Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27172 del 27/11/2020

Cassazione civile sez. lav., 27/11/2020, (ud. 23/09/2020, dep. 27/11/2020), n.27172

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. BUFFA Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 22533/2015 proposto da:

F.G., D.G.D., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA

POMPEO MAGNO, 23/A, presso lo studio dell’avvocato GUIDO ROSSI,

rappresentati e difesi dall’avvocato LEONELLO AZZARINI;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati SERGIO PREDEN,

FILIPPO MANGIAPANE, LUIGI CALIULO, MARIA PASSARELLI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 728/2014 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 14/03/2015 R.G.N. 133/2012;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

23/09/2020 dal Consigliere Dott. FRANCESCO BUFFA.

 

Fatto

RILEVATO

che:

Con sentenza del 14.3.15, la Corte d’Appello di Venezia – in parziale riforma di sentenza del 2011 del Tribunale della stessa sede – ha rigettato la domanda dei lavoratori in epigrafe volta a ottenere i benefici contributivi della L. n. 257 del 1992, ex art. 13, comma 8, escludendo l’esposizione dei lavoratori dopo il 1992 perchè i lavoratori operavano in reparti diversi da quelli recanti amianto in misura rilevante (ove invece avevano lavorato per limitato periodo in precedenza) La corte ha ritenuto conseguentemente superfluo accertare l’esposizione per il periodo 88-91 per il lavoratore D.G., attesa in ogni caso la mancanza di un periodo decennale di esposizione.

Avverso tale sentenza ricorrono i lavoratori per due motivi, cui resiste l’INPS con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

La sentenza impugnata, pur riconoscendo la presenza di amianto in alcuni ambienti di lavoro ove avevano lavorato i ricorrenti, ha rilevato che dopo il dicembre 1992 i ricorrenti avevano in reparti diversi, con esposizione limitata e saltuaria, e comunque di breve durata, inferiore alla misura richiesta dalla legge.

Con il primo motivo di ricorso si deduce – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 – vizio di motivazione, per non avere la sentenza impugnata considerato il periodo di esposizione ambientale fino al 1996, desumibile da quanto dichiarato dalle teste S. in ordine al fatto che i lavoratori avevano lavorato in reparti contenenti amianto dopo il 1992 ed al fatto che la bonifica degli ambienti lavorativi era avvenuta solo nel 1996.

Con il secondo motivo di ricorso sì deduce – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 – vizio di motivazione, per non avere la corte territoriale considerato il periodo di esposizione 88-91 per il lavoratore D.G..

Il primo motivo di ricorso è infondato.

Al di là di ogni considerazione in ordine alla tecnica di redazione del ricorso (effettuato attraverso l’assemblaggio di atti diversi riprodotti nella loro integralità: tra le tante, Cass. Sez. 6 – 3, Sentenza n. 3385 del 22/02/2016, Rv. 638771 01; Sez. 5, Sentenza n. 18363 del 18/09/2015, Rv. 636551 01), i ricorrenti lamentano che la corte territoriale non abbia valutato adeguatamente la deposizione del teste su indicato, lamentando in sostanza un mero vizio motivazionale della sentenza impugnata, operazione questa preclusa in sede di legittimità dopo la modifica dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5.

Peraltro, quanto ai fatti storici indicati dal teste ed asseritamente ignorati dal giudice d’appello, deve rilevarsi che la corte territoriale ha considerato quanto indicato dal teste ed escluso la rilevanza della relativa deposizione, in quanto inidonea a provare un’esposizione qualificata all’amianto da parte dei ricorrenti.

Inammissibile è il secondo motivo di ricorso, in quanto il preteso vizio sì riferirebbe comunque a fatto non decisivo, non essendo stata affatto fornita per il lavoratore D.G. – che ha pacificamente iniziato a lavorare nel 1986 – prova di una esposizione qualificata per il periodo di durata previsto dalla legge.

Come precisato da questa Corte, infatti (tra la altre, Cass. Sez. L, Sentenza n. 17632 del 28/07/2010, Rv. 614988 – 01), l’attribuzione del beneficio di cui alla L. n. 257 del 1991, art. 13, comma 8 (nel testo risultante dalle modifiche apportate dal D.L. n. 169 del 1993, art. 1, comma 1, convertito nella L. n. 271 del 1993) richiede che il lavoratore sia stato adibito per oltre un decennio a mansioni comportanti un effettivo e personale rischio morbigeno a causa della presenza, nei luoghi di lavoro, di una concentrazione di fibre di amianto che, per essere superiore ai valori limite indicati dal D.Lgs. n. 277 del 1991, art. 24 e successive modifiche, renda concreta e non solo presunta la possibilità del manifestarsi delle patologie che la sostanza è idonea a generare.

Il ricorso deve pertanto essere rigettato.

Le spese seguono la soccombenza.

Sussistono l’presupposti processuali per il raddoppio del contributo unificato, ove dovuto.

P.Q.M.

rigetta il ricorso;

condanna i ricorrenti al pagamento delle spese di lite, che si liquidano in Euro 3000 per competenze professionali ed Euro 200 per esborsi, oltre spese generali nella misura forfetaria del 15 per cento ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte della parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, ove dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 23 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 27 novembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA