Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27048 del 15/12/2011

Cassazione civile sez. lav., 15/12/2011, (ud. 23/11/2011, dep. 15/12/2011), n.27048

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente –

Dott. CURZIO Pietro – rel. Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 25275-2009 proposto da:

C.I.S.L. FPS DI TREVISO, in persona del legale rappresentante pro

tempore, domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso LA CANCELLERIA

DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato BRUNELLO GAUDENZIA, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

PROVINCIA TREVISO;

– intimato –

nonchè da:

PROVINCIA TREVISO, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA F. CONFALONIERI 5, presso lo

studio dell’avvocato MANZI ANDREA, che la rappresenta e difende

unitamente agli avvocati BOTTEON FRANCO, MALVESTIO MASSIMO, MARCO

ZANON, giusta delega in atti;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

C.I.S.L. FPS DI TREVISO;

– intimata –

avverso la sentenza n. 655/2008 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 28/07/2009 R.G.N. 203/06;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

23/11/2011 dal Consigliere Dott. PIETRO CURZIO;

udito l’Avvocato COGLITORE EMANITELE per delega MANZI ANDREA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FRESA Mario che ha concluso per il rigetto del ricorso principale,

assorbito l’incidentale.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La CISL FPS di Treviso propose un ricorso ai sensi dell’art. 28 st.

lav. Denunziando per condotta antisindacale la Provincia di Treviso per aver trasferito l’ing. B., dirigente sindacale, peraltro demansionandolo, senza il suo nulla osta.

Il Tribunale respinse il ricorso e respinse anche l’opposizione.

La Corte d’appello di Venezia ha rigettato l’appello con sentenza pubblicata il 28 luglio 2009.

Il sindacato ricorre per cassazione, articolando tre motivi.

La Provincia di Treviso si difende con controricorso e propone ricorso incidentale condizionato.

Con il primo motivo il ricorrente denunzia violazione e falsa applicazione dell’art. 22 st. lav.. Con il secondo motivo si denunzia violazione dell’art. 28 st. lav. e degli artt. 414 e 421 c.p.c.. Con il terzo motivo si denunzia violazione dell’art. 2103 c.c. e del D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 52.

I fatti accertati dalla Corte di merito non sono contestati. Non vengono denunziati vizi di motivazione in ordine a fatti decisivi e controversi. Così la Corte li descrive:

l’ing. B., rappresentante sindacale unitario appartenente alla CISL-FPS, svolgeva la propria attività nel settore lavori pubblici-edilizia in (OMISSIS). Con provvedimento del direttore generale del 22 novembre 2004, venne trasferito al settore gestione del territorio in via (OMISSIS). I due edifici distano circa 200 metri tra loro.

La Corte ha escluso che fosse necessario il nulla osta in base a quanto disposto dall’art. 18, comma 4, del contratto collettivo quadro di comparto del 7 agosto 1998.

Il sindacato ricorrente, come si è visto denunzia violazione dell’art. 22 st. lav. e ritiene che l’interpretazione fornita dalla Corte del complesso normativo costituito da tale norma e dalla su indicata norma del contratto collettivo quadro sia errata.

Il ricorso non è fondato.

L’art. 22 st. lav. si esprime così: “il trasferimento dall’unità produttiva dei dirigenti … (sindacali) … può essere disposto solo previo nulla osta delle associazioni sindacali di appartenenza”.

Quindi richiede il nulla osta per il trasferimento dall’unità produttivà.

L’art. 18, comma 4, del contratto collettivo nazionale quadro sulle modalità di utilizzo dei distacchi, aspettative e permessi nonchè delle altre prerogative sindacali, stipulato il 7 agosto 1998, dispone: “il trasferimento in un’unità operativa ubicata in sede diversa da quella di assegnazione dei dirigenti sindacali indicati nell’ art. 10, può essere predisposto solo previo nulla osta delle rispettive organizzazioni sindacali di appartenenza e della rsu ove il dirigente ne sia componente”.

Quindi la previsione dell’autonomia collettiva rimane nel solco della previsione legislativa perchè entrambe richiedono un trasferimento da una unità, produttiva od operativa, ad un’altra, ma aggiunge qualcosa in più, perchè il trasferimento di unità deve anche comportare un trasferimento di sede. Se si passa semplicemente da una unità produttiva od operativa ad un’altra, all’interno però della medesima sede, il trasferimento non richiede il nulla osta.

Il problema diventa allora quello di stabilire cosa debba intendersi per sede.

Dal modo in cui il concetto è utilizzato nella normativa su riportata si desume che è un concetto più ampio di quello di unità produttiva od operativa.

Per delineare questo concetto i giudici di merito hanno fatto riferimento alla L. n. 417 del 1978, art. 1, comma 2, in base al quale, “per sede di servizio si intende il centro abitato o la località isolata in cui hanno sede l’ufficio o l’impianto presso il quale il dipendente presta abitualmente servizio”.

Il sindacato critica la scelta ermeneutica, assumendo che tale normativa riguarda unicamente i dipendenti statali e non quelli degli enti locali ed è dettata solo al fine di disciplinare le missioni e i trasferimenti, ma non riguarda le prerogative sindacali.

Entrambe le critiche non sono fondate.

La normativa, sebbene dettata per i dipendenti dello Stato, fissa limiti invalicabili anche per le normative riguardanti i dipendenti di regioni, province e comuni, come si desume dalla medesima Legge, art. 20.

E’ vero poi che non si tratta di una normativa specifica sulle prerogative sindacali, ma il punto è che la normativa su tali prerogative dettata dall’accordo quadro fa riferimento ai concetti generali di trasferimento, unità operativa e sede, senza definirli.

In assenza di una definizione finalizzata, questi concetti devono essere intesi nel significato desumibile dalle prescrizioni rinvenibili nell’ordinamento.

D’altro canto, la norma dell’accordo quadro, introducendo una distinzione tra sede e unità operativa, come si è visto, assegna alla sede un significato più ampio di quello di ufficio o impianto, entità rapportabili ad unità operative, e mostra di porsi in linea con la distinzione tra sede ed ufficio o impianto su cui si basa la L. n. 417 del 1978, art. 1.

L’interpretazione della normativa in esame fornita dalla Corte di Venezia è quindi corretta e condivisibile.

Con il secondo motivo si denunzia violazione dell’art. 28 st. lav. e degli artt. 414 e 437 c.p.c.. La Corte di Venezia, secondo il ricorrente, avrebbe violato tali norme, perchè non ha preso in esame alcuni eventi successivi al provvedimento di rigetto della fase cautelare, rilevanti ai fini della valutazione del demansionamento.

Il motivo è generico, e pertanto inammissibile, perchè non specifica in cosa consistono questi fatti, nè tanto meno il perchè della loro rilevanza ai fini della decisione.

Con il terzo motivo il ricorrente denunzia violazione dell’art. 2103 c.c. e del D.Lgs n. 165 del 2001, art. 52. La tesi è che la Corte, nel verificare la sussistenza o meno di un demansionamento connesso al trasferimento, ha posto a confronto le mansioni svolte prima del trasferimento con quelle che la provincia ha dichiarato che avrebbe fatto svolgere al dipendente e non con quelle realmente svolte.

Anche questo motivo è inammissibile per assoluta genericità, perchè il ricorrente non spiega quali sono state le mansioni di fatto svolte dopo il trasferimento che la Corte avrebbe dovuto considerare ai fini del suo giudizio e che invece ha omesso di considerare.

Il ricorso, pertanto, deve essere rigettato. Il ricorso incidentale, condizionato all’accoglimento del principale, rimane assorbito.

La spese legali, per legge, devono essere poste a carico della parte che perde il giudizio.

PQM

La Corte riuniti ricorsi, rigetta il ricorso principale, assorbito l’incidentale condizionato. Condanna il ricorrente a rifondere alla controricorrente le spese del giudizio di cassazione, che liquida in 50 Euro, nonchè 3.000,00 Euro per onorari, oltre accessori.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 23 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 15 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA