Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26882 del 14/12/2011

Cassazione civile sez. lav., 14/12/2011, (ud. 15/11/2011, dep. 14/12/2011), n.26882

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROSELLI Federico – Presidente –

Dott. DE RENZIS Alessandro – rel. Consigliere –

Dott. AMOROSO Giovanni – Consigliere –

Dott. BRONZINI Giuseppe – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

CONSORZIO DI BONIFICA DELL’AGRO PONTINO, in persona del suo

Presidente e legale rappresentate pro tempore C.C.,

elettivamente domiciliata in Roma, Via Antonio Gramsci n. 9, presso

lo studio dell’Avv. Martino Claudio, che lo rappresenta e difende per

procura speciale per atto notaio Enzo Becchetti di Latina rep. 16219

del 19 marzo 2010;

– ricorrente –

contro

C.F.;

– intimato –

e sul ricorso proposto DA:

C.F., elettivamente domiciliato in Roma, Piazza Amerigo

Capponi n. 9, presso lo studio dell’Avv. Angelillo Albino,

rappresentato e difeso dall’Avv. Petracci Fabio;

– controricorrente ricorrente incidentale –

contro

CONSORZIO DI BONIFICA DELL’AGRO PONTINO, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in Roma, Via

San Tommaso D’Aquino n. 104, presso lo studio dell’Avv. Marika Dotto,

rappresentato e difeso dall’avv. Rosano Domenico come da procura in

atti e da ultimo come da procura notarile in atti del 19 marzo 2010;

– controricorrente al ricorso incidentale –

per la cassazione della sentenza n. 7730/07 della Corte di Appello di

Roma dei 16.11.2007/ 20.08.2008 nella causa R.G. n. 6718/2005;

sentito il P.M., in persona del Sost. Proc. Gen. Dott. VIOLA Alfredo

Pompeo, che ha concluso per l’estinzione del processo per rinuncia.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. Con sentenza n. 7730 del 2007 la Corte di Appello di Roma, in riforma della decisione di primo grado del Tribunale di Latina, ha dichiarato nullo, in quanto sorretto da intento ritorsivo, il licenziamento intimato in data 19.07.2002 a C.F. da parte del CONSORZIO DI BONIFICA DELL’AGRO PONTINO, disponendo la reintegrazione dello stesso C. nel suo posto di lavoro e la condanna del Consorzio al risarcimento del danno pari alle mensilità della retribuzione maturate dalla data del licenziamento fino all’effettiva reintegra, oltre interessi e rivalutazione ed oltre versamento dei contributi previdenziali. Il Consorzio ricorre per cassazione in base a quattro motivi.

Il C. resiste con controricorso, contenente ricorso incidentale.

2. I due ricorsi vanno riuniti ex art. 335 c.p.c.. Ciò posto, in via preliminare va preso atto della rinuncia del ricorrente principale e del ricorrente incidentale ai rispettivi ricorsi per cassazione.

La rinuncia, intervenuta in data 2 novembre 2011, risulta sottoscritta da entrambe le parti e dai rispettivi difensori Claudio Martino per il Consorzio e dall’Avv. Fabio Petracci per il C..

In tale situazione s’impone la dichiarazione di estinzione del processo.

Le spese del giudizio di cassazione vano compensate, come convenuto tra le stesse parti.

P.Q.M.

La Corte riunisce i ricorsi, dichiara l’estinzione del processo per rinuncia e compensa le spese.

Così deciso in Roma, il 15 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 14 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA