Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27131 del 16/12/2011

Cassazione civile sez. trib., 16/12/2011, (ud. 06/10/2011, dep. 16/12/2011), n.27131

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. BERNARDI Sergio – Consigliere –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Consigliere –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

Regione Autonoma della Valle d’Aosta in persona del Presidente pro

tempore, elettivamente domiciliata in Roma, viale G. Mazzini n. 11,

presso lo studio dell’avv. Salvini Livia dalla quale è rappresentato

e difeso per procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

Comune di Verres, in persona del Sindaco in carica, elettivamente

domiciliato in Roma, via Cosseria n. 5 int. 1 presso lo studio

dell’avv. ROMANELLI Guido Francesco che lo rappresenta e difende,

unitamente e disgiuntamente all’avv. Fogagnolo Maurizio del Foro di

Ivrea, per procura speciale conferita in calce al controricorso;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale della Valle d’Aosta, sez. 2^, depositata in data 6.11.2006

n. 25;

rilevato che l’avv. Guido Romanelli per il Comune resistente, ha

depositato atto di accettazione della rinuncia al ricorso debitamente

sottoscritto;

udita la relazione svolta dal Cons. Dott. Stefano Olivieri;

udito il PM in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

Lettieri Nicola che ha concluso per la estinzione del giudizio.

Fatto

RILEVATO IN FATTO E DIRITTO

– che in data 29.9.2011 è stato depositato presso la Cancelleria della Corte atto di rinuncia al ricorso, con intergale compensazione delle spese di lite, sottoscritto dal presidente della regione Valle d’Aosta e dal difensore avv. Livia Salvini, spedito per la notifica alla parte resistente in data 27.9.2011. – che alla odierna udienza è stata depositata dal difensore del resistente, avv. Guido Romanelli, copia notificata dell’atto rinuncia al ricorso, con contestuale compensazione delle spese, e sottoscritto per accettazione ai sensi dell’art. 390 c.p.c., comma 3. – che pertanto sussistono i presupposti previsti dagli artt. 390 e 391 c.p.c. per la pronuncia di estinzione del giudizio.

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio. Spese compensate.

Così deciso in Roma, il 6 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 16 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA