Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26974 del 22/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 22/10/2019, (ud. 23/05/2019, dep. 22/10/2019), n.26974

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

Dott. GIANNITI Pasquale – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 2408/2018 R.G. proposto da

R.B., rappresentato e difeso dall’Avv. Pierandrea Setzu;

– ricorrente –

contro

Ministero della Giustizia;

– intimato –

avverso il decreto del Tribunale di Cagliari, n. 5913/2017,

depositato il 22 maggio 2017;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 23 maggio

2019 dal Consigliere Emilio Iannello.

Fatto

RILEVATO

che:

1. R.B. ricorre con due mezzi, nei confronti del Ministero della Giustizia (che non svolge difese nella presente sede), avverso il provvedimento con il quale, in data 22/5/2017, il Tribunale di Cagliari ha rigettato la sua domanda di risarcimento dei danni subiti a causa della detenzione in diverse carceri italiane, in condizioni inumane, dal 10/2/1980 al 1/6/2000, ritenendo prescritto il relativo diritto.

2. Essendo state ritenute sussistenti le condizioni per la trattazione del ricorso ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., il relatore designato ha redatto proposta, che è stata notificata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza della Corte.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Con il primo motivo il ricorrente deduce, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, violazione degli artt. 2935 e 2964 c.c., del D.L. 26 giugno 2014, n. 922, convertito dalla L. 11 agosto 2014, n. 117, per avere il tribunale accolto l’eccezione di prescrizione opposta dal ministero, senza tener conto dell’incompatibilità tra la decadenza prevista dalla disposizione transitoria di cui all’art. 2 del menzionato decreto legge e l’istituto della prescrizione.

2. Con il secondo motivo il ricorrente deduce poi, ancora ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, falsa applicazione dell’art. 2947 c.c. e art. 35-ter ord. pen., per avere il giudice a quo ritenuto che il rimedio azionato abbia carattere risarcitorio e non indennitario e che pertanto ad esso fosse applicabile il termine di prescrizione quinquennale ex art. 2947 c.c..

2. I motivi, congiuntamente esaminabili in quanto intimamente connessi, sono fondati, nei termini appresso precisati.

Sulle questioni con essi poste si sono nelle more pronunciate le Sezioni Unite di questa Corte con sentenza n. 11018 dell’08/05/2018.

Più esattamente la questione della quale esse sono state investite (con ordinanza di questa sezione n. 22764 del 2017, R.G.N. 22170 del 2015, richiamata in ricorso) – sollevata in un caso analogo a quello qui in esame, in cui si verteva sulla durata e sulla decorrenza del termine prescrizionale rispetto a pretesa risarcitoria relativa a detenzione in stato di degrado protrattasi per una pluralità di periodi conclusasi prima dell’entrata in vigore del D.L. n. 92 del 2014 -riguardava l’applicabilità alla fattispecie in esame del principio di diritto espresso dalla sentenza n. 16783 del 2012 delle Sezioni Unite civili (in tema di equa riparazione per l’irragionevole durata del processo) e la natura giuridica del rimedio previsto dall’art. 35-ter ord. pen..

Nel risolvere tale questione le Sezioni Unite hanno affermato il seguente principio di diritto: “il diritto ad una somma di denaro pari a otto Euro per ciascuna giornata di detenzione in condizioni non conformi ai criteri di cui all’art. 3 della Convenzione dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, previsto dall’art. 35-ter ord. pen., comma 3, si prescrive in dieci anni, che decorrono dal compimento di ciascun giorno di detenzione nelle su indicate condizioni. Coloro che abbiano cessato di espiare la pena detentiva prima dell’entrata in vigore della nuova normativa, se non sono incorsi nelle decadenze previste dall’art. 2 D.L. n. 92 del 2014 convertito in L. n. 117 del 2014, hanno anch’essi diritto all’indennizzo ex art. 35-ter ord. pen., comma 3, il cui termine di prescrizione in questo caso non opera prima del 28 giugno 2014, data di entrata in vigore del decreto legge”.

I passaggi argomentativi di tale decisione possono così compendiarsi:

– il D.L. 92 del 2014, introducendo nell’ordinamento l’art. 35-ter ord. pen., ha creato un rimedio nuovo e distinto da quello desumibile dal contesto interordinamentale previgente, di natura prettamente indennitaria (v. p.p. 47 e 51 della sentenza);

trattasi di istituto applicabile retroattivamente, per espressa indicazione desumibile dalle norme, anche a situazioni pregresse (v. p. 50);

data la natura indennitaria, non risarcitoria, del rimedio compensativo introdotto nell’ordinamento, lo stesso è soggetto a prescrizione decennale (p. 54);

la prescrizione non è in via generale incompatibile con la decadenza;

se nell’ambito della disciplina transitoria dettata dal D.L. n. 92 del 2014, art. 2 la prescrizione decorre dall’entrata in vigore della legge, questa forma di estinzione rimarrà assorbita in tutti i casi in cui il diritto viene meno perchè l’azione non è stata proposta nel termine di decadenza di sei mesi dalla entrata in vigore della legge (p.p. 57-58).

3. Il provvedimento impugnato ha applicato regole di giudizio opposte a quelle sopra esposte, avendo invero espressamente ritenuto che il rimedio evocato “abbia natura risarcitoria e non indennitaria”; che la prescrizione conseguentemente matura nel termine di cinque anni ex art. 2947 c.c.; che la stessa decorra giorno per giorno, anche anteriormente alla entrata in vigore della citata legge.

Lo stesso pertanto va cassato, con rinvio al giudice a quo, al quale va anche demandato il regolamento delle spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

accoglie il ricorso, nei termini di cui in motivazione; cassa l’ordinanza impugnata; rinvia al Tribunale di Cagliari in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 23 maggio 2019.

Depositato in Cancelleria il 22 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA