Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27316 del 29/10/2018

Cassazione civile sez. VI, 29/10/2018, (ud. 25/09/2018, dep. 29/10/2018), n.27316

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10664-2018 proposto da:

K.D., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato LUCA FROLDI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO (OMISSIS), in persona del Ministro pro tempore

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STA no, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso il decreto n. R.G. 6869/2017 del TRIBUNALE di ANCONA, emesso

il 14/02/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 25/09/2018 dal Consigliere Relatore Dott. MASSIMO

FALABELLA;

dato atto che il Collegio ha autorizzato la redazione del

provvedimento in forma semplificata.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. – K.D., proveniente dalla Costa d’Avorio, proponeva domanda di protezione internazionale: domanda che veniva respinta dalla competente Commissione territoriale.

Il Tribunale di Ancona, avanti al quale era impugnato il suddetto provvedimento reiettivo, respingeva a propria volta il gravame, osservando come non ricorressero le condizioni per il riconoscimento, al richiedente, dello status di rifugiato e ritenendo, altresì, che non potesse farsi luogo nè alla protezione sussidiaria, nè al rilascio del permesso di soggiorno per motivi umanitari.

2. – Il decreto del Tribunale marchigiano è impugnato per cassazione da K.D.; il ricorso si fonda su di un unico motivo. Resiste con controricorso il Ministero dell’interno.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. – L’istante lamenta la violazione falsa applicazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3, comma 5. Deduce che il Tribunale avrebbe omesso di “verificare la veridicità del fatti e la corrispondenza tra quanto detto dinanzi alla Commissione territoriale e nel ricorso di primo grado ascoltando il richiedente protezione internazionale nonchè ponendolo nella condizione di fornire in maniera chiara ed esaustiva le proprie argomentazioni, deduzioni e mezzi probatori”. In presenza di lacune nella ricostruzione della vicenda che riguardava esso ricorrente il giudice del merito avrebbe dovuto attivare le autorità competenti per il reperimento di documenti.

2. – Il ricorso è inammissibile.

Il Tribunale ha rilevato che le dichiarazioni del ricorrente in merito alle motivazioni che l’avrebbero costretto a lasciare il proprio paese di origine risultavano “inidonee a giustificare un provvedimento di protezione internazionale trattandosi di vicende non credibili e, in ogni caso, confinate nei limiti di una vicenda privata e di giustizia ordinaria per la quale avrebbe dovuto chiedere la protezione del suo paese”; ha aggiunto essere incomprensibile la ragione per la quale lo stesso istante avrebbe consegnato al capo della banda dei criminali responsabile dell’omicidio del fratello la copia della denuncia da lui sporta a loro carico, come rilevato dalla Commissione; ha pure rimarcato come il ricorrente non avesse chiarito le ragioni per le quali non avesse conservato la disponibilità di documenti di identità (nonostante l’allontanamento dal paese di origine non risultasse essere nè repentino, nè forzato da circostanze imprevedibili ed improvvise). Avendo riguardo alla situazione della Costa d’Avorio, il Tribunale, basandosi su un report del 2016, ha infine sottolineato che essa era avviata a una progressiva normalizzazione e che nel paese erano rispettate le garanzie giuridiche di libertà religiosa, sottolineando come l’attuale governo fosse del resto composto da una coalizione di musulmani e cristiani. Il giudice del merito ha dunque negato che il ricorrente avesse titolo ad alcuna delle diverse forme di protezione: internazionale, sussidiaria o unanitaria.

Ai sensi del D.Lgs. n. 251 del 2007, n. 251, art. 3, comma 5, se il richiedente non ha fornito prova di alcuni elementi rilevanti ai fini della decisione, le allegazioni dei fatti non suffragati da prova devono essere ritenuti comunque veritieri in presenza delle condizioni ivi indicate, tra cui è ricompresa la coerenza e plausibilità delle dichiarazioni rese, che devono essere correlate alle informazioni generali e specifiche riguardanti il caso (cfr. Cass. 18 febbraio 2011, n. 4138; cfr. pure Cass. 10 luglio 2014, n. 15782). La valorizzazione, da parte del giudice del merito, della non credibilità della narrazione dell’istante appare pertanto coerente con la nominata disciplina. Del resto, non risulta nemmeno censurata l’affermazione, contenuta nel decreto impugnato, secondo cui la vicenda personale del ricorrente – i cui contorni, peraltro, non sono stati esaurientemente definiti nel corpo del ricorso per cassazione – ben avrebbe potuto essere rappresentata alle autorità ivoriane.

La censura attinente alla mancata spendita dei poteri officiosi del giudice investito della domanda di protezione risulta essere poi connotata da assoluta genericità e appare, per conseguenza, priva di decisività: non solo il ricorrente manca di indicare quali siano le informazioni che, in concreto, avrebbero potuto determinare l’accoglimento del proprio ricorso, ma nemmeno precisa se tali informazioni si riferiscano alla domanda di protezione internazionale, a quella di protezione sussidiaria o a quella finalizzata al rilascio del permesso di soggiorno per motivi umanitari: se esse concernano, cumulativamente, tutte queste domande, o solo alcune di esse.

3. – declaratoria di inammissibilità del ricorso fa seguito la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.

PQM

La Corte:

dichiara inammissibile il ricorso; condanna parte ricorrente al pagamento, in favore della parte controricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in 2.050,00 ed agli accessori di legge, oltre alle spese prenotate a debito; ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17 dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della 6′ Sezione Civile, il 25 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 29 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA