Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27349 del 29/10/2018

Cassazione civile sez. II, 29/10/2018, (ud. 22/05/2018, dep. 29/10/2018), n.27349

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. ORILIA Lorenzo – rel. Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 22223/2016 proposto da:

F.A., P.M.R., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA ODERISI DA GUBBIO 214, presso lo studio dell’avvocato

DOMENICO MARI, rappresentati e difesi dall’avvocato SEBASTIANO

CHERI;

– ricorrenti –

e contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro pro tempore;

– intimato –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositato il

15/04/2016, R.G.n. 51860/2015 V.G.;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

22/05/2018 dal Consigliere LORENZO ORILIA.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1 La Corte d’appello di Roma, con decreto 10.4.2016 ha dichiarato inammissibile l’opposizione di F.A. e P.M.R. contro il decreto del consigliere delegato con cui era stata parzialmente accolta la loro domanda di equa riparazione ai sensi della L. 24 marzo 2001, n. 89, per l’irragionevole durata di un giudizio civile.

Secondo la Corte territoriale l’opposizione era stata proposta fuori termine perchè il decreto opposto era stato comunicato via pec il 18.6.2015 e l’opposizione era stata depositata il 20.7.2015 quindi oltre il termine di scadenza del 18 luglio che non era sabato nè giorno festivo.

2 Per la cassazione del decreto della Corte d’appello il F. e la P. hanno proposto ricorso; il Ministero della giustizia non ha svolto difese.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

Con l’unico motivo si deduce la violazione dell’art. 155 c.p.c., per essere la Corte d’Appello incorsa in grossolano errore, perchè il giorno di scadenza del termine cadeva di sabato e quindi doveva considerarsi prorogato al lunedì successivo.

Il ricorso è fondato, essendo evidente l’errore della Corte d’Appello nel calcolo del termine per proporre opposizione ai sensi della L. n. 89 del 2001, art. 5 ter.

Contrariamente a quanto affermato nel provvedimento impugnato, infatti, il 18 luglio – data di scadenza del termine di trenta giorni per proporre l’opposizione contro il decreto comunicato via pec il 18.6.2015 – cadeva proprio di sabato e quindi la scadenza andava spostata al 20 luglio, lunedì, secondo la regola generale contenuta nell’art. 155 c.p.c..

Logica conseguenza è la tempestività dell’opposizione, depositata appunto lunedì 20.7.2015, come attesta la stessa Corte romana.

L’impugnato decreto va pertanto cassato con rinvio ad altra sezione della Corte d’Appello di Roma che riesaminerà l’opposizione e all’esito regolerà anche le spese del presente giudizio.

P.Q.M.

accoglie il ricorso, cassa il decreto impugnato e rinvia, anche per le spese, ad altra sezione della Corte d’Appello di Roma.

Così deciso in Roma, il 22 maggio 2018.

Depositato in Cancelleria il 29 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA