Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26662 del 28/11/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. L Num. 26662 Anno 2013
Presidente: LAMORGESE ANTONIO
Relatore: NAPOLETANO GIUSEPPE

SENTENZA

sul ricorso 9725-2009 proposto da:
SARDANO VITO C.F. SRDVTI48A01F376B, elettivamente
domiciliato in ROMA, PIAZZA MARTIRI DI BELFIORE 2,
presso lo studio dell’avvocato CONCETTI DOMENICO, che
lo rappresenta e difende, giusta delega in atti;
– ricorrente 2013
2979

contro

I.N.A.I.L – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE
CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO C.F. 01165400589, in
persona del legale rappresentante pro tempore,
elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE

Data pubblicazione: 28/11/2013

..

,

” 144, presso lo studio degli avvocati RASPANTI RITA, LA
PECCERELLA LUIGI, giusta delega in atti;
– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2550/2008 della CORTE D’APPELLO
di BARI, depositata il 01/07/2008 R.G.N. 1710/2004;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica
udienza del 23/10/2013 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE
NAPOLETANO;
udito l’Avvocato TRIVELLINI RAFFAELE per delega
CONCETTI DOMENICO;
udito l’Avvocato PUGLISI LUCIA per delega LA
PECCERELLA LUIGI;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. CARMELO CELENTANO che ha concluso per
il rigetto del ricorso.

,

RG 9725-09

– SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Corte di Appello di Bari confermando la sentenza di primo grado rigettava
la domanda di Sardano Vito, proposta nei confronti dell’INAIL, diretta al

con la condanna dell’Istituto convenuto al pagamento di una rendita nella
misura del 16%.

La Corte del merito, premesso che la domanda aveva ad oggetto esclusivamente
l’attribuzione di una rendita per postumi derivanti da malattia professionale
e non l’indennizzo per danno biologico

ex

art. 13 Dlgs n.38 del 2000,

condividendo le conclusioni del CTU nominato in appello, riteneva non
raggiunta la soglia indennizzabile.
Avverso questa sentenza il Sardano ricorre in cassazione sulla base di due
censure.

Resiste con controricorso l’INAIL.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo si deduce vizio di motivazione e si assume, formulando il
relativo quesito, che erroneamente la Corte del merito non ha ritenuto
proposta la domanda di indennizzo ex art. 13 Dlgs n.38 del 2000.
Con la seconda censura si denuncia violazione e falsa applicazione degli
.

artt. 99,437cpc e 66 n.2 TU n.1124 del 1965 con riferimento all’art. 13,

‘comma 2 ° , Dlgs n.38 del 2000 e si prospetta, articolando il relativo

1

riconoscimento dell’eziologia lavorativa della patologia di cui era portatore

interpello, che in virtù del richiamato art. 13, comma 2 ° , Dlgs n.38 del 2000
il giudice è sempre tenuto a riconoscere l’indennizzo in capitale del danno
– biologico pari o superiore al 6%.
Lé censure in quanto strettamente connesse vanno esaminate congiuntamente.

dell’indennizzo in capitale per le menomazioni dell’integrità psico-fisica
pari o superiori al 6%, conseguenti a infortunio sul lavoro, costituendone un
minus,

è implicita nella domanda di riconoscimento del diritto alla rendita

per inabilità causata da menomazioni pari o superiori al 16%. ( Cass. 27
gennaio 2011 n. 2058). E’ tuttavia altrettanto vero che, sempre secondo
questa Corte, in tema di infortuni sul lavoro e malattie professionali, il
nuovo regime introdotto dall’art. 13 del dlgs. n. 38 del 2000, al fine del
riconoscimento dell’indennizzo in capitale del danno biologico per
menomazioni superiori al 6 per cento sino al 16 per cento subito dal
lavoratore, si applica unicamente per i danni conseguenti ad infortuni sul
lavoro e a malattie professionali verificatisi o denunciati successivamente
all’entrata in vigore del d.m. 12 luglio 2000 recante le tabelle valutative
del danno biologico; conseguentemente, in caso di malattia (od infortunio)
denunciata dall’interessato prima del 9 agosto 2000, esso deve essere
valutata in termini d’incidenza sull’attitudine al lavoro del richiedente, ai
sensi dell’art. 74 del d.P.R. n. 1124 del 1965, e può dar luogo ad una
rendita per inabilità permanente solo in caso di riduzione di tale attitudine
in.misura superiore al 10 per cento (Cass. 5 maggio 2011 n. 9956 e Cass. 21
-luglio 2010 n.17089).

2

E’ pur vero che secondo questa Corte nella domanda di liquidazione

Tanto comporta che poiché nella specie si tratta di malattia denunciata
. dall’interessato prima del 9 agosto 2000, la stessa può essere valutata solo
‘ in termini d’incidenza sull’attitudine al lavoro del richiedente, ai sensi
dell’art. 74 del DPR n. 1124 del 1965, e come tale può dar luogo ad una
rendita per inabilità permanente solo in caso di riduzione di tale attitudine

secondo l’incontestato accertamento del giudice di merito.

Il ricorso va, quindi, rigettato.
Nulla deve disporsi per le spese del giudizio di legittimità ai sensi del
previgente art. 152 Disp. Att. cpc non trovando applicazione ratione temporis
la nuova disciplina delle spese nei procedimenti in materia di previdenza e
assistenza, introdotta dall’art. 42, comma undicesimo, decreto legge 30
settembre 2003 n. 269, convertito con modificazioni nella legge 24 novembre
2003 n. 326.
P.Q.M.

Rigetta

il

ricorso.

Nulla

per

le

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del 23 ottobre 2013

Il Presidente
Dott. Antno amorgese

Il Consigliere est.
– Dott. Giusep pi Na o

3

spese.

in misura superiore al 10 per cento,ipotesi questa qui non sussistente

Il Funzionario Giudiziario
Dott.ssa Donateli,

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA