Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27017 del 26/11/2020

Cassazione civile sez. VI, 26/11/2020, (ud. 25/09/2020, dep. 26/11/2020), n.27017

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. RUSSO Rita – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16011-2019 proposto da:

FALLIMENTO (OMISSIS) – FALL N. 13/2018, in persona dei curatori pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA PAOLA FALCONIERI,

100, presso lo studio dell’avvocato PAOLA FIECCHI, rappresentato e

difeso dall’avvocato GIUSEPPE MACCIOTTA;

– ricorrente –

contro

INPS -ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, AGENZIA DELLE

ENTRATE CAGLIARI RISCOSSIONE;

avverso la sentenza n. 1080/18/2018 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della SARDEGNA, depositata il 13/11/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 25/09/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa RUSSO

RITA.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

I curatori del fallimento della (OMISSIS) propongono ricorso per cassazione avverso la sentenza della CTR della Sardegna che ha dichiarato estinto il giudizio di appello proposto dall’INPS nei confronti della contribuente, nel quale i curatori del fallimento hanno proposto appello incidentale. Il giudizio riguarda l’opposizione a cartella di pagamento per contestate omissioni contributive. Nel corso del giudizio di appello all’udienza del 22 maggio 2018, si dava atto che la casa di cura, già fallita e precedentemente ritornata in bonis, era stata nuovamente dichiarata fallita in data 18 gennaio 2018; il procedimento tributario era quindi interrotto. La CTR della Sardegna con sentenza del 13 novembre 2018 ha dichiarato estinto il giudizio perchè non riassunto nel termine di tre mesi.

Avverso la predetta sentenza propone ricorso per cassazione la curatela affidandosi a un motivo Non si sono costituiti gli intimati. Assegnato il procedimento alla sezione sesta, su proposta del relatore è stata fissata l’adunanza camerale ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. notificando la proposta e il decreto alle parti.

Diritto

RITENUTO

CHE:

3.- Con il primo motivo del ricorso, la parte lamenta la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 43 in quanto il processo sospeso interrotto deve essere riassunto entro sei mesi dalla dichiarazione della interruzione e non entro tre mesi come erroneamente ritenuto dal giudice d’appello. Il processo dichiarato interrotto l’udienza del 22 maggio 2018 è stato riassunto nel novembre 2018. Deduce che ha pertanto errato la CTR a dichiarare estinto il giudizio peraltro sull’erroneo presupposto che il processo fosse interrotto per decesso del difensore.

Il motivo è fondato.

Il D.lgs. n. 546 del 1992, art. 43, comma 2, prevede che “Se entro sei mesi da quando è stata dichiarata l’interruzione del processo la parte colpita dall’evento o i suoi successori o qualsiasi altra parte presentano istanza di trattazione al presidente di sezione della commissione, quest’ultimo provvede a norma del comma precedente”.

Ha qui errato la CTR ha dichiarare estinto il giudizio per tardiva riassunzione, sul presupposto che il giudizio non è stato riassunto nel termine di mesi tre.

Ne consegue, in accoglimento del ricorso, la cassazione della sentenza impugnata ed il rinvio alla CTR della Sardegna in diversa composizione per un nuovo esame e per la liquidazione delle spese anche del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso cassa la sentenza impugnata e rinvia per un nuovo esame alla CTR della Sardegna in diversa composizione per un nuovo esame e per la liquidazione delle spese anche del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 25 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 26 novembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA