Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26899 del 14/12/2011

Cassazione civile sez. VI, 14/12/2011, (ud. 18/11/2011, dep. 14/12/2011), n.26899

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PICCIALLI Luigi – rel. Presidente –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – Consigliere –

Dott. BIANCHINI Bruno – Consigliere –

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

Z.G. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CIPRO 77, presso lo studio dell’avvocato RUSSILLO GERARDO,

rappresentato e difeso dall’avvocato GLICERIO GIUSEPPE giusta procura

a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

INGEGNERE CAPO DEL DISTRETTO MINERARIO DI CALTANISSETTA,

(Dipartimento Corpo Regionale delle Miniere – Distetto Minerario di

Caltanissetta), in persona del legale rappresentante, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

– ricorrenti incidentali –

avverso la sentenza n. 131/2009 del TRIBUNALE di AGRIGENTO, SEZIONE

DISTACCATA di LICATA del 28/04/09, depositata l’11/08/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

18/11/2011 dal Consigliere Relatore Dott. LUIGI PICCIALLI;

è presente il P.G. in persona del Dott. PIERFELICE PRATIS.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Si trascrive di seguito la relazione preliminare:

“RELAZIONE ex art. 380 bis in rel. 375 c.p.c. nel procedimento vertente tra Z.G. (ricorrente) e INGEGNERE CAPO del DISTRETTO MINERARIO di CALTANISSETTA – DIPARTIMNTO CORPO REGIONALE delle MINIERE -DISTRETTO MINERARIO di CALTANISSETTA (controricorrente e ricorrente incidentale), avente ad oggetto il ricorso avverso contro la sentenza del Tribunale di Agrigento, sez. dist. di Licata n. 208 del 28.4-11.8.09.

Il relatore, rilevato che la sentenza in oggetto è stata pronunziata ai sensi della L. n. 689 del 1981, art. 23 all’esito di un giudizio di opposizione ad ingiunzione di pagamento di sanzione per illecito amministrativo;

considerato: che ai sensi dell’art. 23, comma 5 cit., così come modificato dal D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40, art. 26, comma 1, lett. a) le sentenze in questione non sono più impugnabili con ricorso per cassazione, ma soggette ad appello; che tale modifica ai sensi del successivo art. 27 comma 2, si applica con riferimento alle sentenze pubblicate a partire dalla data di entrata in vigore (vale a dire dal 1.3.2006) del D.Lgs. n. 40 del 2006;

tenuto conto che la sentenza è stata emessa e pubblicata successivamente a tale data, propone dichiararsi l’inammissibilità del ricorso principale e l’inefficacia di quello incidentale.

Roma 7 luglio 2011 il Cons. rel. dott. L. Piccialli.

Tanto premesso, il collegio esaminata la memoria adesiva di parte resistente;

condivise e richiamate le ragioni esposte dal relatore;

tenuto conto, ai fini del regolamento delle spese, della soccombenza.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso principale, inefficace quello incidentale e condanna il ricorrente principale al rimborso, in favore dell’amministrazione resistente, delle spese del giudizio, in misura di Euro 1.200,00, oltre quelle prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 18 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 14 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA