Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26731 del 22/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 22/12/2016, (ud. 02/12/2016, dep.22/12/2016),  n. 26731

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PICCININNI Carlo – rel. Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. ZOSO Liana M.T. – Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. FASANO Anna Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 23824-2013 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

L.P., L.M.N., D.S. nq di eredi

dell’Ing. L.J. (deceduto), elettivamente domiciliati in ROMA

VIA A. FARNESE 7, presso lo studio dell’avvocato CLAUDIO BERLIRI,

che li rappresenta e difende unitamente all’avvocato ALESSANDRO

COGLIATI DEZZA giusta delega a margine;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 43/2013 della COMM. TRIB. REG. di VENEZIA,

depositata il 12/06/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

02/12/2016 dal Presidente e Relatore Dott. PICCININNI CARLO;

udito per il ricorrente l’Avvocato MADDALO che ha chiesto

l’accoglimento;

udito per i controricorrenti l’Avvocato BERLIRI che ha chiesto il

rigetto;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DE

MASELLIS MARIELLA che ha concluso per l’inammissibilità e in

subordine il rigetto del ricorso.

Fatto

MOTIVAZIONE SEMPLIFICATA

La controversia nasce dall’impugnazione di un silenzio rifiuto avverso una richiesta di L.J., ex dirigente Enel, di rimborso delle trattenute Irperf operate sulla somma liquidata all’atto della cessazione del rapporto di lavoro, in luogo del trattamento della pensione integrativa.

L’esito della lite era il seguente: accoglimento in primo grado e in appello delle richieste del contribuente, cassazione di detta decisione e quindi riassunzione davanti al giudice del merito, che riteneva applicabile la ritenuta del 12,50% sull’importo maturato in ragione del rendimento di polizza per gli iscritti alla Previdenza Integrativa Aziendale (PIA).

Detta decisione veniva nuovamente impugnata dall’Agenzia delle Entrate con due motivi (si costituiva anche l’erede del contribuente ed entrambe le parti depositavano poi memoria), con il quale veniva denunciata l’inosservanza del principio di diritto enunciato da questa Corte con ordinanza 11/30757.

Premesso che il Collegio ha optato per la motivazione semplificata, si rileva che la censura è fondata poichè il giudice di legittimità aveva fra l’altro stabilito che, richiamati i principi enunciati in Cass. S.U. 11/13642, il presupposto dell’applicazione della ritenuta del 12,50% dovesse essere un accertamento – non compiuto dal giudice del merito – sulla natura e quantità del rendimento che sarebbe stato liquidato a favore del contribuente, da intendere come “rendimento netto, imputabile alla gestione del mercato da parte del Fondo del capitale accantonato”, e ciò certamente esclude che fosse demandato al giudice del rinvio alcun accertamento in ordine alla natura del fondo pensionistico dei dirigenti Enel.

La problematica relativa al titolo di corresponsione delle somme in discussione (vale a dire se questo dovesse essere individuato in un contratto di assicurazione ovvero di capitalizzazione) è stata dunque implicitamente risolta dal giudice di legittimità nel senso che si tratterebbe di somme corrisposte da un Fondo di previdenza complementare aziendale a capitalizzazione di versamenti e a causa previdenziale prevalente, per il quale l’applicabilità dell’aliquota del 12,50% era stata subordinata al fatto che il rendimento fosse costituito dall’impiego del capitale sul mercato, principio viceversa disatteso dal giudice del merito, che per l’appunto ha individuato il rendimento di polizza per gli iscritti alla PIA facendo riferimento non all’impiego del capitale sul mercato, ma a certificazioni rilasciate dall’Enel, aventi ad oggetto le relative quantificazioni determinate con modalità matematico attuariali.

Il ricorso va dunque accolto nei termini di cui in motivazione restando assorbita l’ulteriore doglianza prospettata, con conseguente cassazione della sentenza impugnata e rinvio al giudice del merito perchè dia effettivo corso al principio già affermato da questa Corte con ordinanza 11/30757, consistente nel riconoscimento del diritto del contribuente ad usufruire dell’aliquota del 12,50% limitatamente alla parte di rendimento frutto dell’impiego sul mercato del capitale accantonato.

PQM

Accoglie il ricorso nei termini di cui in motivazione, cassa la sentenza impugnata in relazione ai profili accolti e rinvia alla Commissione Tributaria Regionale del Veneto in diversa composizione, anche per le spese del presente giudizio.

Così deciso in Roma, il 2 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 22 dicembre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA