Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26892 del 23/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. un., 23/12/2016, (ud. 13/09/2016, dep.23/12/2016),  n. 26892

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RORDORF Renato – Primo Pres.te f.f. –

Dott. DI AMATO Sergio – Presidente Sezione –

Dott. AMOROSO Giovanni – Presidente Sezione –

Dott. SPIRITO Angelo – Presidente Sezione –

Dott. CURZIO Pietro – rel. Pres. Sezione –

Dott. AMBROSIO Annamaria – Presidente Sezione –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente Sezione –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi A. – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 23193-2014 proposto da:

R.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA PAOLO EMILIO

71, presso lo studio dell’avvocato SIMONETTA MARCHETTI, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato ANDREA LIPPI, per

delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro pro

tempore, RAGIONERIA TERRITORIALE DELLO STATO DI BRESCIA, in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, che li rappresenta e difende, ope legis;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 302/2014 della Prima Sezione Giurisdizionale

Centrale di appello – ROMA, depositata il 26/02/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

13/09/2016 dal Presidente Dott. CURZIO PIETRO;

uditi gli avvocati Simonetta MARCHETTI, Andrea LIPPI e DETTORI Bruno

per l’Avvocatura Generale dello Stato;

udito il P.M. in persona dell’Avvocato Generale Dott. IACOVIELLO

FRANCESCO MAURO, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

R.G., titolare di pensione militare privilegiata di 8^ cat., aggiornata al costo della vita con l’indennità integrativa speciale, ha prestato lavoro dipendente sino al 31 dicembre 2002 ed in seguito è divenuto titolare di pensione INPS rivalutata a mezzo degli indici ISTAT. La Ragioneria, a causa, prima dello svolgimento di altro lavoro poi della percezione di altra pensione, non gli ha corrisposto sulla pensione privilegiata indennità integrativa speciale e tredicesima mensilità in misura integrale (700,00 Euro circa), ma solo in misura parziale (c.d. minimo INPS, pari a 373,93 Euro).

Il ricorrente, prima in sede amministrativa, poi con ricorso alla Corte dei conti, chiese la corresponsione in misura integrale della indennità integrativa speciale sulla pensione privilegiata, tanto per il periodo in cui aveva lavorato percependo una retribuzione, che per il periodo di percezione della pensione INPS.

La Corte respinse la prima domanda per prescrizione ed il ricorrente non propose appello sul punto. Appellò invece la parte della sentenza relativa al periodo successivo al pensionamento INPS, sostenendo che la Corte aveva ritenuto che il trattamento pensionistico derivasse da un impiego pubblico, mentre derivava da lavoro privato ed inoltre aveva applicato un principio (quello del divieto di cumulo della indennità integrativa speciale su plurimi trattamenti pensionistici) applicabile esclusivamente alle pensioni liquidate prima del 1 gennaio 1995, epoca di entrata in vigore della L. n. 335 del 1995.

Nell’appello si sostenne che non si era in presenza di un caso di doppia percezione dell’ indennità integrativa speciale in costanza di un duplice trattamento pensionistico, ma invece di un soggetto che gode di una pensione tabellare (con indennità integrativa speciale corrisposta al minimo INPS) e di una pensione INPS (privatistica) per la quale l’indennità integrativa speciale non è prevista, con la conseguenza che era stata negata 1′ indennità integrativa speciale integrale ad un soggetto fruitore di un unico trattamento di pensione che preveda l’indennità integrativa speciale.

La Corte dei conti, sezione centrale di appello, respinse l’impugnazione del R., confermando la decisione di primo grado, salvo che sul punto relativo alle spese.

Contro tale decisione il ricorrente propone ricorso per cassazione. La Ragioneria si è difesa con controricorso.

Il ricorrente, formula un unico motivo, con il quale denunzia “violazione degli artt. 103, 111 e 117 Cost., per eccesso di potere giurisdizionale e violazione del limite esterno di giurisdizione”.

La tesi del ricorrente è che la Corte dei conti avrebbe creato una norma, in quanto la disciplina vigente prevede la limitazione del secondo trattamento pensionistico nei limiti del minimo INPS solo nel caso di percezione di due trattamenti che contemplino 1′ indennità integrativa speciale.

Il ricorso è inammissibile.

Le sentenze della Corte dei conti possono essere impugnate dinanzi alle sezioni unite della Corte di cassazione solo per motivi attinenti alla giurisdizione. Al di fuori di questo ambito il ricorso è inammissibile.

Il ricorrente sostiene che la Corte dei conti con la sentenza impugnata avrebbe travalicato i confini della sua giurisdizione perchè si è sostituita al legislatore, creando una nuova norma.

La tesi non è condivisibile.

La sentenza di appello premette che la riforma pensionistica ha previsto l’inglobamento della indennità integrativa speciale, che ha così cessato di essere elemento autonomo del trattamento. Ma la Corte sostiene che in tal modo ciò che prima veniva percepito con imputazione distinta in seguito ha continuato comunque ad essere percepito sebbene inglobato in altra voce. Questa constatazione comporta che il mutamento è meramente formale e che, sul piano fattuale, l’importo della indennità integrativa speciale continua ad essere percepito su entrambi i trattamenti economici. Questa constatazione porta la Corte a ritenere che il divieto (peraltro parziale) di cumulo persiste e che di conseguenza sulla seconda pensione (quella di cui si discute) l’indennità integrativa speciale deve essere percepita nella misura minore in cui viene versata al ricorrente (e cioè nei limiti necessari per ottenere l’integrazione della pensione sino all’importo corrispondente al trattamento minimo previsto per i fondi pensione lavoratori dipendenti, c.d. minimo INPS).

La scelta della Corte rientra nella sfera della sua giurisdizione in quanto attiene alla interpretazione della normativa. Non vi è pertanto nè invasione della sfera del potere legislativo, nè superamento dei limiti c.d. esterni della giurisdizione. Il ricorso per cassazione, di conseguenza, è inammissibile.

L’inammissibilità comporta la condanna alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità ed il raddoppio del contributo unificato.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità in favore del Ministero dell’economia e finanze, controricorrente, liquidandole in 3.000,00 Euro per compensi professionali, oltre 15% per spese forfetarie ed accessori. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2012, art. 13, comma 1 – quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso a norma del medesimo art. 13, comma 1 – bis.

Così deciso in Roma, il 13 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 23 dicembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA