Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27358 del 29/10/2018

Cassazione civile sez. II, 29/10/2018, (ud. 22/05/2018, dep. 29/10/2018), n.27358

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. ORILIA Lorenzo – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 23595/2013 proposto da:

R.I., rappresentata e difesa da se medesimo elettivamente

domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la Cancelleria della

CORTE di CASSAZIONE;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA in persona del Ministro pro tempore;

– intimato –

avverso il provvedimento del TRIBUNALE di GENOVA, depositato il

03/07/2013, RG. n. 2204/2013 VG;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

22/05/2018 dal Consigliere ROSSANA GIANNACCARI.

Fatto

RILEVATO

che:

– in data 22 gennaio 2013 il Tribunale di Genova rigettava l’opposizione presentata dall’avv. R.I. avverso l’ordinanza di rigetto di liquidazione degli onorari D.P.R. n. 115 del 2002, ex artt. 82,112 e 114, sul presupposto dell’avvenuta successiva revoca del provvedimento di ammissione al gratuito patrocinio dell’imputato Navas Pacheco Francisco Xavier;

– ha proposto ricorso per cassazione l’Avv. R. sulla base di due motivi;

– la parte intimata non ha svolto attività difensiva.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– con atto depositato il 16.4.2018, sottoscritto dall’Avv. R., vi è stata rinuncia al ricorso;

– il giudizio deve essere dichiarato estinto ai sensi dell’art. 391 c.p.c.;

– nulla va statuito sulle spese, non avendo la parte intimata svolto attività difensiva.

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Seconda Sezione Civile, il 22 maggio 2018.

Depositato in Cancelleria il 29 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA