Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27100 del 28/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 28/12/2016, (ud. 19/09/2016, dep.28/12/2016),  n. 27100

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PICCIALLI Luigi – Presidente –

Dott. DAVIGO Piercamillo – Consigliere –

Dott. SANDRINI Enrico – Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

Dott. GUARDIANO Alfredo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 15777-2011 proposto da:

T.S., titolare della Ditta individuale, elettivamente

domiciliato in ROMA VIA VAL DI LANZO 79, presso lo studio

dell’avvocato GIUSEPPE IACONO QUARANTINO, rappresentato e difeso

dall’avvocato LIBORIO PIRRONE BALSAMO giusta delega in calce;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO LOCALE DI TERMINI IMERESE, in persona

del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 100/2010 della COMM.TRIB.REG. di PALERMO,

depositata il 10/06/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

19/09/2016 dal Consigliere Dott. ALFREDO GUARDIANO;

udito per il controricorrente l’Avvocato CAPOLUPO che dichiara di

aver ricevuto l’atto di rinuncia e aderisce alla compensazione delle

spese;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PEPE Alessandro, che ha concluso per l’estinzione del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il T.S. ha impugnato avviso di accertamento IVA + IRPEF + IRAP, relativamente all’anno 1999.

La Commissione tributaria provinciale aveva accolto il ricorso, ma quella regionale” ha ribaltato la decisione di primo grado, in accoglimento dell’appello proposto dall’Agenzia delle Entrate, Ufficio di Termini Imerese, confermando l’atto impositivo.

Avverso quest’ultima a sentenza propone ricorso il contribuente, per ottenerne la cassazione, che affida ad un unico motivo, cui l’Agenzia replica con controricorso. In data 17 agosto 2016 è stata depositata dal ricorrente formale rinunzia al ricorso. La rinunzia è presentata dagli eredi del ricorrente, i quali premesso che T.S. ha definito la lite fiscale di cui al giudizio in oggetto e che lo stesso è deceduto il (OMISSIS), rappresentano di rinunziare al ricorso per cessazione della materia del contendere, senza alcuna condanna alle spese, come conseguenza del sopravvenuto accordo.

L’avvocatura dello Stato aderisce alla compensazione delle spese.

Il giudizio va, pertanto, dichiarato estinto, con compensazione delle spese tra le parti.

PQM

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio di cassazione e compensa le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 19 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 28 dicembre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA