Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27297 del 30/11/2020

Cassazione civile sez. II, 30/11/2020, (ud. 24/07/2020, dep. 30/11/2020), n.27297

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GORJAN Sergio – Presidente –

Dott. CARRATO Aldo – Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – rel. Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5005-2016 proposto da:

G.F., G.F., eredi allo stato anche di

R.E., già parte e deceduta in corso di causa, elettivamente

domiciliati in ROMA, CORSO VITTORIO EMANUELE II 18, presso lo STUDIO

GREZ E ASSOCIATI, rappresentati e difesi dagli avvocati (OMISSIS),

giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrenti –

contro

GH.FA., G.L., quali eredi di B.M. nonchè

in qualità di procuratori di G.S. giusta procura

speciale per Notaio, elettivamente domiciliati in ROMA, VIA COLA DI

RIENZO 222, presso lo studio dell’avvocato LEONARDO BRASCA, che li

rappresenta e difende unitamente e disgiuntamente all’avvocato

SIMONA RICCI, come da procura in calce al controricorso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 1120/2015 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

depositata il 30/09/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

24/07/2020 dal Consigliere ROSSANA GIANNACCARI.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con atto di citazione innanzi al Tribunale di Massa, GH.FA., G.S. e G.L. citavano in giudizio G.F., G.F. e R.E., per chiedere dichiararsi l’annullamento del testamento pubblico di G.A. del 25.11.2002, con cui era stata istituita erede G.F., per incapacità di intendere e di volere della testatrice.

Si costituivano in giudizio le convenute e resistevano alla domanda.

La causa veniva istruita con consulenza tecnica medico-legale, che concludeva per l’incapacità cognitiva della de cuius, che l’aveva resa incapace di intendere e di volere al momento della redazione del testamento.

Il Tribunale di Massa accoglieva la domanda proposta dagli attori anche nei confronti di B.M., dichiarata interdetta e rappresentata in giudizio da GH.FA..

La Corte d’appello di Genova, con sentenza n. 1120/2015, rigettava il gravame. Quanto all’eccezione di nullità della sentenza di primo grado per assenza dell’autorizzazione da parte del Tribunale in favore di GH.FA. a stare in giudizio in nome e per conto della madre B.M., di cui era tutore, la corte di merito osservava che l’eccezione era stata tardivamente proposta in sede di precisazione delle conclusioni nel giudizio d’appello. In ogni caso, secondo la corte di merito, l’assenza di autorizzazione non atteneva ad un requisito di validità, ma determinava una mera irregolarità nella costituzione del soggetto che agiva in rappresentanza della parte tutelata, sicchè soltanto nell’interesse di quest’ultima l’irregolarità poteva esser fatta valere.

Infine, la Corte riteneva elemento decisivo al fine del rigetto dell’eccezione il fatto che l’impugnazione risultava espressamente proposta dalle appellanti nei confronti esclusivamente di GH.FA., G.L. e G.S. e che, nella formulazione dei motivi di gravame, gli stessi non avevano contestato la questione della costituzione in causa del tutore della defunta B.M..

Per ciò che rileva ai fini del giudizio di legittimità, la corte di merito riteneva che vi fosse la prova dell’incapacità di intendere e di volere sulla base delle conclusioni cui era pervenuto il CTU.

Avverso la sentenza d’appello hanno proposto ricorso per cassazione G.F. e G.F., eredi di R.E., sulla base di tre motivi.

Hanno resistito con controricorso GH.FA. e G.L. in proprio e quali eredi di B.M. nonchè in qualità di procuratori di G.S..

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo di ricorso si deduce la violazione degli artt. 101 e 182 c.p.c., perchè GH.FA. avrebbe agito in rappresentanza dell’interdetta B.M. in difetto di autorizzazione e senza disporre d’ufficio la regolarizzazione. Con il secondo motivo di ricorso si deduce la violazione dell’art. 374 c.p.c., n. 5 per avere la Corte d’appello ritenuto tardiva l’eccezione di difetto di rappresentanza di B.M., pur trattandosi di questione rilevabile d’ufficio in ogni stato e grado del processo.

I motivi che per la loro connessione meritano una trattazione congiunta non sono fondati.

Dall’esame degli atti processuali, consentito in ragione del vizio dedotto, consistito in un error in procedendo, risulta che B.M. era intervenuta nel corso del giudizio di primo grado con atto di intervento del 13.12.2014, autorizzato dal giudice tutelare.

Ne consegue che non sussisteva, già dal primo grado, il difetto di autorizzazione denunciato dai ricorrenti.

Con il terzo motivo di ricorso si deduce la violazione dell’art. 194 c.p.c. per non avere il Tribunale prima e la Corte d’appello poi valutato, ai fini della statuizione circa l’esistenza di un’incapacità di intendere e di volere in capo al testatore, le conclusioni rassegnate dal consulente tecnico di parte atte a dimostrare la non configurabilità di tale situazione, ritenendo di fondare il proprio orientamento conclusivo unicamente sulle considerazioni espressa dal CTU.

Il motivo è inammissibile.

La consulenza di parte, ancorchè confermata sotto il vincolo del giuramento, costituisce una semplice allegazione difensiva di carattere tecnico, priva di autonomo valore probatorio (Cass. civ., SS.UU., n. 13902/2013), con la conseguenza che il giudice di merito, ove di contrario avviso, non è tenuto ad analizzarne e a confutarne il contenuto, quando ponga a base del proprio convincimento considerazioni con essa incompatibili e conformi al parere del proprio consulente (Cass. civ., n. 5687/2001).

Ne consegue che non è ipotizzabile la violazione di legge derivante dall’adesione alle conclusioni del CTU.

Per il resto, sotto l’apparente deduzione del vizio di violazione o falsa applicazione di legge, il ricorso mira ad una rivalutazione dei fatti operata dal giudice di merito, incensurabile in sede di legittimità (Cass. SS.UU., 27.12.2019, n. 34476).

Il ricorso va pertanto rigettato.

Le spese seguono la soccombenza e vanno liquidate in dispositivo.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, va dato atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis se dovuto.

P.Q.M.

rigetta il ricorso e condanna la parte ricorrente al pagamento, in favore della parte controricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 2.300,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15%, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 ed agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Seconda Sezione Civile della Corte di cassazione, il 24 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 30 novembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA