Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2702 del 28/01/2022

Cassazione civile sez. trib., 28/01/2022, (ud. 06/12/2021, dep. 28/01/2022), n.2702

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Presidente –

Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. TRISCARI G. – rel. Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO DI NOCERA M.G. – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

Sul ricorso iscritto al n. 5520 del ruolo generale dell’anno 2013

proposto da:

B.E., titolare della ditta individuale “Sebino Cars di

B.E., rappresentato e difeso dall’Avv. Giovanni Valtulini,

per procura speciale a margine del ricorso, elettivamente

domiciliato in Roma, via Celimontana, n. 38, presso lo studio

dell’Avv. Paolo Panariti;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura generale dello Stato, presso

i cui uffici in Roma, via dei Portoghesi, n. 12, è domiciliata;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale della Lombardia, sezione staccata di Brescia, n.

121/64/2012, depositata in data 18 settembre 2012;

udita la relazione svolta nella Camera di Consiglio del 6 dicembre

2021 dal Consigliere Giancarlo Triscari.

 

Fatto

RILEVATO

che:

dall’esposizione in fatto della sentenza impugnata si evince che: l’Agenzia delle entrate aveva notificato a B.E., titolare della ditta individuale “Sebino Cars di B.E.”, quattro avvisi di accertamento relativi agli anni 2001, 2002, 2003 e 2004, con i quali aveva rideterminato maggiori redditi imponibili ai fini Iva, Irpef e Irap, in considerazione del fatto che le fatture erano relative ad operazioni inesistenti, attesa la partecipazione del contribuente ad una frode carosello; avverso gli atti impositivi il contribuente aveva proposto ricorso che era stato rigettato dalla Commissione tributaria provinciale di Bergamo; avverso la decisione del giudice di primo grado il contribuente aveva proposto appello;

la Commissione tributaria regionale della Lombardia, sezione staccata di Bergamo, ha dichiarato inammissibile l’appello, avendo rilevato d’ufficio che l’appellante non aveva assolto all’adempimento di cui al D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53, comma 2, e in particolare che, essendo stato l’atto di appello notificato direttamente dal difensore a mezzo del servizio postale, non risultava agli atti il deposito di copia dell’atto di appello presso la segreteria della Commissione tributaria provinciale che aveva emesso la sentenza;

il contribuente ha quindi proposto ricorso per la cassazione della sentenza affidato a cinque motivi di censura, cui ha resistito l’Agenzia delle entrate depositando controricorso;

questa Corte, con ordinanza del 29 gennaio 2020, aveva disposto il rinvio a nuovo ruolo per l’acquisizione dei fascicoli relativi ai giudizi di merito.

Diritto

CONSIDERATO

che:

con il primo motivo di ricorso si censura la sentenza per avere erroneamente dichiarato inammissibile l’appello per inosservanza dell’adempimento di cui al D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53, in quanto, invece, per mero errore materiale, il giudice di appello non ha verificato che la documentazione era stata ritualmente prodotta dinanzi alla segreteria della Commissione tributaria provinciale che aveva emesso la sentenza di primo grado;

con il secondo motivo di ricorso si censura la sentenza per avere ritenuto assorbita la doglianza relativa alla nullità degli avvisi di accertamento attesa la carenza di motivazione;

con il terzo motivo di ricorso si censura la sentenza per avere ritenuta assorbita la questione relativa alla carenza di prova circa la sussistenza degli elementi costitutivi della attività fraudolenta;

con il quarto motivo di ricorso si censura la sentenza per avere ritenuta assorbita la questione relativa alla estraneità del ricorrente all’operazione fraudolenta;

con il quinto motivo di ricorso si censura la sentenza per avere ritenuta assorbita la questione relativa alla mancata deducibilità dei costi in ipotesi di operazioni soggettivamente inesistenti;

il ricorso è inammissibile;

ed invero, questa Corte (Cass., Sez. Un., 30 giugno 2009, n. 15227) ha affermato che la verifica, da parte del giudice tributario di secondo grado, dell’avvenuto deposito dell’atto d’appello presso la segreteria del giudice che ha pronunciato la sentenza impugnata, quando il ricorso non sia notificato a mezzo di ufficiale giudiziario (ai sensi del D.Lgs. n. 31 dicembre 1992, n. 546, art. 53, comma 2), costituisce oggetto di un accertamento di fatto, e non di una interpretazione degli atti processuali. Pertanto, la parte la quale lamenti che il giudice d’appello abbia dichiarato inammissibile il gravame, sull’erroneo presupposto che il suddetto deposito non fosse avvenuto, ha l’onere di impugnare la sentenza con la revocazione ordinaria, e non col ricorso per cassazione;

la rilevata inammissibilità del ricorso impedisce l’esame delle ulteriori doglianze proposte dal ricorrente, afferenti a motivi non esaminati dal giudice di appello perché ritenuti assorbiti;

ai fini delle spese di lite del presente giudizio, le stesse vanno integralmente compensate tra le parti, ai sensi dell’art. 92 c.p.c., comma 2, integrando, all’uopo, giusto motivo la certamente non immediata percepibilità della ritenuta natura revocatoria del peculiare vizio denunziato;

si dà atto, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso, a norma del comma 1 bis dello stesso art. 13, se dovuto.

P.Q.M.

La Corte:

dichiara inammissibile il ricorso e compensa le spese di lite; dà atto, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, il 6 dicembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 28 gennaio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA