluso per il rigetto del ricorso,
Letto il ricorso R.G. 2612/09 concernente l’impugnazione della sentenza
pronunciata dalla Commissione Tributaria della Lombardia a seguito di
annullamento con rinvio disposto da questa Corte con sentenza n.
8343/06, in una controversia relativa all’imposta di registro dovuta per la
vendita di terrene con sovrastanti fabbricati di pretesa natura agricola;
Letto il controricorso;
Letto il ricorso R.G. 65/13 concernente l’impugnazione del provvedimento di diniego di condono notificato alla società contribuente con riferimento alla domanda di definizione agevolata della lite relativa
all’avviso di liquidazione dell’imposta di registro oggetto della controversia di cui al precedente ricorso R.G. 2612/09;
Preso atto che l’amministrazione non ha notificato controricorso ma ha
depositato atto di costituzione ai fini della partecipazione all’udienza di
discussione;

Edison S.p.A. (quale incorporante Edison S.p.A. a sua volta incorporante

r.”

Letto il ricorso R.G. 10008/13 concernente l’impugnazione dell’ulteriore
provvedimento di diniego di condono notificato alla società contribuente
con riferimento alla domanda di definizione agevolata della lite relativa
al medesimo avviso di liquidazione dell’imposta di registro oggetto della
controversia di cui al precedente ricorso R.G. 2612/09;
Preso atto che l’amministrazione non si è costituita ma ha depositato
memoria con la quale, premesso che la predetta domanda di definizione
agevolata dalla lite, già oggetto del provvedimento di diniego, è stata

contendere in relazione alla causa R.G. 2612/09;
Visto che nella causa iscritta al n. R.G. 2612/09 l’amministrazione ha depositato istanza con la quale chiede l’estinzione del giudizio per intervenuto condono;
Ritenuto che debba essere disposta la riunione dei ricorsi connessi e che
sia dichiarata la cessazione della materia del contendere in relazione
all’avvenuta definizione agevolata della lite;
Ritenuto che in ragione di tale definizione debbano essere compensate le
spese.

P.Q.M.
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
Riunisce i ricorsi R.G. nn. 2612/09, 652/13 e 10008/13 e dichiara cessata la
materia del contendere. Compensa le spese.
Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio del/6 novembre 2013.

successivamente accolta, chiede che sia dichiarata cessata la materia del

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA