Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27042 del 06/10/2021

Cassazione civile sez. trib., 06/10/2021, (ud. 13/07/2021, dep. 06/10/2021), n.27042

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SORRENTINO Federico – Presidente –

Dott. D’ANGIOLELLA Rosita – Consigliere –

Dott. GUIDA Riccardo – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello M. – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 6819/2015 R.G. proposto da:

P.N., in qualità di erede universale del sig.

D.P.D., con l’avv. Alessandra Luigia Maria Sagone e con domicilio

elettro presso lo studio dell’avv. Raffaele De Stefano in Roma, via

Postumia n. 1;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, in persona del legale rappresentante p.t.,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, con

domicilio ex lege in Roma, alla via dei Portoghesi, n. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Lombardia, Milano, n. 4130/43/14 pronunciata il 17 giugno 2014 e

depositata il 24 luglio 2014, non notificata;

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 13 luglio

2021 dal Cons. Marcello M. Fracanzani.

 

Fatto

RILEVATO

1. Il contribuente D.P.D., socio accomandante della società Multimarketing S.a.s. di T. & C. per la quota del 5%, era attinto da un avviso di accertamento in relazione agli anni d’imposta 2005 ai fini Irpef, addizionale regionale e sanzioni. Invero, a seguito dell’accertamento condotto sulla società, l’Ufficio recuperava a tassazione il maggior reddito, imputato al socio per trasparenza.

2. Il contribuente adiva la Commissione tributaria provinciale, eccependo in principalità la decadenza dell’Ufficio dal potere di accertamento essendo stati gli atti impositivi notificati oltre il termine ordinario: l’Amministrazione finanziaria aveva invero esercitato il proprio potere di accertamento ritenendo di poter fruire del principio del raddoppio dei termini, e ciò sia nei confronti della società sia nei confronti dei soci. Potere che tuttavia non poteva esserle riconosciuto essendo il contribuente totalmente estraneo alle condotte delittuose, accertate in capo al solo socio accomandatario.

3. I due gradi di merito erano favorevoli all’Ufficio.

4. Invoca la cassazione della sentenza l’erede universale del contribuente, medio tempore deceduto, che si affida ad un unico motivo di ricorso, cui resiste l’Avvocatura generale dello Stato con tempestivo controricorso.

5.In prossimità dell’adunanza camerale, la parte privata ha depositato memoria a sostegno delle proprie ragioni ed il P.G. ha depositato conclusioni scritte chiedendo il rigetto del ricorso.

Diritto

CONSIDERATO

1. Occorre premettere che nella fattispecie in esame trova applicazione la questione rilevabile d’ufficio, affermata dalle Sezioni Unite di questa Corte, secondo cui vige il principio dell’unitarietà dell’accertamento alla base della rettifica delle dichiarazioni dei redditi delle società di persone e delle associazioni di cui al D.P.R. n. 917 del 1986, art. 5, e dei rispettivi soci, con la conseguente automatica imputazione dei redditi a ciascuno di costoro, proporzionalmente alla quota di partecipazione agli utili ed indipendentemente dalla percezione degli stessi. Invero ciò comporta, in linea astratta, che il ricorso tributario proposto, anche avverso un solo avviso di rettifica, dalla società o da uno dei componenti di essa riguardi inscindibilmente sia l’ente associativo, sia i membri di esso, salvo il caso in cui questi prospettino (solo) questioni personali (vedi Cass., Sezioni unite civili, 4 giugno 2008, n. 14815) (Cfr. Cass., V, n. 1451 del 2021).

1.1 Nella fattispecie in esame viene in evidenza la contestazione di mancata esposizione della dichiarazione dei redditi da parte della Multimarketing s.a.s., nonché di operazioni oggettivamente inesistenti, donde la ripresa a tassazione anche verso i soci per trasparenza.

Al proposito, la Corte rammenta che, fin dalla citata sentenza delle Sezioni Unite n. 14815 del 4 giugno 2008, è stato statuito come “In materia tributaria, l’unitarietà dell’accertamento che è alla base della rettifica delle dichiarazioni dei redditi delle società di persone e delle associazioni di cui al D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 5, e dei soci delle stesse e la conseguente automatica imputazione dei redditi a ciascun socio, proporzionalmente alla quota di partecipazione agli utili ed indipendentemente dalla percezione degli stessi, comporta che il ricorso tributario proposto, anche avverso un solo avviso di rettifica, da uno dei soci o dalla società riguarda inscindibilmente sia la società che tutti i soci – salvo il caso in cui questi prospettino questioni personali -, sicché tutti questi soggetti devono essere parte dello stesso procedimento e la controversia non può essere decisa limitatamente ad alcuni soltanto di essi; siffatta controversia, infatti, non ha ad oggetto una singola posizione debitoria del o dei ricorrenti, bensì gli elementi comuni della fattispecie costitutiva dell’obbligazione dedotta nell’atto autoritativo impugnato, con conseguente configurabilità di un caso di litisconsorzio necessario originario. Conseguentemente, il ricorso proposto anche da uno soltanto dei soggetti interessati impone l’integrazione del contraddittorio ai sensi del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 14 (salva la possibilità di riunione ai sensi del successivo art. 29, che non si è verificata nella fattispecie all’esame) ed il giudizio celebrato senza la partecipazione di tutti i litisconsorzi necessari è affetto da nullità assoluta, rilevabile in ogni stato e grado del procedimento, anche di ufficio” (conforme, tra le molte, Cass. 20 aprile 2016 n. 7789). Tale principio è stato affinato ritenendo non necessario il rinvio al primo giudice, disponendo le riunione per economia processuale e rispetto della ragionevole durata del processo quando: a) vi sia identità di causa petendi dei ricorsi; b) simultanea proposizione degli stessi avverso sostanziale avviso unitario di accertamento da cui scaturiscono le rettifiche reddituali per società e soci; c) simultanea trattazione degli afferenti processi in entrambi i gradi di merito; d) identità sostanziale delle decisioni ivi adottate (cfr. Cass. S.U. 3830 del 2010, Cass. V, n. 3789 del 2018), ma neppure questa eventualità si è verificata.

Ne consegue la nullità dell’intero giudizio con la remissione al giudice di primo grado.

PQM

La Corte dichiara la nullità dell’intero giudizio, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla CTP di Milano, anche per la regolazione delle spese del presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 13 luglio 2021.

Depositato in Cancelleria il 6 ottobre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA