Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27024 del 23/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 23/10/2019, (ud. 12/06/2019, dep. 23/10/2019), n.27024

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – rel. Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18447-2018 proposto da:

G.V., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dagli avvocati

ROBERTO TAGLIONE, CLAUDIO ALBANESE;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE – RISCOSSIONE (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

NOMENTANA 403, presso lo studio dell’avvocato ANTONELLA FIORINI,

rappresentata e difesa dall’avvocato VINCENZO RAGNI;

– controricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2509/4/2018 della COMMISSIONE TRIBUTAIRIA

RGIONALE di ROMA, depositata il 18/04/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/06/2019 dal Consigliere Relatore Dott. MARIA ENZA

LA TORRE.

Fatto

RITENUTO

che:

G.V. ricorre per la cassazione della sentenza della CTR del Lazio, meglio indicata in epigrafe, che in controversia su impugnazione di avviso di iscrizione ipotecaria – attinente a plurime cartelle di pagamento relative ad eterogenee pretese tributarie per diversi periodi d’imposta – ha respinto l’appello del contribuente. In particolare la CTR ha rilevato che, a fronte della regolare notifica delle cartelle di pagamento presupposte all’atto impugnato, non più confutabili e su cui “nulla è stato contestato da parte del ricorrente nel giudizio di primo grado”, correttamente è stata pronunciata l’inammissibilità del ricorso vertente sulla pretesa tributaria, e non su vizi propri dell’atto impugnato.

L’Agenzia delle entrate si costituisce con controricorso, anche in contraddittorio con Agenzia delle entrate riscossione.

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione si costituisce con controricorso e deposita successiva memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Con l’unico motivo si deduce genericamente violazione dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3. Dal contenuto del ricorso emerge una duplice doglianza: a) violazione dell’art. 2719 c.c., in relazione alla mancata esibizione dell’originale della relata di notificata da parte dell’Ufficio; b) la violazione dell’art. 2938 c.c., non potendo la prescrizione essere rilevata d’ufficio, ma deve essere eccepita dalla parte che ne ha interesse.

Il ricorso è inammissibile in relazione a entrambe le doglianze.

Quanto alla denunciata violazione dell’art. 2719 c.c., non risulta dalla sentenza impugnata la proposizione nei gradi di merito del motivo sulla richiesta di produzione dell’originale della relata di notifica avanzata nei confronti dell’Ufficio, non essendo riprodotto nel ricorso il relativo motivo con deduzioni fin dal primo grado di giudizio nè presente, altresì, le sue deduzioni. Il ricorrente avrebbe dovuto, quantomeno, trascrivere il contenuto dell’atto di appello in relazione all’indicato motivo, fornendo al contempo alla Corte elementi sicuri per consentirne l’individuazione e il reperimento negli atti processuali, potendosi solo così ritenere assolto l’onere, rispettivamente previsto a presidio del suddetto principio dall’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6, e dall’art. 369 c.p.c., comma 2, n. 4 (Cass. 12 febbraio 2014, n. 3224; Cass. SU 11 aprile 2012, n. 5698; Cass. SU 3 novembre 2011, n. 22726).

Il motivo è inammissibile anche in relazione alla dedotta violazione dell’art. 2938 c.c., in quanto non coglie la ratio decidendi della sentenza impugnata, che si fonda sulla accertata regolarità della notifica delle cartelle di pagamento sottese all’atto impugnato e non contestato.

Le spese vengono liquidate come in dispositivo rispetto a una sola parte, trattandosi di litisconsorzio processuale. Sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, previsto dal D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 bis.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese nei confronti dell’Agenzia delle entrate liquidate in Euro 5.000,00, oltre spese prenotate a debito. Sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, ex art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 12 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 23 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA