Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27250 del 28/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 28/12/2016, (ud. 18/10/2016, dep.28/12/2016),  n. 27250

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – rel. Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10872-2016 proposto da:

G.S., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ULPIANO, 29,

presso lo studio dell’avvocato LUCA ZERELLA, rappresentata e difesa

dall’avvocato CARMINE CUSANO giusta procura speciale in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

BANCAPULIA SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 6186/2016 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA del 9/03/2016, depositata il 30/03/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

18/10/2016 dal Consigliere Dott. GIUSEPPINA LUCIANA BARRECA;

udito l’Avvocato Cusano Carmine difensore della ricorrente che si

riporta agli scritti.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

E’ stata depositata in cancelleria la seguente relazione:

“con sentenza n. 6186 pubblicata il 30 marzo 2016 questa Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto da Bancapulia s.p.a. nei confronti di S.M. e G.S., condannando la ricorrente al pagamento delle spese di lite;

nonostante la richiesta di distrazione, veniva omesso il provvedimento ex art. 93 c.p.c.;

la ricorrente G. ha richiesto la correzione della sentenza, ritenendo la detta omissione un errore materiale;

Il consigliere relatore propone che l’istanza sia accolta e che il dispositivo della sentenza n. 6186-2016 sia corretto… aggiungendo “da distrarsi in favore dell’avv. Carmine Cusano ex art. 93 c.p.c.” dopo la statuizione di ” condanna la ricorrente al pagamento in favore delle resistenti, in solido, delle spese processuali liquidate nell’importo complessivo di Euro 8.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre rimborso spese generali, IVA e CPA come per legge.”.

La relazione è stata notificata come per legge.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

A seguito della discussione sul ricorso, si provvede alla correzione dell’errore materiale come da relazione.

Non vi è luogo a provvedere sulle spese.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, non sussistono i presupposti per il versamento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato.

PQM

La Corte dispone che il dispositivo della sentenza di questa Corte di Cassazione n. 6186-2016 sia corretto aggiungendo “da distrarsi in favore dell’avv. Carmine Cusano ex art. 93 c.p.c.” dopo la statuizione di “condanna la ricorrente al pagamento in favore delle resistenti, in solido, delle spese processuali liquidate nell’importo complessivo di Euro 8.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre rimborso spese generali, IVA e CPA come per legge.”. Si annoti a cura della Cancelleria.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della sezione sesta civile – 3 della Corte su cassazione, il 18 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 28 dicembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA