Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27028 del 15/12/2011

Cassazione civile sez. VI, 15/12/2011, (ud. 17/11/2011, dep. 15/12/2011), n.27028

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FINOCCHIARO Mario – Presidente –

Dott. MASSERA Maurizio – rel. Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 24338/2010 proposto da:

C.V. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIALE G. MAZZINI 114/B, presso lo studio dell’avvocato COLETTA

VIRGINIA, rappresentato e difeso dall’avvocato SIGNORE Maddalena,

giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

SOCIETA’ COOPERATIVA LE TRE TORRI in persona del suo legale

rappresentante pro tempore ed inoltre C.G., + ALTRI

OMESSI

tutti elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA DANTE DE BLASI 8, presso lo studio dell’avv. EUGENIO

POLITO, rappresentati e difesi dall’avv. MEGALE Giulio, giusta

procura speciale a margine del controricorso e ricorso incidentale;

– controricorrenti e ricorrenti incidentali –

contro

C.V. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIALE G. MAZZINI 114/B, presso lo studio dell’avvocato COLETTA

VIRGINIA, rappresentato e difeso dall’avvocato MADDALENA SIGNORE,

giusta procura speciale a margine del ricorso per cassazione;

– controricorrente al ricorrente incidentale –

avverso la sentenza n. 2803/2009 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI del

15.7.09, depositata il 28/09/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

17/11/2011 dal Consigliere Relatore Dott. MAURIZIO MASSERA;

udito per il ricorrente e controricorrente al ricorrente incidentale

l’Avvocato Maddalena Signore che si riporta agli scritti.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. ANTONIETTA

CARESTIA che nulla osserva rispetto alla relazione scritta.

La Corte, letti gli atti depositati:

Fatto

OSSERVA

E’ stata depositata la seguente relazione:

1 – Il fatto che ha originato la controversia è il seguente:

C.V. ha chiesto la condanna della Cooperativa Edilizia Cellolese Le Tre Torri S.r.l. e dei singoli assegnatari delle unità immobiliari al pagamento di L. 375.596.953 e la declaratoria di inefficacia ex art. 2901 c.c., degli atti di assegnazione.

Con sentenza depositata in data 28 settembre 2009 la Corte d’Appello di Napoli, in parziale riforma della sentenza del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, ha dichiarato cessata la materia del contendere in ordine alla domanda di condanna dei soci assegnatari al pagamento dell’importo precisato in motivazione, ha rigettato la domanda di restituzione di L. 140.000.000, ha accolto la domanda riconvenzionale e, semplificate le reciproche ragioni creditorie, ha condannato la Cooperativa a pagare al C. Euro 38.383,00.

2 Il relatore propone la trattazione del ricorso in camera di consiglio ai sensi degli artt. 375, 376, 380 bis c.p.c..

3. – Il ricorso principale di C.V. è inammissibile, poichè l’atto è stato formulato come compilazione nella quale vengono riportati tutti atti processuali pregressi, omettendo l’opera di rappresentazione e interpretazione dei fatti giuridici, attraverso le quali normalmente emerge e viene prospettato il caso giuridico sul quale viene richiesto l’intervento di nomofilachia o di critica logica da parte della Corte Suprema, che distingue il ricorso di legittimità dalle impugnazione di merito (confronta Cass. n. 15180 del 2010).

4. – Il ricorso incidentale della Cooperativa e dei soci è tardivo, essendo stato notificato il 24 novembre 2010, quindi oltre l’anno prorogato dei 46 giorni di sospensione dei termini processuali durante il periodo feriale, dal deposito della sentenza impugnata, che risale al 28 settembre 2009. Ne consegue che l’inammissibilità del ricorso principale ne determina la inefficacia ai sensi dell’art. 334 c.p.c., comma 2.

5.- La relazione è stata comunicata al pubblico ministero e notificata ai difensori delle parti;

Il ricorrente ha presentato memoria ed ha chiesto d’essere ascoltato in camera di consiglio;

6.- Ritenuto:

che, a seguito della discussione sul ricorso, tenuta nella camera di consiglio, il collegio ha condiviso i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione;

che le argomentazioni addotte dal ricorrente con la memoria contrastano con l’orientamento giurisprudenziale ormai consolidato;

che il ricorso principale deve perciò essere dichiarato inammissibile con conseguente inefficacia del ricorso incidentale;

spese compensate;

visti gli artt. 380 bis e 385 cod. proc. civ..

P.Q.M.

Riunisce i ricorsi; dichiara il ricorso principale inammissibile e il ricorso incidentale inefficace. Spese compensate.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 3, il 17 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 15 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA