Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26652 del 24/11/2020

Cassazione civile sez. trib., 24/11/2020, (ud. 16/09/2020, dep. 24/11/2020), n.26652

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – rel. Consigliere –

Dott. ZOSO Liana Maria Teresa – Consigliere –

Dott. BALSAMO Milena – Consigliere –

Dott. DELL’ORFANO Antonella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5923-2015 proposto da:

ELLEDI DUE SRL, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEGLI SCIPIONI

268 A, presso lo studio dell’avvocato DOMENICO GIUGNI, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente-

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, DIREZIONE PROVINCIALE L’AQUILA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 911/2014 della COMM. TRIB. REG. di L’AQUILA,

depositata il 22/08/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16/09/2020 dal Consigliere Dott. ORONZO DE MASI.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

ELLEDI DUE s.r.l. propone quattro motivi di ricorso per la cassazione della sentenza n. 911/2/14, depositata il 22/8/2014, con la quale la Commissione tributaria regionale dell’Abruzzo, a conferma della prima decisione, ha ritenuto legittimo l’avviso di liquidazione notificatole il 10/10/2012 dall’Agenzia delle entrate, in revoca (per mancato adempimento dell’obbligo di trasferimento nel triennio) dell’agevolazione dalla contribuente fruita in relazione all’atto registrato il 23/7/2009 con il quale la predetta società aveva acquistato da EDILPROGET s.r.l. due fabbricati, oltre ad alcuni terreni, siti in (OMISSIS) ed aventi natura strumentale, autoliquidando l’imposta di registro all’1% e l’imposta ipo – catastale in misura agevolata, ex art. 1, comma 1, periodo 6, Tariffa Prima Parte all. D.P.R. n. 131 del 1986, con contestuale impegno alla sua rivendita entro tre anni dall’acquisto.

Secondo la Commissione tributaria regionale correttamente l’Ufficio aveva revocato l’agevolazione, non essendo contestato che la società non avesse rivenduto nel triennio gli immobili acquistati con l’agevolazione, conseguendo da ciò l’assoggettamento dell’atto di trasferimento all’imposta di registro ed ipo – catastale in misura ordinaria, ed a nulla rilevando, ai fini dell’eventuale decadenza dell’azione accertativa dell’Amministrazione finanziaria, che quest’ultima avesse disposto la revoca del beneficio per mancato trasferimento dell’immobile nel triennio e non per l’insussistenza originaria dei presupposti agevolativi, in quanto beni strumentali, dal momento che la società non poteva giovarsi di tale insussistenza, trattandosi di condotta connotata da “mala fede iniziale a danno dell’Ufficio il quale, invece, non era obbligato a fare ulteriori accertamenti, basandosi sulle dichiarazioni dell’acquirente, se non quelli relativi all’avvenuta rivendita degli immobili acquistati entro i tre anni dall’acquisto stesso”. Aggiungeva il giudice di appello che “anche a voler accedere alla pretesa dell’appellante, contando i termini di sospensione per il sisma del 6 aprile 2009, i tre anni invocati dalla società non erano neanche spirati al momento della notifica (10.10.2012) dell’atto impugnato”.

L’Agenzia delle entrate resiste con controricorso; la ricorrente ha depositato memoria.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo di ricorso la società lamenta – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, violazione e falsa applicazione dell’art. 1, comma 1, periodo 6, Tariffa Prima Parte all. D.P.R. n. 131 del 1986, del D.P.R. n. 131 del 1986, art. 10, comma 1, n. 8 bis, del D.P.R. n. 131 del 1986, art. 76, poichè la CTR non ha considerato che gli immobili erano descritti nell’atto di trasferimento come strumentali (categoria catastale C/2 e C/6) all’attività d’impresa, e che l’Ufficio aveva la possibilità di rilevare la circostanza, oggettivamente incompatibile con l’accesso all’agevolazione, decorrendo così il termine di accertamento dalla registrazione dell’atto.

Con il secondo motivo lamenta – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, – omesso esame di un fatto decisivo, oggetto di discussione tra le parti, con riferimento alla dedotta natura strumentale dei beni acquistati dalla contribuente (categoria catastale D/6), circostanza per nulla presa in considerazione ai fini della decadenza dell’Ufficio, e della stessa insussistenza della pretesa impositiva, avendo la CTR ritenuto corretto far decorrere il termine di accertamento dall’inutile spirare del triennio di rivendita degli immobili.

Con il terzo motivo lamenta – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, – violazione e falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c., e dell’art. 2969 c.c., nonchè del O.P.C.M. 6 aprile 2009, n. 3753, art. 6, con riferimento alla sospensione dei termini comportanti prescrizioni e decadenze in scadenza nel periodo in cui vigeva lo stato d’emergenza nel territorio colpito dal sisma, essendosi la CTR pronunciata sul punto in assenza di deduzioni di parte e quindi in violazione del principio di corrispondenza tra chiesto e pronunciato.

Con il quarto motivo lamenta – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, – omesso esame di un fatto decisivo, oggetto di discussione tra le parti, con riferimento alla applicazione della sospensione dei termini di decadenza operata dalla CTR senza alcuna argomentazione circa la fonte normativa.

I primi due motivi di ricorso, scrutinabili congiuntamente, sono infondati e non meritano accoglimento.

La contribuente lamenta l’erroneità della decisione impugnata, sia sotto il profilo della violazione di legge, che del vizio motivazionale, stante la dedotta insussistenza iniziale dei presupposti della agevolazione, circostanza desumibile dal fatto che la porzione di fabbricato trasferita alla società ELLEDI DUE, riguardando beni strumentali, era esclusa dal regime agevolato di cui all’art. 1, comma 1, periodo 6, Tariffa Prima Parte all. D.P.R. n. 131 del 1986, non trattandosi di operazione esente dall’Iva D.P.R. n. 633 del 1972, ex art. 10, comma 1, n. 8 bis, essendo ininfluente che la parte acquirente avesse dichiarato nell’atto che intendeva trasferirli entro i successivi tre anni.

Ad avviso di parte ricorrente, l’Ufficio aveva la possibilità di recuperare la maggiore imposta nell’ordinario termine decadenziale (pacificamente non rispettato) di tre anni dalla registrazione dell’atto, cosa che non è accaduta, essendo stato notificato l’avviso di liquidazione soltanto in data 10/10/2012, termine che decorre dalla data in cui l’atto impositivo può essere emesso e dunque dallo stesso giorno della registrazione del contratto, in quanto il beneficio già originariamente non spettava.

L’agevolazione in esame trova la sua disciplina nell’art. 1, comma 1, tariffa, parte I, del D.P.R. n. 131 del 1986, in forza del quale: “Se il trasferimento avente per oggetto fabbricati o porzioni di fabbricato è esente dall’imposta sul valore aggiunto ai sensi del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, art. 10, comma 1, n. 8 – bis, ed è effettuato nei confronti di imprese che hanno per oggetto esclusivo o principale dell’attività esercitata la rivendita di beni immobili, a condizione che nell’atto l’acquirente dichiari che intende trasferirli entro tre anni: 1%”.

Orbene, quand’anche l’Amministrazione finanziaria fosse decaduta dalla potestà di contestare l’agevolazione in questione per difetto originario dei relativi requisiti (acquisto da privati fuori campo Iva, ma non esente dall’imposta D.P.R. n. 633 del 1972, ex art. 10), ciò non esclude il disconoscimento della stessa agevolazione in forza di una causa (mancato trasferimento nel triennio dall’acquisto) tutt’affatto diversa, ed in ordine alla quale il termine triennale di accertamento – perchè decorrente dal fatto sopravvenuto costituito dalla inutile scadenza del triennio di adempimento – non era ancora decorso, com’è pacifico, al momento della notificazione dell’avviso.

Pertanto, solo se fosse stata basata sul difetto originario dei requisiti agevolativi, la maggiore imposta (complementare) di registro, in recupero della illegittima fruizione della agevolazione, avrebbe dovuto senz’altro essere richiesta dall’Amministrazione finanziaria entro il termine di tre anni dalla registrazione dell’atto; fin da questo momento, infatti, essa era in grado di accertare tale difetto (Cass. S.U. n. 1196/2000, sia pure in tema di agevolazioni per l’acquisto della cosiddetta “prima casa”).

E tuttavia, sempre in applicazione di questo stesso principio, l’Amministrazione ben poteva disconoscere per altro titolo l’agevolazione, e procedere al recupero, usufruendo del termine triennale di accertamento appunto decorrente dal momento (inutile spirare del triennio di adempimento dell’obbligo di trasferimento dell’immobile) in cui la – diversa – causa di revoca si è concretizzata, così da poter (dover) essere verificata e sostenuta nei confronti del contribuente.

Nel caso di specie, la mancata attivazione dell’attività accertativa entro il triennio dalla registrazione dell’atto (per far valere il difetto originario dei requisiti agevolativi) ha fatto sì che il regime agevolato (ancorchè indebito, come dedotto dalla società contribuente) prendesse pieno vigore in tutti i suoi effetti di legge, compreso dunque l’obbligo di trasferimento dell’immobile nel triennio, cui è correlato l’autonoma anche quanto a disciplina decadenziale – diversa ed ulteriore causa di recupero individuata nel mancato adempimento di questo obbligo.

I restanti motivi di ricorso rimangono assorbiti essendo superfluo l’esame delle relative censure che attingono argomentazioni ulteriori sviluppate nella impugnata sentenza a sostegno della decisione adottata “anche a voler accedere alla pretesa dell’appellante” società circa la decorrenza del termine di decadenza triennale dalla data di registrazione dell’atto.

Il ricorso va dunque rigettato, con condanna della società ricorrente alla rifusione delle spese di lite, liquidate come in dispositivo.

P.Q.M.

La corte rigetta il ricorso e condanna parte ricorrente alla rifusione delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida in Euro 5.000,00, oltre spese prenotate a debito.

Visto il D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, come modificato dalla L. n. 228 del 2012, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, a carico della parte ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della quinta sezione civile, il 16 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 24 novembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA