Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26876 del 29/11/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Decr. Sez. 6 Num. 26876 Anno 2013
Presidente:
Relatore:

DECRETO

Ud.

sul ricorso 16285-2013 proposto da:
CUCCORESE MARIA CONSUELO CCCMCN68P64L219R, ANFOSSI
ROBERTO NFSRRT66S03C627B, elettivamente domiciliati in
ROMA, P.ZA ADRIANA 5 SC. A/13, presso lo studio
dell’avvocato MASIANI ROBERTO, che li rappresenta e
difende unitamente all’avvocato BERTINO DARIO giusta
procura a margine del ricorso;
– ricorrenti contro

PIVELLI GIORGIO, in qualità di erede di Paschetta
Teresa, PIVELLI TIZIANA, in qualità di soci di TEGIO
Società Semplice, elettivamente domiciliati in ROMA,
VIA E. QUIRINO VISCONTI, 103 presso lo studio
2013

dell’Avvocato MASSIMO SEGNALINI che li rappresenta e

322

difende unitamente all’Avvocato DANIELA FANFANI giusta
procura a margine del ricorso successivo;
-ricorrenti successivi contro

Data pubblicazione: 29/11/2013

PIOVANO GIACOMO, AIASSA DOMENICA, LAZZERINI EMANUELA;
– intimati –

avverso la sentenza n. 1955/2012 della CORTE D’APPELLO

di TORINO del 27/11/2012, depositata il 06/12/2012;

Il Presidente delegato della II Sottosezione della VI Sezione civile

Rilevato che Roberto Anfossi e Maria Consuelo Cuccorese hanno proposto ricorso
per cassazione avverso la sentenza della Corte di appello di Torino in data
27.11/6.12.2012;

che, con atto del 5 settembre 2013, i predetti ricorrenti hanno dichiarato di
rinunciare al ricorso come proposto;
che pertanto il presente giudizio va dichiarato estinto per intervenuta rinuncia, senza
necessità di pronuncia sulle spese
PQM
Dichiara estinto il giudizio per intervenuta rinuncia;
nulla per le spese.
Manda alla Cancelleria di dare avviso alle parti del presente provvedimento, con
l’avvertenza che entro dieci giorni dall’avvenuta comunicazione potranno impugnare
il provvedimento stesso.
Roma, 11 novembre 2013
Il Presidente1 d legato

che gli intimati non hanno svolto attività difensiva;

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA