Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 27009 del 26/11/2020

Cassazione civile sez. VI, 26/11/2020, (ud. 05/11/2020, dep. 26/11/2020), n.27009

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE STEFANO Franco – Presidente –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – rel. Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26029-2019 proposto da:

M.M., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dagli avvocati

BENEDETTO GIORDANO, ROBERTO BOLOGNESI, NICOLA DI PIERRO;

– ricorrente –

contro

P.S.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 2574/2019 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 04/07/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 05/11/2020 dal Consigliere Relatore Dott. DELL’UTRI

MARCO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

con sentenza resa in data 4/7/2019, la Corte d’appello di Venezia, in parziale accoglimento dell’appello proposto da P.S., per quel che rileva in questa sede, ha dichiarato la cessazione degli effetti del comodato originariamente concluso tra Pr.Ro. e M.M. in relazione all’immobile dedotto in giudizio, ordinando al M. il rilascio di detto immobile;

a fondamento della decisione assunta, la corte d’appello ha evidenziato come, sulla base di quanto emerso dall’istruttoria condotta, fosse rimasta comprovata l’originaria conclusione del contratto di comodato tra M.M. e Pr.Ro., con la conseguente fondatezza della domanda di restituzione proposta dalla P. (avente causa della Pr.) in ragione della rilevata cessazione del contratto di comodato a seguito della richiesta di restituzione da parte della proprietaria;

avverso la sentenza d’appello, M.M. propone ricorso per cassazione sulla base di quattro motivi d’impugnazione;

P.S. non ha svolto difese in questa sede;

a seguito della fissazione della camera di consiglio, sulla proposta di definizione del relatore, emessa ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., il ricorrente non ha presentato memoria, avendo, viceversa, fatto pervenire una nuova procura ad litem in data 20/10/2020.

Diritto

CONSIDERATO

che:

l’odierno ricorso deve ritenersi inammissibile, siccome privo del requisito dell’esposizione sommaria dei fatti, prescritto, a pena di inammissibilità, dall’art. 366 c.p.c., comma 1 n. 3;

detta esposizione, costituendo (in forza della norma richiamata) un requisito di contenuto-forma del ricorso, deve consistere in un sintetico resoconto dei fatti di causa idoneo a garantire, alla Corte di cassazione, l’acquisizione di una chiara e completa cognizione del fatto sostanziale che ha originato la controversia e del fatto processuale, senza dover ricorrere ad altre fonti o atti in suo possesso, compresa la stessa sentenza impugnata (Sez. U, Sentenza n. 11653 del 18/05/2006, Rv. 588770 – 01);

sulla base di tale premessa, è necessario che il ricorso per cassazione contenga, sia pure in modo non analitico o particolareggiato, l’indicazione sommaria delle reciproche pretese delle parti, con i presupposti di fatto e le ragioni di diritto che le hanno giustificate, delle eccezioni, delle difese e delle deduzioni di ciascuna parte in relazione alla posizione avversaria, dello svolgersi della vicenda processuale nelle sue articolazioni e, dunque, delle argomentazioni essenziali, in fatto e in diritto, su cui si è fondata la sentenza di primo grado, delle difese svolte dalle parti in appello, ed in fine del tenore della sentenza impugnata;

nel caso di specie, il ricorrente si è limitato a indicare, nel paragrafo del ricorso dedicato all’esposizione sommaria dei fatti di causa, le sole conclusioni assunte dalle parti, oltre a un sintetico richiamo alle attività svolte in sede processuale, senza indicare alcunchè in ordine alle reciproche pretese sostanziali dei litiganti, ai presupposti di fatto e alle ragioni di diritto destinata giustificarle, con la conseguente impossibilità, per il giudice di legittimità, di assumere una chiara e completa cognizione del fatto sostanziale che ha originato la controversia senza ricorrere all’esame di altre fonti;

l’indicata irriducibile carenza degli elementi essenziali del ricorso- ne impone la dichiarazione di inammissibilità, siccome redatto in violazione dell’art. 366 c.p.c., n. 3;

non vi è luogo per l’adozione di alcuna statuizione in ordine alla regolazione delle spese del giudizio, non avendo l’intimata svolto alcuna difesa in questa sede;

dev’essere, viceversa, attestata la sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, art. 1-bis.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, art. 1-bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta Sezione Civile – 3, della Corte Suprema di Cassazione, il 5 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 26 novembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA