Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27160 del 16/12/2011

Cassazione civile sez. trib., 16/12/2011, (ud. 06/10/2011, dep. 16/12/2011), n.27160

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. BERNARDI Sergio – Consigliere –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Consigliere –

Dott. CIRILLO Ettore – rel. Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 6225/2007 proposto da:

COMUNE DI PIACENZA in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA VIA TACITO 10, presso lo studio dell’avvocato

DANTE Enrico, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

VEZZULLI ELENA, giusta delega in calce;

– ricorrente –

contro

C.I., C.L., C.F., elettivamente

domiciliati in ROMA VIA FEDERICO CESI 44, presso lo studio

dell’avvocato MERLINO Giuseppe, che li rappresenta e difende

unitamente all’avvocato VOLA ANGELO, giusta delega in calce;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 152/2006 della COMM. TRIB. REG. SEZ. DIST. di

PARMA, depositata il 04/11/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/10/2011 dal Consigliere Dott. ETTORE CIRILLO;

udito per il ricorrente l’Avvocato DANTE, che ha chiesto

l’accoglimento;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

LETTIERI Nicola, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il 4 novembre 2006 la CTR dell’Emilia-Romagna (sez. Parma) ha dichiarato inammissibile l’appello proposto dal Comune di Piacenza nei confronti di C.F., C.I. e C.L. avverso la sentenza della CTP di Piacenza n. 6/03/2004 che aveva accolto l’istanza di rimborso avanzata dai contribuenti per ICI 1993.

Ha motivato la decisione, rilevando che l’assenza di qualsivoglia sottoscrizione nella copia dell’impugnazione indirizzata alle parti private e la mera apposizione delle dicitura “F.to in originale” costituiva insanabile violazione delle inderogabili prescrizioni del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53, comma 1 e art. 18, comma 3. Ha proposto ricorso per cassazione, affidato a due motivi e memoria, l’amministrazione comunale; i contribuenti resistono con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

In applicazione del decreto del Primo Presidente in data 22 marzo 2011, il Collegio ha disposto che sia adottata una motivazione semplificata:

IL ricorso è inammissibile.

1.1.- Con il primo motivo, il Comune ricorrente denuncia violazione di legge (D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53, comma 1 e art. 18, comma 3) e, a pag. 9, formula conclusivamente il seguente quesito di diritto: “In relazione al disposto di cui all’art. 366 bis c.p.c., come modificato da D.Lgs. n. 40 del 2006 si chiede alla Suprema Corre di Cassazione di stabilire quale sia il corretto ambito di applicazione del combinato disposto del D.Lgs. n. 546 del 1992, artt. 18 e 53, in relazione all’interpretazione degli stessi fornita dalla Commissione tributaria regionale per l’Emilia Romagna sez. Parma nella sentenza n. 152/22/06 del 19/09/06”.

1.2.-Col secondo motivo, il Comune ricorrente denuncia, inoltre, vizio di omessa motivazione (art. 360 c.p.c., n. 5), per non avere la CTR affrontato il merito della vertenza, riguardo all’operatività del comma 2, art. 5 D.Lgs., e, a pag. 15, formula il seguente momento di sintesi: “In relazione quanto sinora sostenuto nonchè al disposto di cui all’art. 366 bis c.p.c., come modificato da D.Lgs. n. 40 del 2006, si chiede alla Suprema Corre di Cassazione di stabilire quale sia il corretto ambito di applicazione del D.Lgs. n. 504 del 1992, art. 5 comma 2”.

2.1.- Il primo motivo è inammissibile, perchè il quesito di diritto, riguardante la sola censura di violazione di legge (art. 360, n. 3), è del tutto lacunoso, tautologico e privo dei riferimenti fattuali necessari ai fini della sintesi originale e autosufficiente richiesta dall’art. 366 bis c.p.c., nell’interpretazione corrente di questa Corte di legittimità (Sez. U 11210/08). Esso avrebbe dovuto comprendere l’indicazione sia della “regula iuris” adottata nel provvedimento impugnato, sia del diverso principio che la parte ricorrente assume corretto e che si sarebbe dovuto applicare in sostituzione del primo; la mancanza anche di una sola delle due suddette indicazioni rende il mezzo inammissibile (Cass. 24339/08). Nè il quesito di diritto può essere desunto o integrato dal contenuto del motivo, poichè, in un sistema processuale che già prevedeva la redazione del motivo con l’indicazione della violazione denunciata, la peculiarità del disposto di cui all’art. 366 bis, consiste proprio nell’imposizione, al patrocinante che redige il motivo, di una sintesi finale (“…ciascun motivo si deve concludere…”), originale ed autosufficiente, della violazione stessa, funzionalizzata alla formazione immediata e diretta del principio di diritto e, quindi, al miglior esercizio della funzione nomofilattica della Corte di legittimità (Cass. 20409/2008).

2.2.-Il secondo motivo resta assorbito, in quanto attinge solo il merito della vertenza in presenza di quaestio litis ingressum impediens. Esso, peraltro, sarebbe inammissibile sia perchè denuncia come omessa motivazione una questione di diritto, sia perchè incorre nelle stesse lacune del primo motivo.

3.-La declaratoria d’inammissibilità del ricorso comporta la condanna del ricorrente alle spese del giudizio di legittimità che si liquidano in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese del giudizio di legittimità liquidate in Euro 1.200,00 di cui Euro 1.100,00 per onorario, oltre a spese generali e oneri di legge.

Così deciso in Roma, il 6 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 16 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA