Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26686 del 22/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 22/12/2016, (ud. 06/12/2016, dep.22/12/2016),  n. 26686

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TIRELLI Francesco – Presidente –

Dott. BIELLI Stefano – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 18611-2010 proposto da:

N.R., in proprio e quale legale rappresentante e socio della

Soc. N.R. & C. SNC, elettivamente domiciliato in ROMA

VIA DEI LUCCHETTI ROSSI 1, presso lo studio dell’avvocato DANILO

PONGOLINI, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

GIUSEPPE ACCORDINO giusta delega in calce;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI PIACENZA, in persona del Direttore

pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI

12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 118/2009 della COMM.TRIB.REG.SEZ.DIST. di

PARMA, depositata il 14/09/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/12/2016 dal Consigliere Dott. LUCIO LUCIOTTI;

udito per il ricorrente l’Avvocato ACCORDINO che ha chiesto

l’accoglimento;

udito per il controricorrente l’Avvocato TIDORE che si riporta al

controricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CARDINO Alberto, che ha concluso per l’accoglimento del motivo 1 b.

Fatto

FATTO E DIRITTO

LA CORTE, premesso che N.R., in proprio e quale legale rappresentante della N.R. & C. s.n.c., ha proposto ricorso nei confronti della Agenzia delle entrate per la cassazione della sentenza della Commissione Tributaria Regionale sez. distaccata di Parma n. 118 del 14 settembre 2009 di accoglimento dell’appello proposto dall’Ufficio finanziario avverso la sentenza di primo grado che aveva annullato gli avvisi di accertamento con i quali l’Amministrazione finanziaria aveva proceduto, ai sensi del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39, comma 2, alla rettifica induttiva del reddito d’impresa dichiarato dalla predetta società ai fini IRPEF, IVA ed IRAP per l’anno di imposta 2003, e rettificato ai sensi dell’art. 5 TUIR (D.P.R. n. 917 del 1986) il reddito dei soci N.R. e R.T.M.;

– che dalla sentenza impugnata si evince che oltre alla predetta società e al socio N.R. anche l’altro socio aveva partecipato ad entrambi i giudizi di merito, ma a quest’ultimo non risulta essere stato notificato il ricorso per cassazione;

– ritenuto, quindi, di dover disporre, ai sensi dell’art. 331 c.p.c., l’integrazione del contraddittorio nei confronti della parte pretermessa e non spontaneamente costituitasi (cfr. Cass. n. 10934 del 2015), fissando all’uopo il termine di mesi tre;

PQM

ordina l’integrazione del contraddittorio nei confronti di R.T.M. da effettuarsi nel termine di mesi tre dalla comunicazione della presente ordinanza e rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della sezione quinta civile, il 6 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 22 dicembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA