Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2668 del 04/02/2010

Cassazione civile sez. lav., 04/02/2010, (ud. 09/12/2009, dep. 04/02/2010), n.2668

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAVAGNANI Erminio – Presidente –

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. D’AGOSTINO Giancarlo – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 23721/2008 proposto da:

S.L., L.P.T., D.B.A., B.

M., S.P., V.S., M.P.,

C.M., elettivamente domiciliati in ROMA, PIAZZALE

DELLE BELLE ARTI 8, presso lo Studio dell’avvocato PELLICANO’

Antonino, che li rappresenta e difende, giusta procura in calce al

ricorso;

– ricorrenti –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DELLA FREZZA 17, presso l’AVVOCATURA

CENTRALE DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli Avvocati CORETTI

Antonietta, LUIGI CALIULO, LELIO MARITATO, giusta mandato speciale in

calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1673/2007 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO

dell’1/02/027, depositata il 03/10/2007;

è presente il P.G. in persona del Dott. RICCARDO FUZIO.

Fatto

MOTIVI

La Corte pronuncia in Camera di consiglio ex art. 375 c.p.c., a seguito di relazione ex art. 380 bis c.p.c..

La Corte d’appello di Catanzaro, confermando le sentenze di primo grado, previa riunione dei relativi giudizi di appello, ha rigettato le domande proposte in via monitoria da S.L. e da altri imprenditori agricoli, dirette a conseguire dall’Inps la restituzione di contributi corrisposti a causa del mancato godimento in via cumulativa delle riduzioni contributive a favore delle aziende operanti nel mezzogiorno e di quelle operanti nelle zone montane.

La Corte osservava che la questione controversa era stata risolta dalla norma interpretativa di cui al D.L. n. 269 del 2003, art. 44.

Le aziende agricole ricorrono per cassazione. L’Inps resiste con controricorso.

Le questioni sollevate con il ricorso ormai sono state esaminate numerose volte da questa Corte, che le ha ritenute infondate con sentenze che hanno fatto applicazione del seguente principio di diritto: “In tema di agevolazioni e benefici a contributivi previsti per le aziende agricole, non sono tra loro cumulabili, a norma della L. n. 67 del 1988, art. 9, comma 6, la riduzione contributiva prevista dal comma 5 dello stesso art. 9 (integrato dal D.L. n. 86 del 1988, art. 2, comma 6, convertito, con modificazioni, nella L. n. 160 del 1988, e poi sostituito dalla L. n. 537 del 1993, art. 11), in favore dei datori di lavoro del settore agricolo operanti in aree del territorio nazionale qualificate, in base ad apposite leggi, “territori montani” e “zone agricole svantaggiate”, e le riduzioni contributive previste dai commi 5 (sostitutivo della L. n. 64 del 1986, art. 14, comma 1) e art. 6 dell’art. 1 del D.L. n. 536 del 1987 (convertito, con modificazioni, nella L. n. 48 del 1988) in favore, rispettivamente, dei datori di lavoro del settore agricolo operanti nei territori del Mezzogiorno e dei datori di lavoro del settore agricolo in genere. Una pluralità di convergenti criteri ermeneutica conduce al divieto di cumulo anche a prescindere dall’incidenza del sopravvenuto del D.L. n. 269 del 2003, art. 44, comma 1, convertito, con modificazioni, nella L. n. 326 del 2003, che, con norma di interpretazione autentica, ha interpretato l’anzidetto della L. n. 67 del 1988, art. 9, comma 6, nel senso del divieto di cumulo tra riduzioni contributive. Ne consegue che la questione di costituzionalità della norma di interpretazione autentica, di cui al citato art. 44, prospettata sotto il profilo della asserita violazione dell’art. 117 Cost., comma 1, in riferimento all’art. 6 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti umani e delle libertà fondamentali, per l’incidenza sui giudizi in corso di norma con effetti retroattivi, deve ritenersi irrilevante nel giudizio “a quo”, giacchè la eventuale declaratoria di incostituzionale del predetto D.L. n. 239 del 2003, art. 44, comma 1, sarebbe priva di ogni concreta influenza circa l’interpretazione delle norme che trovano applicazione ai fini della decisione della controversia” (Cass. 21692/2008, 28271/2008 e altre).

Con le stesse decisioni si è rilevato che l’irrilevanza delle questioni di illegittimità costituzionale del D.L. n. 269 del 2003, art. 44, si estende anche a quelle prospettabili sotto il profilo del non giustificato ricorso al decreto legge. Si è anche osservato, quanto al riferimento alle norme costituzionali di tutela del lavoro in tutte le sue forme e applicazioni, di tutela dell’iniziativa economica privata e a favore delle zone montane, che dai relativi principi costituzionali non si desumono argomenti ermeneutici a sostegno di un possibile dubbio di legittimità costituzionale della ritenuta esclusione del cumulo dei benefici contributivi, in considerazione della indubbia discrezionalità del legislatore nel graduare i provvedimenti a favore delle zone montane (o di zone altrimenti svantaggiate) e del fatto che lo speciale regime circa la misura dei contributi dovuti dalle imprese agricole ivi operanti tutela queste ultime e il lavoro nelle stesse anche senza l’ulteriore vantaggio del preteso cumulo di benefici.

Sulla base del riportato principio e di queste ulteriori considerazioni, fatte proprie da tutta la più recente giurisprudenza in materia di questa Corte, il ricorso è qualificabile come manifestamente infondato.

Le spese vengono compensate in relazione alla complessità delle questioni e della sostanziale coincidenza dell’epoca della proposizione del ricorso con quella della pubblicazione delle prime sentenze di questa Corte che hanno dato inizio all’orientamento giurisprudenziale sopra richiamato.

PQM

La Corte rigetta il ricorso; compensa le spese.

Così deciso in Roma, il 9 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 4 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA